Archivi categoria: Sud America

La interpretación de la relación externa en América Latina: los patrones de continuidad y retorno en el análisis social de la región – Fabrizio Lorusso – Revista Universum (Talca, Chile)

Universum Talca chila[Artículo académico de Fabrizio Lorusso – Cita “La interpretación de la relación externa en América Latina: los patrones de continuidad y retorno en el análisis social de la región”,  UNIVERSUM, Nº 23. Vol. 2, 2008, pp. 128-135, Univ. de Talca (Chile), link a la revistalink al artículo original]

Universum (Talca) versión On-line ISSN 0718-2376 Universum v.23 n.2 Talca  2008

http://dx.doi.org/10.4067/S0718-23762008000200007

Revista Universum N: 23 Vol.2: 128-135 , 2008

ARTICULOS

La interpretación de la relación externa en América Latina: Los patrones de continuidad y retorno en el análisis social de la región

Fabrizio Lorusso (*) (*) Posgrado en Estudios Latinoamericanos, Facultad de Filosofía y Letras (FFyL)Maestro en Administración de Empresas por la Universidad L. Bocconi de Milán, Italia. Maestro en Estudios Latinoamericanos por la UNAM (México) y actualmente Doctorando en Estudios Latinoamericanos en la UNAM. Dirección para correspondencia


RESUMEN

El artículo trata de evidenciar el camino histórico, los alcances y, asimismo, los límites teóricos y explicativos de las concepciones más difundidas en parte de la academia latinoamericanista y su análisis social acerca de la inserción internacional de América Latina y sus relaciones con el resto del mundo. Se utilizan, como marco de referencia, las principales interpretaciones de los procesos de la globalización que han ido conformando distintas “escuelas de pensamiento” o teorías que podemos clasificar en transformación, novedad, continuidad y retorno, siendo estas últimas las más apreciadas en los Estudios Latinoamericanos e incluso en la opinión pública de la región.

Palabras claves:

América Latina – Relación externa – Globalización – Continuidad – Retorno – Análisis social.


ABSTRACT

The article aims to underline the historical path, the scope as well as the theoretic and explanatory limitations of the most wide spread conceptions in latinamericanist academy and its social analysis about international insertion of Latin America and its relations with the rest of the world. As a reference frame, mainstream interpretations of the processes of globalization are used, which have been shaping different schools of thought or theories that can be classified in transformation, novelty, continuity and return, being the last two ones the most considered in the Latin American Studies field and even in the public opinion of the region.

Key words:

Latin America – External relation – Globalization – Continuity – Return – Social analysis.


Continua a leggere

GlobAmericanización educativa y tecnocracia: la economía y la administración de Estados Unidos en América Latina – Fabrizio Lorusso – Revista Confluenze Studi Iberoamericani (Bologna, Italia)

COnfluenze copertina[Artículo académico de Fabrizio Lorusso Cita “GlobAmericanización educativa y tecnocracia: la economía y la administración de Estados Unidos en América Latina”, Rivista di Studi Iberoamericani Confluenze (Bolonia), vol. 9, n. 1, (junio) 2017, 123-146, ISSN 2036-0967 – Volumen dedicado a Inmigración, transformaciones sociales e identidades – Link al original PDF]

 

Globamericanización educativa y tecnocracia: la economía y la administración de Estados Unidos en México y América Latina

ABSTRACT

This article analyzes historically the process of Americanization of economic science and management, especially in Mexico and Latin American, and, in the framework of accelerated globalization processes, the gradual homologation of these disciplines to US models that matures through the 20th century and culminates in the 1980s. The concept of educative Globamericanization refers to a “U.S. led globalization” of economics and management that marks the political rise of technocrats and money doctors, the persistence of elites and the success of Americanized postgraduate courses such as the MBA.

Keywords: Americanization, Elites, Globalization, Technocracy, Management.

Se analiza históricamente el proceso de americanización de la ciencia económica y de la gerencia, primeramente en México y América Latina, y la gradual homologación de estas disciplinas según pautas estadounidenses, dentro de acelerados procesos de globalización, la cual se gesta a lo largo del siglo XX y culmina a partir de la década de 1980. El concepto de globamericanización educativa se refiere a una “globalización estadounidense” de economía y gerencia que marca el ascenso político de tecnócratas y money doctors, la persistencia de las élites y el éxito de posgrados americanizados como los MBA.

Palabras claves: Americanización, Élites, Globalización, Tecnocracia, Gerencia.

CONFLUENZE Vol. 9, No. 1, 2017, pp. 123-146, ISSN 2036-0967, DOI: https://doi.org/10.6092/issn.2036-0967/7080 Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne, Università di Bologna. CONFLUENZE Vol. 9, No. 1


Continua a leggere

Argentina, 24 marzo: le voci contro Macri nello storico appuntamento per la Memoria, la Verità e la Giustizia

[di Serena Chiodo e Susanna De Guio – foto di Antena Negra Tv]

La memoria è un esercizio collettivo

_MG_5717_1

“Son 30.000. Fu genocidio”. Questo lo striscione, il banderazo come viene chiamato qua, che campeggia sopra le circa 300mila persone scese in piazza a Buenos Aires per questo 24 marzo. Il 43esimo dall’inizio della dittatura di Videla, nel 1976, da quegli anni di torture, violenze e assassinii. Da allora la vita politica dell’Argentina è attraversata dalla ferita dei desaparecidos e dei loro figli. Trentamila furono le persone che la dittatura fece ‘sparire’ nei centri clandestini, nei campi, nelle acque del Rio de la Plata. E trecento sono, ad oggi, i nipoti che le Madres e Abuelas stanno ancora cercando: donne e uomini che, appena nati, vennero strappati ai genitori e adottati dai carnefici degli stessi. Persone che ancora non conoscono la propria storia e identità. Ad oggi, sono 128 le persone ritrovate dalle Abuelas – l’ultima lo scorso agosto – in un instancabile lavoro di ricerca.

Continua a leggere

L’Argentina tra l’8 e il 24M: Memoria e Mujeres

ex esma 1.jpgIn occasione del mese tanto della memoria dell’ultima dittatura argentina quanto delle donne, il 14 marzo il femminismo è entrato all’ex Scuola di Meccanica della Marina con la mostra temporanea Essere donna nell’ESMA. Testimonianze per ritornare a guardare.

Di Eleonora Selvatico

Essere donna nell’ESMA. Testimonianze per ritornare a guardare è una mostra temporanea curata da Alejandra Dandan che è stata inaugurata giovedì 14 marzo (fino al 14 giugno 2019) a Buenos Aires nell’ex centro clandestino di detenzione, tortura e sterminio situato nella ex Caserma degli Ufficiali divenuta Museo della Memoria della Scuola di Meccanica della Marina quindici anni fa, il 19 marzo 2004. La mostra, che inizia dal pannello “Quando un museo non parla. Il silenzio della sceneggiatura museografica riguardo alla violenza sessuale sulle donne”, s’è data l’obiettivo di riascoltare le esperienze – narrate nella forma della testimonianza giuridica – delle detenute scomparse nell’ESMA durante la dittatura civile-militare argentina autonominata Processo di Riorganizzazione Nazionale e operante dal 24 marzo 1976 al 30 ottobre 1983 per rendere visibile la specificità della violenza sessuale che i processi per delitti di lesa umanità hanno riconosciuto per la prima volta solo nel 2010, malgrado esistessero già in merito delle denunce delle sopravvissute negli anni della dittatura e, tra altri, il dialogo collettivo di cinque donne sopravvissute all’ESMA pubblicato nel 2001 col titolo Ese Infierno (tradotto in italiano da Fiamma Lolli nel 2005 e pubblicato da Stampa Alternativa, Le Reaparecide. Sequestrate, torturate, sopravvissute al terrorismo di stato in Argentina).

Continua a leggere

¿Y eso con qué se come? Prosur o la farsa de una metamorfosis conservadora

1

“Cuando […] se despertó una mañana después de un sueño intranquilo, se encontró sobre su cama convertido en un monstruoso insecto”.

Franz Kafka – La Metamorfosis

[da desInformémonos, di Daniele Benzi e Marco Narea]

¿Último viaje a la Mitad del Mundo?

2-640x360

La figura de Néstor Kirchner con el brazo izquierdo tendido hacia el horizonte parece espectral ante un nebuloso atardecer de febrero de 2019. Y a un costado las banderas, que al soplo de un viento ligero ondean sin afán ni prisa a estas alturas, como entonando en silencio su indolencia por el rumbo a seguir. Atrás parecieran haber quedado las altisonantes trompetas bicentenarias, en los pasillos mudos de un edificio tan imponente como ajeno a su medio y que, por ende, jamás tuvo alma. Nunca antes el trayecto hacia la sede de la Unasur se había sentido como un recorrido hacia el Norte, hacia un atónito y monumental vacío. Nuestro último viaje a la Mitad del Mundo tal vez. Ni modo. Una perdida en el camino le pasa a cualquiera, y más de una vez a menudo. La voz cálida de Eduardo Galeano nos da consuelo y socorro: “La utopía está en el horizonte. Camino dos pasos, ella se aleja dos pasos y el horizonte se corre diez pasos más allá. ¿Entonces para qué sirve la utopía? Para eso, sirve para caminar”. Pero solo es un instante. Una inquietud sutil nos invade. ¿Cómo abrigarse frente a los nubarrones cargados de rayos y lluvia que se asoman por doquier detrás de las montañas de un edificio descomunal y sin alma? ¿Qué hay por detrás de las montañas? Continua a leggere

Arresti e lacrimogeni per gli artigiani nel quartiere turistico di Buenos Aires

Protestano gli artigiani di San Telmo, la polizia di Buenos Aires risponde con violenza e 23 arresti.

[Da Dinamopress, di Andrea Cegna e Susanna De Guio]

artesanos3I tamburi si ascoltano già dal fondo di via Defensa, la strada principale del quartiere di San Telmo, luogo di uno storico mercato dell’artigianato visitato da milioni di turisti ogni anno. Avvicinandosi alla storica piazza Dorrego si vedono cartelli appoggiati per terra, uno dice: «Basta repressione, vogliamo giustizia, ci stanno uccidendo di fame, vogliamo lavorare!».

Gli artigiani che da anni tutte le domeniche espongono i loro prodotti lungo la via popolata di turisti sono già stati sgomberati due mesi fa, da allora non possono più lavorare e la situazione per loro si sta facendo insostenibile. La protesta degli Artigiani Uniti dura da tempo dunque, ma non si era ancora vista una repressione feroce come quella che si è scatenata domenica 10 marzo.

Continua a leggere

Brasile. “Guarda un po’ come è andata a finire”

Bombeiros realizam protesto no centro do Rio de Janeiro nesta sexta- feira

Jair Bolsonaro è un nome impreciso, ma potente, perché è stato in grado di combinare l’escalation repressiva con la ribellione sociale liberata nel 2013.
Un gruppo di militanti

Da PassaPalavra

Traduzione di Daniele Benzi e Pérez Gallo

“Potrete anche pacificare, ma il dopo sarà triste”
MC Vitinho 1

“Guarda un po’ come è andata a finire”, diceva un compagno l’altro giorno. “Qualche anno fa se eri in una panetteria, a una fermata dell’autobus, e sentivi qualcuno lamentarsi del governo, la cosa ti rallegrava. Noi militanti vi intravedevamo uno spazio per parlare di politica, un lampo di coscienza di classe. Da un po’ di tempo a questa parte, però, le cose sono cambiate. Oggi, quando sento qualcuno lamentarsi, mi metto in allerta: ‘mmm, vuoi vedere che il tipo è Bolsonarista’…”.

1.

Secondo Lula, “questo paese non è stato più compreso a partire dagli eventi di giugno del 2013”. Alcuni mesi prima di essere arrestato aveva dichiarato: “abbiamo creduto frettolosamente che i [fatti] del 2013 fossero una cosa democratica”.2 Naturalmente, il suo discorso era stato accolto molto male dai militanti che avevano partecipato a quell’ondata di manifestazioni: guarda lì il PT che attacca di nuovo giugno!
Ma Lula aveva torto? Giugno 2013 è stato davvero una “cosa democratica”? In quel fatidico mese, migliaia – e poi milioni – di persone avevano bloccato strade e vie di comunicazione in tutto il paese, si erano scontrate con la polizia, avevano bruciato autobus, attaccato edifici pubblici e saccheggiato negozi. La riduzione del prezzo del biglietto dell’autobus non era una questione da discutere e negoziare, era una richiesta da imporre con la forza. “O il governo l’abbassa, o la città si ferma!”. Non sembra proprio “democratico”… Fu un movimento esplosivo, una rivolta3 che minacciava l’ordine costituito4 – l’accordo sancito nel periodo del ritorno alla democrazia, fissato nella Costituzione del 1988, che per due decenni era riuscito a garantire degli standard socialmente accettabili di stabilità e prevedibilità per la politica brasiliana.

Continua a leggere

#AvenidaMiranda puntata 49. 8 marzo a Buenos Aires, parlano le dissidenze sessuali.

_MG_0342Alla vigilia dell’8 marzo la piazza del Congresso di Buenos Aires si prepara a una nuova immensa mobilitazione, il terzo sciopero delle donne.

Per entrare nel vivo del dibattito che ha attraversato le assemblee in preparazione dello sciopero, Susanna De Guio ha intervistato Florencia Guimaraes, rappresentante della comunità trans e travesti, attivista, comunicatrice e componente del collettivo Furia Trava.

Di fronte all’avanzare del discorso TERF (Trans-Exclusionary Radical Feminist) a diverse latitudini, in Argentina le dissidenze sessuali rispondono con la loro presenza politica allo Sciopero Internazionale delle Donne, Lesbiche, Bisessuali, Travesti e Trans.

Qui il Podcast, buon ascolto!