Archivi categoria: Video

“El Mostruo de Copilco”: No al #Helipuerto en #Copilco #CDMX @CopilcoN @CopilcoUniv

(Dar clic en una foto para agrandar y ver slideshow). A seguir… Video del Monstruo de Copilco:

Petición contra la degeneración del barrio debida al helipuerto: Firma aquí o difunde LINK

Helipuerto Copilco (8) (Small)

Il Festival dei Diritti Umani e il Progetto “Behind Zika Virus”

sao-paolo-20-3 ZIKA

Segnalo questa iniziativa latinoamericanista di narrazione fotografica promossa nell’ambito del Festival dei Diritti Umani 2016. Si tratta di una raccolta fondi collettiva, cioè un crowdfounding, per sostenere il fotografo Mirko Cecchi sulle tracce dello zika virus in America Latina. 
Guarda. Partecipa. Reagisci.

Il valore del racconto, della testimonianza è fondamentale nella costruzione di una maggiore consapevolezza. Se siamo informati possiamo scegliere e agire.

Ecco perché il Festival dei Diritti Umani in questa prima edizione lancia una campagna di crowdfunding per la realizzazione di un originale reportage fotografico sul tema dei diritti umani.

Partecipare a questa campagna significa far parte della comunità che di fatto ‘commissiona’ questo lavoro e supporta il fotografo che lo realizzerà.

Scopri il progetto “Behind Zika Virus” raccontato da Mirko Cecchi, vincitore del contest #ioalzolosguardo

Continua a leggere

#Ayotzinapa #Mexico #VideoMessaggio di Omar García @Omarel44 ai collettivi del mondo vs #EPN #Canadá

Mensaje a los colectivos europeos solidarios con #Ayotzinapa de Omar García el 44.
http://cspcl.ouvaton.org/

In vista della prossima visita del presidente messicano Enrique Peña Nieto in Canada, urge ricordare che la fiamma di Ayotzinapa e dei diritti umani non si spegne.

poster canada' EPN

 

Su @fattoquotidiano #Narcotraffico pop, da #BreakingBad a #ElChapo: i nuovi #goodfellas arrivano dal #Sudamerica #NarcoGuerra

(Di Eleonora Bianchini, da Il Fatto Quotidiano Magazine del 22 maggio 2016, un reportage sul mondo della narco-cultura a cui ho partecipato con un’intervista su Santa Muerte, NarcoGuerra e Messico).

Dalla stretta di mano di Guzman con Sean Penn al successo di Narcos, serie tv sulla vita di Pablo Escobar. I signori della droga affascinano Stati Uniti ed Europa, almeno sul piccolo schermo. Ma la loro popolarità va oltre: dalla musica dei narcocorridos fino a ‘narcotacos’ in California

Una stretta di mano col boss del narcotraffico, eterno fuggitivo e latitante. Tutto immortalato su Rolling Stones. Uno scatto che per una casa di moda di Los Angeles ha pagato più di una campagna pubblicitaria. I protagonisti della foto sono Sean Penn e il re messicano della droga Joaquín Guzmán, meglio noto come El Chapo. Indossava una camicia azzurra, modello Fantasy-X Button Down Shirt. Andata a ruba in California, “quasi finita” sugli scaffali dei distributori di Los Angeles insieme al modello Crazy Paisley, scriveva Tmz. Anche quello indossato dal Chapo.  Continua a leggere

Lista documentari #AmericaLatina #Mexico #FilmLatinoamericanisti

tlatelolcoPreso dalla smania di sbarazzarmi di vecchi DVD, ciarpami vari e fotocopie ho deciso di regalare a qualche videoteca comuntaria la mia discreta (e magari obsoleta e orgogliosa) collezione di video e documentari, raccolti negli ultimi 13 anni nei mercatini e nelle bancarelle, che trattano conflitti, lotte e vicende storiche messicane e latinoamericane.

Ne faccio qui una lista e segnalo i link video. Sì, mentre i DVD e VCD (chi si ricorda cosa sono?) invecchiavano, per fortuna molti documenti sono sbarcati su YouTube e li ritroverò lì. Altirmenti vorrei caricarli sul mio canale per mantenerne il ricordo! Il doveroso tag per i post che li raccoglieranno è “film latinoamericanisti”, che in precedenza racchiudeva tutti i post con i film sull’America Latina di mio aggrado. Partiamo (in ordine sparso). In primis il link ai video raccolti da volontari del Canal 6 de julio (documentari di controinformazione messicani): link

La vida loca – Christian Poveda (sobre maras en El Salvador)- link sub ita

Tlatelolco, las llaves de la masacre – Canal 6 de julio (México) – link

EL fraude según Fox – Canal 6 de julio (México) – link      E la lista continua… Continua a leggere

#Video Presentación del #Calendario #Chilero #2016 en #Tepito #Chile #Mexico

Chile en Mexico y Tepito. Corina Salazar presenta la historia del chile (o ají) en México y el mundo y el Calendario Chilero 2016, realizado por ella junto a numerosos artistas que colaboraron en sus diseños, textos y hechuras. 19 de marzo de 2016 – Galeria José María Velasco (Calle Peralvillo), en el ámbito del Tour de Tepito de Alfonso Hernández.

Variedad Chiles México (Small)

#Honduras: Spiriti, Documentario Omaggio a #BertaCáceres @COPINHHONDURAS

Gli autori del documentario hanno reso disponibile la sua visione su YouTube in omaggio a Berta Cáceres, attivista honduregna legata al Consejo Cívico de Organizaciones Populares e Indígenas de Honduras (COPINH) e a molte realtà sociali del paese centroamericana che è stata assassinata il 2 marzo scorso. Nell’attentato è rimasto ferito anche l’ambientalista messicano Gustavo Castro per la cui protezione ora si stanno muovendo  vari movimenti organizzati e media indipendenti da tutto il mondo. Info in italiano a questo Link.

Dall’ottimo articolo di Paolo Mossetti (qui link): “Berta Cáceres era un’attivista indigena honduregna, di etnia lenca. Una donna forte e coraggiosa, che da anni sfidava apertamente il governo golpista che nel 2009 ha preso il potere nel suo Paese. Un golpe che Hillary Clinton, allora segretario di Stato americano, rese possibile. Cáceres  non c’è più. È stata trovata morta il 2 marzo, crivellata da colpi di pistola, nella sua città natale di La Esperanza, nella regione di Intibuca. Aveva 43 anni”. La richiesta di giustizia e la petizione per Berta è a questo link.
Continua a leggere

Su @RaiUno @Unomattina parliamo di #Messico #DonaldTrump #PapaFrancesco #Narcoguerra

Dal minuto 2:40 al minuto 7:00 un breve commento sulla polemica Trump-Papa Francesco e sul narcotraffico da Città del Messico. Unomattina in famiglia del 21 febbraio 2016 – Rai Uno. Guarda: (link al video e sito della puntata).

donald-trump-papa-francisco

L’ultimo narcos: epopea e segreti del Chapo Guzmán

di Fabrizio Lorusso – Da Carmilla

chapo pensoso[La narrazione viaggia su cinque capitoli, intervallati da alcuni video e foto. Si può pure saltare da uno all’altro in caso di necessità. Indice: 1. Il Cartello  2. Ayotzinapa  3. La terza cattura  4. Estradizione?  5. Triangolo: Kate del Castillo, Sean Penn e “El Chapo” Guzmán]

“A cosa starà pensando El Chapo?” Questa semplice domanda, contenuta in un tweet del giornalista messicano Diego Enrique Osorno diventa virale la sera dell’8 gennaio. Sono passate poche ore dalla cattura, la terza, del narcotrafficante più ricercato al mondo, Joaquín Archivaldo Guzmán Loera, capo dell’organizzazione criminale di Sinaloa. Più conosciuto ormai per il suo alias, “El Chapo”, ossia il tozzo o tarchiato, il capo rinchiuso è diventato un numero: prigioniero 3870 del penitenziario di massima sicurezza El Altiplano, prima La Palma. Nel tweet di Osorno è incorporata una delle foto diffuse dalla stampa dopo l’arresto. Continua a leggere

@DonWinslow e #IlCartello: #Intervista di Daniel Bilenko @RSIonline #Mexico

Nel video qui sopra: intervista (doppiata in italiano) del giornalista Daniel Bilenko allo scrittore americano Don Winslow, autore de IL CARTELLO (2015) e IL POTERE DEL CANE (2005), romanzi sui narcos messicani, il narcotraffico, i legami con la politica e lo stato. Anche una nota interessante sull’EZLN e il Chiapas, tematiche cui Winslow aveva dedicato un capitolo, poi stralciato, de Il potere del cane. Andata in onda il 2 gennaio 2016, programma Finestra Sera Aperta, RSI Rete Due. QUI LINK alla II parte della trasmissione sulla NARCOGUERRA e il MESSICO.

Uma Noite Em 1967 #Brasile #CaetanoVeloso #GilbertoGil #ChicoBuarque #Film #Documentario

Consiglio quest’ottimo film documentario…Per la Serie Film LatinoAmericanisti (qui link agli altri film)

1967. A tre anni dall’inizio della dittatura in Brasile l’esplosione del “Tropicalismo” musicale e delle divisioni politiche, oltre che musicali. Featuring: Gilberto Gil, Chico Buarque, Roberto Carlos, Os Mutantes e Caetano Veloso.

Uma Noite em 67 é um documentário brasileiro de 2010, dirigido por Renato Terra e Ricardo Calil.

Com imagens de arquivo da Rede Record e depoimentos de músicos como Chico Buarque, Caetano Veloso e Gilberto Gil, o documentário conta a história da final do “3º Festival da Música Popular Brasileira”, com apenas cinco semanas em cartaz já alcançou 51 mil espectadores, com renda de R$ 475 mil em bilheteria e já é o documentário mais visto deste ano.[1]  De Wikipedia

85 min. | 2010 | Dir: Renato Terra & Ricardo Calil

The III Festival of Brazilian Popular Music of TV Record held its final on October 21, 1967. Among the finalists were Chico Buarque de Holanda, Caetano Veloso, Gilberto Gil and the Mutantes, Roberto Carlos, Edu Lobo and Sérgio Ricardo (known for smashing his guitar on stage and throwing it to the audience after being booed for his performance). Showing footage of presentations of songs such as “Roda Viva”, “Alegria Alegria”, “Domingo no Parque” and “Ponteio”, the documentary registers the explosion of Tropicalism, the different splits in the artistic and political movements during the military rule and the rise to fame of names that to this day are icons of the Brazilian music scene.

Uma-noite-em-67

 

Zitta! #Video #Inchiesta Svalutazione delle #donne in #Italia @MariluOliva @ElenaAraldi @kinedimorae

Riporto di seguito il comunicato stampa relativo all’uscita di un’importante e interessante video inchiesta sulla svalutazione delle donne in Italia, il femminicidio e la violenza di genere in Italia.
La factory creativa Kinedimorae, in occasione della GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE,  è orgogliosa di presentare ZITTA!,  una video inchiesta realizzata dalla scrittrice Marilù Oliva e dalla filmmaker Elena Araldi con il fine di indagare quale sia la situazione delle donne in Italia, oggi.
Svalutazione delle donne, violenza e femminicidio: esiste un nesso?
Lo abbiamo chiesto agli scrittori Dacia Maraini e Matteo Strukul, all’inviato delle Iene Matteo Viviani e all’economista Marcella Corsi.
Ci siamo posti e abbiamo posto loro domande quali:
  • Esiste un collegamento tra violenza alle donne e svalutazione delle stesse?
  • In che senso si può parlare di svalutazione delle donne?
  • Sussiste una forma pervasiva e meno evidente di maschilismo?
  • Come si può colpire una donna, quando la si vuole svilire?
  • C’è una via d’uscita?
Questo progetto è un altro piccolo passo per cercare di capire cosa manca non tanto nel tessuto sociale quanto nelle strutture culturali. Il video lo trovate al seguente link e saremmo grati se lo condivideste:
https://www.youtube.com/watch?v=_pndFH_Mo8o&feature=youtu.be
ZITTA! è anche un blog, uno spazio appena nato dove pubblicheremo approfondimenti, notizie e opinioni sul tema.
https://zittablog.wordpress.com/
Giornata-mondiale-contro-la-violenza-sulle-donne
 
Contatti & Websites:
 
 
Elena Araldi
Twitter @ElenaAraldi
Kinedimorae – visual and aural factory