“Javier no murió, el narcogobierno lo mató”. Fotogallery della veglia per denunciare l’assassinio di giornalisti

P1160125Foto di Dardo Neubauer e Caterina Morbiato

La sera del 16 maggio diverse centinaia di persone si sono riunite per ripudiare il vile assassinio di Javier Valdez e le tante morti di giornalisti che in Messico non fanno che crescere anno dopo anno. Valdez, tra i piú noti giornalisti messicani, per anni ha raccontato con serietá e dedizione il fenomeno del narcotraffico messicano e le sue interconnessioni con lo Stato. Il suo assassinio si è consumato nello stato del Sinaloa, sede dell’omonimo cartello criminale, tra i più forti al mondo, e che fu governato da “El Chapo” Gùzman. Di tutto questo ci ha parlato due giorni fa Fabrizio Lorusso in questo post.

Nella stessa giornata in cui é stato assassinato Javier Valdez sono stati uccisi -questa volta nello stato di Jalisco- Sonia Cordova, direttrice commerciale de “El Costeño de Autlán Jalisco” e suo figlio Jonathan Rodriguez Cordova, giornalista dello stesso settimanale.

L’escalation di giornalisti ammazzati in Messico è sempre più preoccupante e l’impunità è praticamente assoluta, per questo l’altro ieri in varie città la gente è scesa in piazza per protestare contro quel sistema di complicitá tra narcotraffico e Stato che, fin dai tempi del massacro di Ayotzinapa, viene chiamato “narco-Stato” o “narco-governo”.

La manifestazione serale di Città del Messico è avvenuta di fronte alla Secretaría de Gobernación, nella centrale Avenida Bucareli [di Perez Gallo]

Clicca per vedere slideshow o ingrandire.

Foto di Dardo Neubauer

 

Foto di Caterina Morbiato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...