Archivi tag: varese

La Lega. L’idiota in Politica. La Censura.

Ai leghisti leggere, dibattere, tollerare e ragionare proprio non va giù, e lo sappiamo da tempo. Il sindaco di Sesto Calende (Va), Marco Colombo (noto anche per la “rottura della corda del tiro alla fune“, primo a sinistra nella foto) ha escogitato un sistema legale ma deplorevole per censurare di fatto e far sparire dagli scaffali della biblioteca comunale un libro non gradito: si tratta de L’idiota in politica. Antropologia della Lega Nord dell’antropologa francese Lynda Dematteo che è uno studio profondo e (vedi breve video) critico del fenomeno leghista e dei suoi militanti. E il titolo è azzeccatissimo, vediamo.

L’idea del sindaco è stata questa: far prendere in prestito il libro dai suoi fedeli seguaci per far sì che resti sempre fuori dalla biblioteca comunale, introvabile. La prima a tenere “L’idiota in politica” per 3-4 mesi sarebbe stata Silvia Fantino, assessore alla Cultura (!), che l’ha anche letto. Poi lo ha spiegato per sommi capi al sindaco che probabilmente non ha avuto tempo nemmeno di sfogliarlo. La Fantino avrebbe confermato a Colombo che il testo è fazioso.

Riporta il sito del Corriere: «L’assessore lo dovrà restituire, ma io non mi arrendo – dice il sindaco –lo faremo prendere in prestito da un militante leghista ogni mese, a turno, così manifesteremo il nostro dissenso verso quell’acquisto». Colombo ha anche strigliato la bibliotecaria del paese. «È vero, le ho urlato dietro – conferma il primo cittadino – esiste una commissione che sceglie i libri e non mi risulta che la scelta sia stata condivisa. E poi, diciamolo, la bibliotecaria è di sinistra». E poi il gran finale su L’Idiota in politica: «Alla fine lo farò ritirare – sbotta -. Naturalmente mi rendo conto che non posso vietare un libro, però posso chiedere alla biblioteca di prestare il consenso alla vendita definitiva, per toglierlo dagli scaffali». Così magari lo potrà comprare a sezione della Lega di Sesto Calende e bruciarlo, no? Prove tecniche di fascismo, anche basta no?

Si prova a livello locale, si fa la marachella, si diventa famosi (tristemente), ci si fa conoscere e poi si prova a fare il grande salto, a entrare nelle grazie di qualche Maroni o Bossi di turno e alla fine ci ritroviamo pacchetti sicurezza (?), leggi e leggine liberticide anche a livello nazionale. Pure in Veneto si segue questa strada, si usa la regione come laboratorio sperimentale per provvedimenti nazionali.

Quindi torna il rogo di libri (breve documentario su tutta la vicenda, da vedere!), non in Veneto com’era successo l’anno scorso proprio in gennaio, ma nel varesotto, a Sesto Calende, che semprePadania profonda è. Un anno fa nasceva un collettivo di scrittori e giornalisti, attento e militante, contro i tentativi gravissimi di censura messi in atto da alcuni funzionari leghisti e Pdl del Venetocontro una lista di proscritti (si chiedeva alle biblioteche di ritirarli, ai presidi delle scuole di non ospitarli e a tutte le strutture di comuni e province di ostacolare le iniziative degli scrittori messi al bando – leggi la mozione, che fu solo uno dei tentativi di censura, qui).

Poi a Preganziol, provincia di Treviso, vi fu anche una manifestazione per rivendicare il diritto alla libertà di pensiero dopo che anche Gomorra di Saviano era sparito inspiegabilmente dagli scaffali. I giornali di tutto il mondo ne parlarono, forse meno in Italia che all’estero, ma comunque l’impatto fu grande e oggi è in circolazione un libro, l’oggetto probabilmente più odiato dai leghisti, che si chiamaSorci Verdi. Storie di ordinario leghismo e racconta gli abissi padani con i testi di 17 scrittori. Nonostante tutto…il lupo padano, verde erbaceo, insalata scondita, perde il pelo ma non il vizio.