Archivio dell'autore: gianpaelle

La lotta Mapuche nell’insurrezione cilena – Intervista a Rubén Collío

Gianpa L. e Susanna De Guio da DesdeAbajo

Sono passati più di quaranta giorni consecutivi di proteste in Cile, e la mobilitazione non accenna a scemare. Iniziata con il reclamo degli studenti per l’ennesimo aumento del biglietto della metro a Santiago, dal 18 ottobre si è estesa a tutto il territorio nazionale, moltiplicando le rivendicazioni e portando in piazza ampi settori della società.

Fin dall’inizio delle proteste, in tutte le manifestazioni sventolano numerose le bandiere del popolo nazione mapuche; sui muri le invettive contro la polizia e i politici si mescolano alle frasi in mapudungun [lingua mapuche].

Allo stesso tempo, fin dai primi giorni di mobilitazione, da diversi punti del Wallmapu – il territorio mapuche, che si estende verso sud tra Argentina e Cile – sono partiti messaggi di solidarietà alle proteste del popolo cileno.

Che cosa significa per il popolo mapuche la rivolta cilena dell’ultimo mese l’abbiamo chiesto a Rubén Collío, rappresentante della comunità mapuche di Tranguil e compagno di Macarena Valdés, attivista mapuche uccisa nel 2016 nella lotta contro l’installazione di una centrale idroelettrica sul fiume Tranguil.

Continua a leggere

“Contro il fascismo un parlamento delle donne da Cochabamba a Santa Cruz” – Intervista a María Galindo

di Andrea Cegna e Gianpa L. da il Manifesto

La crisi politica boliviana non si placa. L’autoproclamato governo di Janine Añez mostra con forza il progetto golpista: invece che un governo di scopo è immediatamente diventato un governo politico e ha dato libertà d’azione all’esercito nelle strade.

Le proteste contro questo governo non si placano. In piazza non ci sono solo i simpatizzanti del Mas e di Evo Morales, ma un insieme di forze sindacali e sociali che rifiutano l’attuale esecutivo ma considerano il governo Morales responsabile di errori e tradimenti. Tra questi il movimento femminista, che ha risposto alla militarizzazione e alla violenza chiamando e organizzando il «parlamento delle donne indigene». La sua fondatrice è María Galindo.

Ha paura per il possibile futuro della Bolivia?

Certo che ho paura. Ho paura perché vivo in Bolivia e perché lotto. Quella boliviana è di per sé una società molto complessa e il processo di fascistizzazione che stiamo vivendo usa l’omofobia, il razzismo e la misoginia come strumenti. Noi siamo donne molto attive e molto in vista, nello specifico io sono stata minacciata molte volte così come diverse volte sono stata bersaglio dell’odio. Il processo di fascistizzazione è molto grave sia a livello personale che a livello sociale.

Continua a leggere

In Bolivia «solo con un massacro potranno trionfare le destre». Intervista a Ramiro Saravia

di Gianpa L. e Andrea Cegna da IlManifesto

Ramiro Saravia vive a Cochabamba e coordina le attività della rete La Tinku che si occupa di organizzare attività culturali e sociali in città e creare coscienza rispetto alle organizzazioni e le pratiche delle comunità indigene. Della rete fa parte l’unico centro sociale occupato della Bolivia, La Tinkuna. La Tinku, organizzazione nata nel 1998, oltre a organizzare proiezioni, dibattiti e un’università popolare, ha anche partecipato alle lotte sociali più radicali come la Guerra dell’acqua, la Guerra della coca e la Guerra del gas.

Centro Sociale ‘La Tinkuna’ – Foto di Gianpa L.

Ramiro è stato a fianco di Evo Morales sulle barricate nel 2000 e con lui ha viaggiato in diversi centri sociali italiani ed europei. Nonostante la sua vicinanza all’ex-presidente boliviano, ha mantenuto uno spirito critico rispetto alle sue scelte. Ma non ha mai smesso di appoggiarlo: la campagna per il refenderum del 2016, che non vedeva di buon occhio, ha cercato di sfruttarla per promuovere la formazione politica dei più giovani e rimarcando la necessità di compiere le promesse articolate nella costituzione dello stato pluri-nazionale e comunitario boliviano.
Oggi proprio quei limiti del governo che non sono stati affrontati e quelle scelte poco lungimiranti hanno indebolito l’appoggio delle basi al governo “massista”, le destre stanno cercando di approfittare degli errori di Morales per imporre il loro potere economico, politico e militare.

Che clima si respira a Cochabamba in questi giorni?

La situazione è ancora molto tesa. Nonostante i blocchi stradali organizzati dalla destra che hanno immobilizzato la città negli scorsi 15 giorni non ci siano più, i sindacati dei campesinos del Tropico (Csutcb) hanno annunciato una manifestazione e blocchi in tutto il paese. Ora la questione più importante è la manifestazione di giovedì (ieri, troppo tardi per noi a causa del fuso, ndr) che ha come obiettivo quello di rifiutare il colpo di stato civico, poliziesco e militare.

Continua a leggere