Archivi tag: produzioni dal basso

Germania, Germania!

di Raul Schenardi da Carmilla

Germania alemania alemaniaUn titolo del genere, soprattutto di questi tempi, ricorda il sinistro Deutschland über alles, fa pensare a un saggio di economia o di storia (magari all’ottimo Anschluss. L’annessione. L’unificazione della Germania e il futuro dell’Europa, di Vladimiro Giacché) ed evoca il cupo scenario di un IV Reich che sorge sulle macerie del «sogno europeo». Ma non si tratta di questo, se non in modo tangenziale (fin dalle prime pagine si evocano infatti le ceneri del ghetto di Varsavia, e la Seconda Guerra Mondiale, con al centro la Germania hitleriana, è uno degli assi tematici del libro). ¡Alemania, Alemania! in realtà è il titolo del più recente romanzo di uno scrittore uruguayano ancora sconosciuto da noi: Felipe Polleri.
Continua a leggere

L’acqua alla fine del mondo: ecco il progetto!

Natura produzioni dal basso

Sostieni il reportage “L’Acqua alla fine del mondo” e riceverai l’e-book in esclusiva e in anticipo rispetto alla pubblicazione del libro/reportage cartaceo. Da link produzioni dal basso.

IL PROGETTO

Reportage in Cile, dall’Aysen all’Atacama a raccogliere le storie delle persone che dovrebbero rinunciare alle loro case, terre, fiumi ea quel paradiso naturale che è la Patagonia, per fare spazio alle dighe che la società HidroAysen (con la partecipazione di Enel) vuole costruire. Scopo dichiarato per la costruzione delle dighe è quello di fornire più energia elettrica al paese, ma sono in molti a dire che l’energia in realtà non è necessaria all’uso civile ma verrà destinata principalmente alle miniere del nord del Cile di proprietà delle multinazionali, dove lavorano anche minatori sfruttati, che ogni giorno mettono a rischio la loro vita per guadagnarsi da vivere. La zona che beneficerebbe maggiormente dell’energia elettrica prodotta è proprio quella del nord, attraversata dal deserto di Atacama. In questa zone si trova la miniera dove rimasero intrappolati i 33 minatori nell’agosto del 2010. Da quando questo megaprogetto è stato reso pubblico, la società civile si è mobilitata per cercare di bloccarlo e a tutt’oggi, in mezzo a una selva di provvedimenti, concessioni, e dubbi coinvolgimenti delle istituzioni i lavori non sono ancora partiti.

IL CONTESTO

Il Cile negli ultimi anni sta attraversando un periodo di forti rivendicazioni dei beni comuni: non solo l’acqua e la difesa dell’ambiente ma anche le manifestazioni degli studenti che chiedono un’istruzione pubblica di qualità lo confermano. Il reportage vuole essere uno strumento per conoscere le persone che si oppongono alla costruzione delle dighe al sud, ascoltarne e documentarne le ragioni, per poi risalire i circa 2000 km verso il nord, percorrendo lo stesso tragitto che percorrerebbero i tralicci dell’energia elettrica generata dalle dighe, fino al deserto di Atacama, dove invece si documenteranno le storie dei minatori e delle comunità che vivono grazie alle miniere.

PERCHE’ SOSTENERE IL PROGETTO

La difesa dei beni comuni, come ambiente, acqua e le relative battaglie per mantenerli tali è di strettissima attualità anche per il nostro paese. Nonostante gli italiani si siano espressi con un referendum per dire no alla privatizzazione dell’acqua ancora non si mette in pratica la volontà popolare e si cercano escamotage per affidarne la gestione ai privati. La realtà cilena potrebbe offrire spunti di riflessione anche ai vari movimenti di cittadini che si oppongono alle grandi opere, e che mettono al primo posto la condivisione dei beni comuni in opposizione a un modello di società individualista che sembra essere ormai superato.

Nonostante il riscontro positivo del reportage argentino “Lavorare senza padroni” continua ad essere difficile lavorare come giornalista free lance e occuparsi di tematiche sociali. Per questo serve il sostegno di chi crede che l’informazione indipendente sia oggi più che mai un buon “investimento”.

COME FARE

Chi sceglierà di sostenere questo progetto con un contributo di 10 euro, avrà diritto esclusivo e in anteprima al reportage in formato e-book. Il progetto potrà partire non appena verrà raggiunta la soglia dei 3 mila euro che serviranno per viaggio in classe economica, per gli spostamenti con i mezzi pubblici in Cile e per il soggiorno di circa un mese negli ostelli del paese. I nomi dei sostenitori del progetto saranno elencati anche sul libro cartaceo.

Fin da ora, GRAZIE a tutti.

Elvira Corona

SU DI ME

Sono nata a Cagliari, dove mi sono laureata in Scienze politiche prima di conseguire un master in Economia non-profit e Cooperazione allo sviluppo a Ferrara. Ho lavorato a Milano per alcune realtà del no profit ma da un po’ di anni cerco di fare la giornalista free lance occupandomi sopratutto di America Latina. Ho avuto occasione di lavorare e vivere per lunghi periodi in Ecuador, Argentina e Brasile. Ho scritto per testate online italiane e latinoamericane come Unimondo.org e Alainet.org. Sono autrice del libro/reportage Lavorare senza padroni” viaggio nelle imprese recuperadas d’Argentina – Emi edizioni.

Progetto documentario Le Printemps en exil

Riproduco volentieri una convocazione e invito a collaborare al progetto “primavera in esilio”, Le Printemps en exil: un documentario multimediale prodotto dal basso sulla realtà dei tunisini esiliati dopo la “primavera araba”. Visitate il link. Qui di seguito alcune info.

Con frameOFF, gruppo aperto per la ricerca nel cinema e nella fotografia, stiamo lanciando una nuova produzione dal basso!

“Le Printemps en exil” – la primavera in esilio – sarà un documentario multimediale, un web-doc realizzato tra la Tunisia, l’Italia e la Francia, che intreccerà su due livelli, narrativo e d’archivio, storie di tunisini esiliati in seguito alle rivolte e alla caduta di Ben Ali.

Il lavoro su “Le Printemps en exil” parte da Mineo, dal “centro di accoglienza per richiedenti asilo”, a 45km da Catania, circa un anno fa. Da quel periodo le storie e i luoghi si sono moltiplicati – così come l’apporto di amici fotografi, operatori, giornalisti – attraversando l’Italia, tracciando dei percorsi che arrivano fino a Parigi per poi ritornare in Tunisia.

Ed è per questo che stiamo dando vita a una produzione dal basso internazionale, per raggiungere la Tunisia, per incontrare i conoscenti e le persone care a coloro che sono partiti o scappati, o di cui non si ha più notizia; quelli che sono rimasti o quelli che, finito l’incubo europeo, sono ritornati a casa..

Vi invitiamo ad aderire alla campagna di produzione, a far parte dei 2000 sostenitori, e a diffondere come meglio potete questa e-mail e i link attraverso i vostri spazi web o quelli di amici. In allegato trovate il press-kit che contiene il testo del progetto e i banner necessari per aiutarci a sostenere questa produzione dal basso.

A Parigi il Centro Nazionale di Cinematografia ha creduto nel progetto dando un piccolo supporto economico per lo sviluppo, anche grazie a House on Fire, società francese, che co-produce quest’opera multimediale. In Italia invece continuiamo ad affidarci al sostegno della gente, di tutti voi!

Vi aspettiamo!!

frameOFF, 17.04.2012

Segui_
Vai al WEB-DOC
Co-produci su Produzioni dal Basso
Per maggiori info sulla PDB

Qui trovate il progetto in italianoinglesearabospagnolo: inviatelo a tutti coloro che possono essere interessati a partecipare allo sviluppo e alla co-produzione di quest’opera, aiutateci a diffonderlo!!

Per partecipare al web-doc e per maggiori info: info@leprintempsenexil.org