Archivi del giorno: 29 aprile 2012

El Giro – Ideas para las elecciones mexicanas

El Giro – La Svolta, alcune idee per le elezioni presidenziali messicane del 1 luglio. Un video elaborato da un gruppo di studenti della UNAM (l’università più grande del mondo) per orientare idee e dibattiti su alcune proposte politiche e sociali verso un nuovo progetto per il Messico che presto andrà al voto. Riporto volentieri l’iniziativa di El Giro. Video in spagnolo. Qui il loro Blog.

Amigos, si les gusta El Giro, ayúdenos por favor dándole “Me Gusta” en Facebook. http://www.facebook.com/elgiromx ¡Muchas gracias! ¡Todos por el Giro!

En la coyuntura de un año tan trascendente del país, varios amigos, preocupados por el estado que guarda la Nación decidimos trascender las horas de discusiones de café por algo que pudiera ser útil no sólo a nosotros, sino a todos aquellos ciudadanos libres que al igual que nosotros ven un México regido por la injustica. Un México violento. Un México desigual. Aprovechando las próximas elecciones del primero de julio y dada la importancia de elegir un camino que aumente las posibilidad de construir el país que merecemos, proponemos el Giro…

No dejen de seguirnos en Twitter:

http://www.twitter.com/ElGiroMx

Bella Ciao, Diaz, Black Block e il grido: assassini…

A pochi giorni dall’uscita di Diaz, film di Daniele Vicari sul G8 di Genova del 2001, e dal 25 aprile, con le note di Bella Ciao nel cuore, ho scoperto che finalmente è possibile, da almeno un paio di settimane, vedere interamente il documentario Bella Ciao G8 Genova prodotto dalla RAI, ma mai trasmesso. Diaz non lo posso vedere dall’estero, ma questo sì, e n’è valsa la pena. Quindi “facciamo memoria”. Il documentario “boicottato” sul G8 di Genova è stato realizzato da Roberto Torelli e Marco Giusti. “Bella Ciao” è un documento unico, dura due ore ed è il solo che racconta nei dettagli, grazie alle immagini filmate dai giornalisti della RAI e di altre televisioni, la repressione durante la manifestazione contro il G8 a Genova nel luglio 2001. Molto bella (la consiglio!) la recensione e comparazione che fa Girolamo de Michele tra Diaz e Romanzo di una strage di Marco Tullio Giordana, due film con l’ambizione di “fare storia” con risultati differenti.

Torniamo al G8 e alla reUn evento che ha trasformato il dibattito, ha stigmatizzato il movimento anti-mondializzazione/globallizzazione riducendolo a una questione di “sicurezza”. Avremmo visto negli anni, fino ad oggi, come l’eccesso securitario, macchiato e sigillato col sangue del Social Forum a Genova, abbia poi diviso il paese, ostaggio sempre più della xenofobia leghista e del populismo berlusconiano.

Senza commenti, solo qualche spiegazione scritta, il film ci mostra la cruda verità, i cortei, gli spezzoni, la repressione, le evoluzioni e i fatti delle giornate più tragiche e sanguinose, il 20 e 21 luglio. Il documentario si apre e si chiude con i fatti della Scuola Diaz. La diffusione è stata “vietata” o boicottata nella televisione italiana, ma nelle ultime due settimane per fortuna un paio di utenti di YouTube l’hanno caricato per intero.

Assassini e bastardi sono le espressioni più ricorrenti nel video, nelle grida della gente. Riecheggia la frase di Amnesty International per definire i fatti di Genova e la mattanza della scuola Diaz e le violenze di Bolzaneto: “La più grande sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale dopo a Seconda guerra mondiale”.

Qui sopra il trailer di BLACK BLOCKdocumentario andato in onda su RaiTre il 15 aprile scorso a tarda notte…(ma perché??…). A questo LINK lo potete vedere integralmente finché resta On Line. E’ un film di Carlo Bachschmidt, Menzione speciale alla 68ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia, Premio Biografilm Lancia Award. Attraverso Lena e Niels (Amburgo), Chabi (Zaragoza), Mina (Parigi), Dan (Londra), Michael (Nizza) e Muli (Berlino) il film intende restituire una testimonianza di chi ha vissuto in prima persona le violenze del blitz alla scuola Diaz e le torture alla Caserma di Bolzaneto.

Rispetto a Bella Ciao questo è più – come dire – introspettivo, racconta storie di vita per ricostruire, 10 anni dopo, i fatti e la memoria, durissimi da accettare nel 2001, quando la realtà è stata appannata da un trattamento criminale e distorto da parte della maggior parte dei mass media, e ancor di più oggi. Infatti, sappiamo che i funzionari coinvolti (per esempio, a caso, l’ex Capo della Polizia Gianni Di Gennaro oggi “supervisore” dei servizi segreti.), “ligi servitori dello stato”, hanno fatto carriera malgrado le 25 condanne, nonostante le accuse contro i manifestanti siano state archiviate, nonostante le molotov inventate e i risarcimenti corrisposti, in attesa del responso della Cassazione. Certo, anche per loro vige la presunzione di innocenza fino a condanna definitiva, ma che facciano carriera quando alcuni fatti incontrovertibili sono stati provati, al di là dell’ultimo grado di giudizio e delle sentenze future e definitive, resta scandaloso. Infine. Chi erano o non erano i famigerati Black Bloc, scusa e motivo “ufficiale” dell’intervento violento e repressivo (anzi, ormai di ogni intervento) della polizia? Ecco un link.