Archivi categoria: Foto-Gallerie

Gagà: storia di carne, compendio di negritudine [fotogallery+poesia]

 

Pubblichiamo in traduzione italiana un testo dell’antropologa Fatima Portorreal Liriano scritto in risposta alla polemica che – anche quest’anno, in occasione della Pasqua – ha investito la tradizionale celebrazione del Gagà in Repubblica Dominicana.

Continua a leggere

La Higuera, un lugar en el mundo #Foto + #Reportaje #CheGuevara #Bolivia

Questo slideshow richiede JavaScript.

Brian, el niño sonriente (2) ©[Por Lautaro Actis – lautaroactis@hotmail.com – La Higuera, Bolivia, desde Revista Hekatombe] Existen lugares que por encontrarse en sitios remotos, poseer climas inhóspitos o por no disfrutar de ciertos servicios públicos, no son atractivos para muchas personas. La Higuera es uno de ellos. Lugar a donde llega quién realmente tiene un interés auténtico en conocer. Un camino largo, de tierra, entre montañas, en el cual las curvas vienen una atrás de otra en un eslabón cuya pendiente es pronunciada. Un clima seco que produce surcos tanto en la piel como en la tierra, lluvias sólo en un mes del año, el mismo mes en el que se puede conseguir alguna fruta. El sol parte el día en dos, toda actividad al aire libre se debe hacer antes de las 11 de la mañana o después de las 4 de la tarde. Agua, hasta apenas iniciada la tarde y luz eléctrica no hay. Internet, wi-fi, señal de celulares no se conocen allí. Lugar donde se queda quien realmente tiene un interés autentico en descubrir. Un pueblo polvoriento más se esos perdidos en la nada, a casi unos 2.000 m.s.n.m, al cual nadie hubiese conocido si no fuera porque allí, en la escuela del pueblo, fue asesinado una de las personalidades más trascendentes del siglo XX: Ernesto “Che” Guevara.  Continua a leggere

Las Gardenias di #Tepito: una squadra di calcio queer protagonista della festa popolare-religiosa del “barrio bravo”. #Fotogallery

[Testo e foto di Stefano Morrone] – Naomi, parrucchiera transessuale originaria dello stato di Michoacàn, ha un salone che porta il suo nome nel barrio di Tepito. Il 4 di ottobre di ogni anno, giorno della festa di San Francesco d’Assisi, lei e e le sue compagne, in maggioranza donne trans, si uniscono per giocare nell’equipo di calcio chiamato “Gardenias de Tepito” . la squadra è nata più di 50 anni fa, quando un gruppo di donne e uomini transessuali e travestiti decisero di alzare la voce contro il machismo e l’ omo/transfobia presenti nel quartiere. Finalmente, 25 anni fa, una squadra di uomini eterossessuali, Ebrayet, decide di rompere il muro della disciminazione e accetta di giocare contro Las Gardenias. Da allora la partita delle Gardenias è diventato uno degli eventi festivi più famosi e importanti del barrio Bravo, che porta allo stazio del quartiere centinaia di persone, che fanno della partita un vero e proprio show, con invasioni di campo continue, regole/non regole eccezionali e fuochi d’artificio. Lo scorso 4 ottobre siamo andati prima all’estetica di Naomi, e poi alla partita, vinta dalle Gardenias 4-1. Qui vi proponiamo il resoconto fotografico della giornata.

 

 

Omaggio al ‘Che’. Fotogallery cubana e video-intervista ad Aleida Guevara

di Raúl Zecca Castel 

Continua a leggere

#Ayotzinapa+43 Marcia silenziosa, fotogallery #26S

Foto di Alessandro Parente/Gonzalo Guerrero El Grillo

Uscito contemporaneamente e in versione leggermente diversa su elgrillobus.wordpress.com

 

ps: a causa dei tragici terremoti delle ultime settimane, la manifestazione si è svolta in forma silenziosa, per cui vi offriamo semplicemente le immagini senza accompagnarle da parole.

Fotogalleria: Memoriale per le vittime della fabbrica tessile e delle altre fabriche in Chimalpopoca e Bolivar, Città del Messico

“Memoriale per le vittime della fabbrica tessile e delle altre fabriche in via Chimalpopoca e Bolivar, zona Obrera, Città del Messico”. “Memorial por las víctimas de la fábrica textil y de las demás fábricas en Chimalpopoca y Bolívar, Col. Obrera”. Foto di Stefano Morrone, scattate il 24 settembre 2017 a Città del Messico, colpita dal terremoto del 19 settembre.

Nelle foto si vede quel che rimane di due fabbriche tessili e altre due crollate il 19 settembre. I corpi di 21 operai e operaie, due di esse di origine asiatico, sono stati estratti dalle macerie ma probabilmente erano molti di più. Le circostanze sono molto simili a quelle di un’altra fabbrica crollata nella zona durante terremoto del 1985. “Nel quarto giorno dal sisma nel terreno dove c’era un edificio di quattro piani, al cui interno c’erano due fabbriche tessili e una di giocattoli, non resta più niente. E’ tutto ripulito. I macchinari pesanti hanno spazzato via tutto per liberare lo spazio, proprio lì dove potevano esserci centinaia di lavoratori in nero dell’industria tessile messicana che, secondo dati dell’istituto nazionale di statistica, sono oltre 300mila nel paese” (da Sin Embargo).  Nell’edificio c’erano 4 imprese. AL primo piano la tessile maquiladora Ner Fashion. Al secondo Jenny Importazioni, coreana, vendeva giocattoli. SEO Young Internacional faceva bigiotteria per abiti al terzo piano e al quarto Dashcam System México Società Anonima di Capitale Variabile che produceva videocamere. (con info da: La izquierda diario, portale web che, nell’articolo, ipotizza la presenza di un crimine industriale a carico dei padroni delle imprese). Clicca su una foto per ingrandire.

Sopravvivere di spazzatura: la vita in una discarica della Repubblica Dominicana. Video+Fotogallery

di Raúl Zecca Castel

Contenuto originariamente pubblicato sul portale dominicano online Acento del gruppo BBC Mundo. Fotogallery in fondo all’articolo.

Terra di paradossi e contrasti, la Repubblica Dominicana non offre solo le meravigliose spiagge caraibiche e le bellezze naturali che attraggono ogni anno migliaia di turisti da ogni angolo del mondo. Alle periferie di San Pedro de Macoris, circondata da una natura esuberante, un’immensa discarica a cielo aperto accoglie migliaia di tonnellate di rifiuti urbani provenienti da tutto il circondario.

Continua a leggere

La extrema derecha avanza en Europa y apunta a Genova, símbolo del antifascismo. Artículo y fotogallery

Bricco 5

Testo e foto di Tano

Genova 24 abril 1945 el General Guenther Meinhold, jefe del ejercito nazi-fascista firmó el armisticio con los representantes del Comitato di Liberazione Nazionale (CNL), único caso en la historia de la Resistencia italiana.

Genova 30 junio 1960, decenas de miles de obreros, trabajadores, estudiantes y ciudadanos bajaron en las calles de Genova para impedir un mitin del partido neo-fascista Movimento Sociale Italiano (MSI), apoyado por el Gobierno. La conferencia no tuvo lugar y se prendió la mecha que dio lugar a numerosas marchas en todo el país, que costaron la vida a cinco manifestantes y obligaron el Gobierno a presentar sus dimisiones el 19 de julio.

Continua a leggere