Bugie e torture in #Messico, «doppia ingiustizia» per i #43 studenti #desaparecidos

Ayotzinapa 25 S 2015 Mexico City (118) (Small)[Di Fabrizio Lorusso, dal quotidiano italiano IL MANIFESTO del 17/03/2018] Con un rapporto presentato il 15 marzo a Ginevra l’Onu ha dato il colpo di grazia alla cosiddetta “verità storica” costruita dalla Procura Generale della Repubblica (PGR) messicana sul caso dei 43 studenti di Ayotzinapa, vittime di sparizione forzata nella città di Iguala la notte del 26 settembre 2014 e tuttora desaparecidos.

Il documento “Doppia ingiustizia: relazione sulle violazioni ai diritti umani nell’indagine sul caso Ayotzinapa” dell’Ufficio dell’Alto Commissariato Onu per i Diritti Umani analizza i casi di 63 dei 129 detenuti nell’inchiesta sulla sparizione degli studenti che, lungi dall’essere “chiusa”, presenta una lunga serie di inconsistenze e piste tralasciate deliberatamente dagli inquirenti.

Jan Jarab, rappresentante del Commissariato Onu in Messico, ha spiegato che, in base ai referti medici della stessa PGR, si può affermare che dopo il 5 ottobre 2014, quando il caso diventò di sua competenza, almeno 34 persone, che “presentavano lesioni multiple”, sono state torturate dalle autorità messicane e, inoltre, l’ex direttore dell’Agenzia per le Indagini Criminali, Tomás Zerón, s’è comportato “in modo fraudolento” nei confronti della stessa Onu. 

Zerón è stato indicato per gestioni illegali in una presunta scena del crimine nella discarica di Cocula, dove secondo la PGR i ragazzi sarebbero stati bruciati da narcotrafficanti. Inoltre ha dichiarato il falso, cioè che membri dell’Ufficio Onu in Messico l’avevano accompagnato il 28 ottobre 2014 nei pressi del Río San Juan, che scorre sotto la discarica, dove sono state ritrovate delle borse di plastica coi resti di uno degli studenti. L’ormai screditata versione ufficiale si basa anche su queste prove, raccolte irregolarmente e manipolate da Zerón. Dunque l’Onu conferma totalmente quanto già denunciato in precedenza dai familiari dei ragazzi, dai giornalisti e dagli esperti della Commissione Interamericana dei Diritti Umani, i quali hanno chiesto senza successo che s’investigasse il ruolo dell’esercito nel crimine.

“Una menzogna storica fabbricata in una discarica di spazzatura, così com’è spazzatura la storia che hanno creato”, ha gridato il 16 marzo in conferenza stampa Emiliano Navarrete, uno dei genitori dei 43. “Il governo serve solo per farci sparire e non risolvere nulla, non faremo nessun passo indietro ed esauriremo tutte le vie legali possibili fino ad arrivare alla verità, i delinquenti sono i funzionari di governo e dovranno guardarci in faccia, non permetteremo che, perché siamo poveri, possano metterci i piedi in faccia e abbiano cancellato 4 anni di vita e libertà dei nostri figli”.

La pista ufficiale sul caso è stata costruita quasi esclusivamente in base a testimonianze di persone che si sono autoaccusate dei delitti imputati in seguito alle torture di cui sarebbero responsabili, secondo il rapporto, funzionari della Procura, della Polizia Federale e della Marina. “Tiriamo le somme delle responsabilità dello Stato e ci avviciniamo al punto in cui questa amministrazione potrà essere responsabilizzata a livello internazionale”, commenta Mario Patrón, direttore del Centro per i Diritti Umani Pro Juárez. “Dal rapporto emerge la partecipazione della Marina nella morte violenta del detenuto Blas Patiño”, ha spiegato Mario González, padre dello studente César Manuel. “Continueremo a cercare i nostri figli contro la volontà delle autorità di archiviare il caso: sia chiaro che non difendiamo nessun delinquente ma non vogliamo neanche una verità estorta con la tortura”.

L’Onu, d’altro canto, insiste “perché la PGR realizzi un’indagine autentica sulle torture e altre violazioni ai diritti umani, includendo le responsabilità dei superiori e il potere giudiziario escluda tutte le prove ottenute con tortura e a incorporare nel fascicolo le perizie indipendenti come quelle fatte dalla Commissione nazionale per i diritti umani secondo il protocollo di Istanbul”.

“Ringraziamo l’Onu perché il governo vuole coprire i responsabili reali e chi ha manipolato tutto”, dice María de Jesús Tlatempa, madre di uno dei ragazzi. “Ora basta con le sparizioni forzate e le fosse clandestine, non lo permetteremo, perché vivi li han portati via e vivi li vogliamo!”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...