Il popolo in armi contro i narcos in Messico

Questo video del giugno 2013, ora sottotitolato in italiano da Clara Ferri e intitolato “Polizia comunitaria in Messico”, contiene un’intervista completa a José Manuel Mireles Valverde, medico della comunità di Tepaltepec, un comune di 24mila abitanti che si trova nello stato centrosettentrionale di Michoacán, a 560km da Città del Messico. E’ una testimonianza preziosa e completa che ci racconta direttamente un fenomeno preoccupante, in crescita, difficile da controllare e dagli sviluppi futuri imprevedibili: nell’ultimo anno ha interessato almeno 4 stati diversi (Guerrero, Oaxaca, Michoacán e Morelos) ed evidenzia chiaramente la perdita totale di affidabilità e credibilità da parte delle autorità locali, ormai non più in grado di garantire la sicurezza ed anzi sempre più spesso colluse, o quanto meno accondiscendenti, con la criminalità organizzata.

policia-comunitaria

Mireles è il Consejero General del Consejo Ciudadano de Autodefensas, cioè il consigliere generale e portavoce della polizia comunitaria che è nata nel febbraio 2013 con lo scopo di difendere i cittadini vessati dai narcos e abbandonati dalle forze dell’ordine, incapaci di proteggere la popolazione per ammissione dello stesso sindaco di Tepaltepec, Guillermo Valencia, che, spiega, può contare solo su 30 poliziotti non tutti armati. Un po’ poco per difendere il comune dal narco-cartello dei Caballeros Templarios. La presenza e le angherie di questo gruppo viene denunciata dall’intervista di Mireles che è una richiesta di aiuto rivolta verso il governo messicano e anche di altri paesi, ma allo stesso tempo rappresenta una presa di posizione forte della comunità, ormai allo stremo, in favore della gestione autonoma della protezione cittadina.

Infatti, il titolo originale del documento era “Caballeros Templarios nel Michoacàn: Testimonianza dell’Autodifesa Cittadina”. Basta visitare il loro sito (link) per chiarirsi ulteriormente le idee sul perché della loro nascita. Dice il sottotitolo della pagina web: “Il popolo che s’è alzato contro il crimine organizzato”. Nella sezione video il loro motto è una citazione del filosofo spagnolo José Ferrater Mora: “Per me solo è giustificabile la violenza contro il tiranno, poiché il tiranno è l’incarnazione della violenza, e usarla contro di lui è un modo di distruggerla”.

Tierra Caliente mapa-michoacan

Lo stato del Michoacán fu il primo ad essere letteralmente invaso dall’esercito nell’ambito delle operazioni anti-narcos che all’inizio del 2007 diedero inizio alla narcoguerra contro i cartelli della droga voluta dall’ex presidente Felipe Calderón. Dopo quasi 7 anni di operazioni di polizia e militari nella regione, la violenza del narcotraffico non è cessata e sono aumentati i cartelli in lotta (Sinaloa, Zetas, Familia Michoacana, Caballeros Templarios, Jalisco Nueva Generación) per il controllo del territorio, visto che lo stato ha praticamente abdicato. Gli abitanti della terra caliente, la zona più abbandonata dalle istituzioni e più colpita dalla violenza, dalle angherie e dagli affari illeciti dei narcos, si sono organizzati seguendo l’esempio di altre comunità in condizioni simili nel vicino stato di Guerrero. Hanno creato quindi una polizia comunitaria (o gruppi di autodifesa) con la capacità di “convocare 3000 uomini armati in un’ora”, come riferisce Mireles.

E’ uno dei “nuovi” effetti collaterali della narcoguerra che viene a sommarsi ai 27mila desaparecidos, agli oltre 250mila “desplazados” (persone costrette a lasciare le proprie case e le proprie terre per la violenza), al logoramento del tessuto sociale, alla riproduzione del trauma, alla normalizzazione della violenza e agli oltre 100mila morti degli ultimi 7 anni. Il rischio che i gruppi di autodifesa degenerino in bande paramilitari o in sistemi paralleli e sommari di controllo del territorio, dell’economia e della giustizia esiste, ma è più forte la necessità degli abitanti di recuperare la tranquillità perduta e, per ora, come spiega Mireles, la polizia comunitaria ha funzionato e ha evitato che i sicari dei Caballeros Templarios continuassero a terrorizzare la popolazione con le loro scorribande stile far west.

La natura delle polizie comunitarie messicane è dunque differente rispetto a quella dei paramilitari controinsurrezionali delle Autodefensas Unidas de Colombia (AUC) che oggi non esistono più, almeno ufficialmente, ma che negli anni novanta e primi anni 2000 s’erano trasformate in vero e proprio esercito privato, ossia dei mercenari in buona parte finanziati da attività di narcotraffico al soldo di latifondisti e impresari colombiani.

Non solo le classi popolari, ma anche gli imprenditori locali sostengono le autodefensas perché appunto le vittime di estorsioni, racket, stupri, omicidi e ricatti erano anche (e soprattutto) loro. La figura del “poliziotto comunitario” non armato è prevista dalla legislazione dello stato di Guerrero ed esistono dei meccanismi per integrare questi elementi tra i quadri della polizia regolare. Invece i gruppi di autodifesa armati sono illegali.

Ci sono proposte per la creazione di nuove leggi che permettano la difesa delle comunità a livello nazionale, ma per ora il parlamento non s’è espresso in proposito. Indipendentemente dalla legislazione in vigore in ogni stato e a livello federale, di fronte alle reiterate assenze e indifferenze ufficiali ed alla presenza stabile di narcos e sequestratori, il popolo ha impugnato le armi rompendo di fatto il monopolio dell’uso della forza che definisce una delle funzioni dello stato. Vero è che quel monopolio era già stato rotto da decenni di abbandono istituzionale e di crescita paramilitare delle mafie locali e nazionali, quindi nulla di nuovo.

Ad ogni modo c’è un precedente importante, i gruppi di autodifesa esistono nel Michoacàn già dal 2011, cioè da quando nel municipio di Cheràn gli abitanti hanno deciso di unirsi e armarsi per la difesa dei loro boschi minacciati dall’alleanza nefasta tra i taglialegna e i narcos che danno loro protezione. Cheràn, comunità di 13mila abitanti, s’è dichiarata municipio autonomo e, in seguito, il gruppo autonomo di difesa è stato riconosciuto dalle autorità del Michoacàn e continua a occuparsi della vigilanza notturna e degli accessi al territorio comunale contro la criminalità organizzata. Le ripetute minacce dei narcos e i loro video di spiegazione che intimano le comunità di restituirgli il controllo dei “loro” territori o la stipula di patti di sangue tra autodifese e cartelli non hanno sortito effetti e l’esperimento continua. Ecco per esempio un video postato da MundoNarcoTv in cui El Tio, esponente di spicco dei Caballeros Templarios, chiede un patto alla polizia comunitaria di Tepaltepec (una specie di tregua per il recupero e forse la spartizione degli “affari”), la accusa di ricevere finanziamenti da un cartello rivale, quello di Jalisco Nueva Generación, e infine sfida a duello mortale uno dei suoi leader, Hipolito Mora.

Segnalo a questo link un altro video di presentazione e di richiesta di sostegno delle autodefensas.

di Fabrizio Lorusso (CarmillaOnLine)

 

3 risposte a “Il popolo in armi contro i narcos in Messico

  1. Pingback: Autodefensas e polizie comunitarie in Messico - Carmilla on line ®

  2. Pingback: Autodefensas e polizie comunitarie in Messico - Carmilla on line ®

  3. Pingback: Autodefensas e polizie comunitarie in Messico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...