Archivi categoria: America Latina

11 tesi sul Venezuela e una conclusione maturata

“E seguitava a ripetere la stessa cosa: “Questo non è come in una guerra… In una battaglia hai il nemico davanti… Qui il pericolo non ha volto né orario”. Si rifiutava di prendere sonniferi o calmanti: “Non voglio che mi acchiappino addormentato o assopito. Se vengono a prendermi, mi difenderò, griderò, getterò i mobili dalla finestra… Scatenerò uno scandalo…”.
Alejo Carpentier, La consacrazione della primavera

[di Juan Carlos Monedero – Traduzione dell’articolo in italiano: Fabrizio Lorusso – Da CarmillaOnLine Link originale]

1. E’ indubbio che Nicolás Maduro non è Allende. E nemmeno è Chávez. Ma quelli che hanno fatto il golpe contro Allende e contro Chávez sono, e anche questo è indubbio, gli stessi che ora stanno cercando di attuare un golpe contro il Venezuela.

2. I nemici dei tuoi nemici non sono tuoi amici. Può non piacerti Maduro senza che ciò implichi dimenticare che nessun democratico può mettersi dalla parte dei golpisti che hanno inventato gli squadroni della more, i voli della morte, il paramilitarismo, l’assassinio della cultura, l’operazione Cóndor, i massacri di contadini e indigeni, il saccheggio delle risorse pubbliche. E’ comprensibile che ci sia gente che non voglia schiera5rsi con Maduro, ma conviene pensare dal lato di chi sostiene i golpisti ci sono, in Europa, i politici corrotti, i giornalisti mercenari, i nostalgici del franchismo, gli imprenditori senza scrupoli, i venditori di armi, quelli che difendono l’austerity e che celebrano il neoliberalismo. Non tutti quelli che criticano Maduro difendono queste posizioni politiche. Continua a leggere

La extrema derecha avanza en Europa y apunta a Genova, símbolo del antifascismo. Artículo y fotogallery

Bricco 5

Testo e foto di Alessandro Bricco

Genova 24 abril 1945 el General Guenther Meinhold, jefe del ejercito nazi-fascista firmó el armisticio con los representantes del Comitato di Liberazione Nazionale (CNL), único caso en la historia de la Resistencia italiana.

Genova 30 junio 1960, decenas de miles de obreros, trabajadores, estudiantes y ciudadanos bajaron en las calles de Genova para impedir un mitin del partido neo-fascista Movimento Sociale Italiano (MSI), apoyado por el Gobierno. La conferencia no tuvo lugar y se prendió la mecha que dio lugar a numerosas marchas en todo el país, que costaron la vida a cinco manifestantes y obligaron el Gobierno a presentar sus dimisiones el 19 de julio.

Continua a leggere

#AvenidaMiranda Puntata 4 su #Radio @cittadelcapo: Agroecologia indigena ed estrattivismo in #Messico

avenida-miranda-messico“Avenida Miranda, immaginari e storie dai Sud del mondo” è una trasmissione a cura del blog l’America Latina.Net.  Va in onda ogni giovedì dalle 12 alle 12.30 su Radio Città del Capo. La potete ascoltare via etere a Bologna e dintorni sui 94.7 Mhz e 96.25 Mhz FM, e anche via web dal sito www.radiocittadelcapo.it e su smartphone sintonizzandosi sul canale di Radio Città del Capo attraverso l’applicazione TuneIn.

Nella puntata di oggi, la quarta (ascolta qui link) di Avenida MirandaPerez Gallo intervista Pippo, lavoratore italiano del Desmi, un’organizzazione del Chiapas che promuove economia solidale, lavoro collettivo e commercio alternativo. Si parla del modello economico portato avanti in Messico negli ultimi anni (miniere, grandi opere, zone economiche speciali, privatizzazioni) ma anche delle alternative possibili e già esistenti: dalla terra collettiva, alla milpa, all’autonomia e autodeterminazione indigena.

Tutte le puntate di Avenida Miranda.

Il Venezuela può diventare la Siria dell’America Latina

Magis-445-movimientos-sociales-zibechi-5Pubblichiamo un’intervista al giornalista e ricercatore Raúl Zibechi di Enric Llopis di Resumen Latinoamericano – Traduzione di Associazione Ya Basta! Êdî Bese!Qui l’articolo originale

In libri e articoli ti sei mostrato molto critico con i governi progressisti e di sinistra dell’America Latina. Di fronte all’attacco dell’opposizione venezuelana a con l’appoggio delle élite mondiali, credi che i movimenti popolari debbano decidere da che parte stare in questa congiuntura? 

Prendono posizione ed è necessario che lo facciamo perché sono la chiave dei cambiamenti possibili e desiderabili. Senza i movimenti, ovvero la gente comune organizzata per promuovere o impedire i cambiamenti, niente di ciò che è successo in America Latina negli ultimi trenta o quarant’anni sarebbe uguale. La figliata di governi progressisti e di sinistra che sono sorti dal 1999, sono prodotti indiretti di questi movimenti. Indiretto perché non avevano questo obiettivo specifico, non si proponevano di portare questa o quella persona o partito al governo, anche se in molti casi hanno dato il loro appoggio anche prima di salire al governo. Il punto è che non c’è unanimità, né è possibile averla, in quanto alla valutazione di questi tanto meno all’atteggiamento nei loro confronti. Ci sono movimenti che appoggiano il progressismo e altri che si oppongono, altri ancora che hanno una posizione intermedia e oscillante in base alla congiuntura. Quello che non è adeguato e togliergli legittimità quando prendono strade non condivise. Si tratta di spiegare le ragioni per le quali fanno ciò che fanno, invece di sentenziare che si sono convertiti in agenti dell’impero o cose simili che ricordano il periodo stalinista quando tutti gli oppositori erano accusati di essere agenti del nemico. Continua a leggere

#AvenidaMiranda Puntata 2 su #Radio @cittadelcapo: Giù la testa, il #Nicaragua e l’ex brigatista latitante

Via_Fani_Roma_16_marzo_197827 giugno 2017 – Giù la testa, il Nicaragua e l’ex brigatista latitante

Sottotitolo: “Lotta armata italiana in esilio in Nicaragua”. La puntata di oggi, da Bologna e dagli stessi studi di Radio Città del Capo, è una testimonianza-intervista su un viaggio a Managua ed è a cura di Babe, RCDC e Pérez Gallo, dottorando presso la Universidad Nacional Autonoma de Mexico a Città del Messico. Ascolta il podcast qui: link RCDC    “Avenida Miranda, immaginari e storie dai Sud del mondo” è una trasmissione a cura del blog l’America Latina.Net.

Va in onda ogni giovedì dalle 12 alle 12.30 su Radio Città del Capo. La potete ascoltare via etere a Bologna e dintorni sui 94.7 Mhz e 96.25 Mhz FM, e anche via web dal sito www.radiocittadelcapo.it e su smartphone sintonizzandosi sul canale di Radio Città del Capo attraverso l’applicazione TuneIn. LINK ALLA PAGINA DI AVENIDA MIRANDA SUL BLOG: lamericalatina.net/radio-avenida-miranda/ 

Al microfono della seconda puntata di Avenida Miranda Perez Gallo / Avenida Miranda – 27 luglio 2017 – Qui a questo link: tutte le puntate di Avenida Miranda

#AvenidaMiranda: ogni giovedì programma su #Radio @cittadelcapo #Bologna del blog l’America Latina + #Podcast

america-latina-luchaAvenida Miranda (link pagina specifica su questo blog) è il nuovo programma radiofonico a cura del blog l’America Latina in onda ogni giovedì dalle 12 alle 12.30 su Radio Città del Capo. Lo potrete ascoltare via etere a Bologna e dintorni sui 94.7 Mhz e 96.25 Mhz FM e anche su Internet www.radiocittadelcapo.it e su smartphone sintonizzandosi sul canale di Radio Città del Capo attraverso l’applicazione TuneIn. Prima puntata, 20 giugno 2017! Di seguito i link e i podcast che verranno caricati di volta in volta. RCDC su twitter: periodistas2

20 luglio 2017Messico, giornalismo e narcos

Ogni giovedì dalle 12.00 alle 12.30 Avenida Miranda, immaginari e storie dai Sud del mondo a cura del blog l’America Latina.Net. La puntata di oggi, da Città del Messico, è a cura di Fabrizio Lorusso, giornalista freelance e ricercatore alla Universidad Iberoamericana della città di León. Link alla puntata/podcast su Radio Città del Capo: LINK – lamericalatina.net   – twt @fabriziolorusso

MILPA: a Bologna due giorni con il Messico che lotta

milpa locandinaCon piacere vi segnaliamo due iniziative che avranno luogo a Bologna venerdí 14 e sabato 15 luglio, venerdí 14 allo spazio sociale XM24 e sabato 15 in piazza dell’Unitá, nel cuore della Bolognina, con chiusura serale sempre a XM. Qui di seguito il programma delle due giornate, organizzate dallo stesso XM24 e dalla rete di cucine popolari Eat the Rich: Continua a leggere

Flujo de inconsciencia desde la tierra de l@s desaparecid@s

desaparecidos[De Fabrizio Lorusso. En colaboración con Desinformémonos y Zona Franca] En Iguala cuentan que el comandante de la policía mandaba desaparecer a la gente. Después el papá del mismo oficial se juntó a las víctimas de desaparición forzada para buscar a su hijo desaparecido. Se volvió víctima a su vez. Una espiral sin fin. Y a todos y todas les une el mismo dolor. Ni siquiera la pérdida, porque un desaparecido no está perdido. Más bien no está. No está en Huitzuco, no está en Mezcala ni en Iguala. No está en una mina de Taxco, en la entrada de la ciudad, de donde en 2010 sacaron a decenas de cuerpos y se dieron cuenta porque toda la zona olía mal. El hedor a muerte no pudo esconderse más y se derramó durante días para señalar que algo terrible había pasado. Y que seguiría sucediendo. Que el retén en la carretera o el cateo sin orden ni permiso podrían ser definitivos y tragarse a las personas como si nada.   Continua a leggere