Archivi tag: hollande

Repudian visita de Peña Nieto a Francia: Hollande recibe carta

Ayotzinapa Paris Lettera Hollande EPN (6) (Small)

  • EPN será invitado de honor en el aniversario de la toma de la Bastilla.
  • Estudiantes, académicos, artistas y activistas condenan la visita del presidente.

(DE: Revista Variopinto 15 de junio de 2015) Justo cuando nuevas investigaciones periodísticas desarman el rompecabezas de las versiones oficiales sobre los casos de Ayotzinapa e Iguala, el presidente Enrique Peña Nieto se fue de gira a Europa. Estuvo en Milán para la Expo 2015, donde se encontró con Primer Ministro italiano Matteo Renzi, y el 14 de julio llegará a París para el aniversario de la toma de la Bastilla y el inicio de la Revolución Francesa. Esto importa porque esta mañana algunos miembros del colectivo París-Ayotzinapa, del Movimiento contra el racismo para la amistad entre los pueblos y de la Asociación Francia-América Latina, entregaron una carta al Palacio del Eliseo dirigida al presidente francés, François Hollande, y al Ministro de Asuntos Exteriores, Laurent Fabius, en la cual decenas de asociaciones, colectivos, estudiantes, artistas, académicos y figuras políticas de México, Francia e Italia, entre otros países, condenan la invitación extendida a EPN como invitado de honor en la mencionada celebración. Entre los primeros firmantes están la cineasta Carmen Castillo; el filósofo Toni Negri; el colectivo de escritores italianos Wu Ming; el poeta y activista Javier Sicilia; el padre Alejandro Solalinde; los académicos John Ackerman, Sergio Aguayo y Lorenzo Meyer; el escritor Valerio Evangelisti; los diputados europeos Michèle Rivasi y Josè Bovè; y los activistas Vittorio Agnoletto y Franco Berardi “Bifo”, entre otros.

Francia, que históricamente ha sido considerada como patria de los derechos del hombre, va a recibir el presidente de un gobierno plagado de escándalos de corrupción, que arroja un balance inquietante de 43 mil muertos y 5,204 personas desaparecidas —tan sólo en 2014—; restricciones preocupantes a la libertad de expresión; y acusaciones de decenas de crímenes contra la prensa y de hacer uso de represión policíaca, incluidos miles de casos de tortura y ejecuciones extrajudiciales del ejército y la policía federal, todo en sus primeros dos años de mandato. Cabe mencionar que la reciente creación del cuerpo de gendarmería mexicana, siguió el modelo francés y se valió de la capacitación dada por el país europeo.

Las organizaciones internacionales para los derechos humanos están de acuerdo sobre este tema: “México vive una crisis humanitaria sin precedentes, en la cual los derechos humanos se menosprecian y la impunidad es la norma”, mencionan los activistas desde París. En el gobierno anterior de Felipe Calderón, el saldo de la narcoguerra fue terrible: más de 100 mil muertos, entre 22 mil y 30 mil desaparecidos y más de 280 mil refugiados o desplazados. Más de 130 mil soldados han sido empleados en las calles. Las presuntas operaciones contra el narco, también han servido para atacar grupos de defensa de recursos naturales, así como comunidades que luchan contra el despojo.

Hoy, después de su periodo como gobernador del Estado de México y tras dos años y medio de presidencia, Peña Nieto, denuncian los firmantes, “se ha hecho responsable, como jefe de las fuerzas armadas y de la policía, de crímenes perpetrados contra su mismo pueblo, por haber sido el primero en favorecer por inacción la intolerable violencia en la cual vive cotidianamente la sociedad mexicana”.

El caso de los estudiantes de la Normal “Isidro Burgos” de Ayotzinapa, evidenció elmodus operandi del gobierno mexicano: frente a un ataque premeditado, del que estaban enterados en tiempo real todos los cuerpos policiales cerca de Iguala, las autoridades trataron de eludir toda responsabilidad, afirmando frente a las familias de la víctimas que los estudiantes habían sido raptados y quemados, y sus restos arrojados en un río dentro de bolsas de basura. Nadie intervino para evitarlo, aun sabiendo lo que ocurría, según denuncian defensores de derechos humanos y firmantes.

En este contexto, Francia va a firmar contratos con México para la venta de 50helicópteros Airbus  SuperPuma que, denuncia el colectivo París-Ayotzinapa, “servirán, sin duda, como lo ha sido en los últimos 40 años, a reprimir los movimientos sociales que denuncian la violación sistemática de los derechos humanos por parte del Estado”. Asimismo, el país galo recibirá a las fuerzas armadas de México y al presidente Peña como “invitados de honor”, ante lo cual las FF. AA. desfilarán sobre Champs Elysées aun cuando, dentro de las investigaciones de periodistas sobre los desaparecidos Ayotzinapa, hubo fuertes sospechas que señalaron las responsabilidades del ejército mexicano en Iguala, principalmente el 27 Batallón de Infantería.

La carta que se entregó al presidente francés, condena igualmente el papel de las grandes empresas de las industrias militar y civil, empezando por Airbus.

Una versión más breve de la carta ha recibido hasta la fecha más de 5,500 adhesiones, y está contenida en una petición en línea de Change.org, disponible hasta el 13 de julio. Para informar a la sociedad civil acerca de los desarrollos de la iniciativa, con ocasión del día internacional contra la tortura y del noveno mes desde los hechos de Iguala, firmantes y organizaciones francesas participantes han convocado el 26 de junio a una mesa redonda dentro de las acciones globales para Ayotzinapa.

Lettera a Hollande: Peña Nieto, presidente messicano, persona non grata in Francia

Ayotzinapa Paris Lettera Hollande EPN (12) (Small)

Proprio mentre in Messico nuove indagini giornalistiche smontano, tassello dopo tassello, le versioni ufficiali offerte dalla procura sul caso degli studenti desaparecidos di Ayotzinapa e della strage di Iguala, il presidente messicano Enrique Peña Nieto è in visita in Europa, è stato anche a Milano per Expo, dove ha incontrato il “señor primer ministro” Matteo Renzi, e il 14 luglio sarà a Parigi, invitato dal presidente francese Hollande per le celebrazioni dell’anniversario della presa della Bastiglia.  La mattina del 15 giugno 2015 alcuni membri della comunità messicana in Francia, del collettivo Parigi-Ayotzinapa, del Movimento contro il razzismo per l’amicizia tra i popoli e dell’associazione Francia-America Latina hanno consegnato una lettera all’Eliseo, indirizzata al presidente della repubblica francese François Hollande e al Ministro degli Esteri Laurent Fabius, in cui decine di associazioni, collettivi, universitari, artisti, accademici e figure politiche del Messico, della Francia e di altri paesi condannano l’invito rivolto a Peña Nieto come ospite d’onore del presidente Hollande per il 14 luglio. Tra i primi firmatari la cineasta Carmen Castillo, il filosofo Toni Negri, il collettivo di scrittori Wu Ming, il poeta Javier Sicilia, Padre Alejandro Solalinde, gli accademici John Ackerman, Sergio Aguayo e Lorenzo Meyer, lo scrittore Valerio Evangelisti, i deputati europei Michèle Rivasi e Josè Bovè, gli attivisti Vittorio Agnoletto e Franco Berardi “Bifo”.

La Francia, che storicamente soleva considerarsi come la culla dei diritti dell’uomo, s’appresta a ricevere il presidente di un governo corrotto che ha un bilancio inquietante: 43.000 morti nei primi due anni di mandato di Peña Nieto, 5 204 persone scomparse solo nel 2014 (un desaparecido ogni due ore), restrizioni enormi della libertà d’espressione con decine di crimini commessi contro i giornalisti ogni anno, una repressione inedita da parte delle forze di polizia, senza contare le migliaia di casi di tortura e le esecuzioni extragiudiziarie realizzate dall’esercito e dalla polizia federale. Quest’ultima s’è addirittura valsa di una formazione fornita dalla Francia per creare il corpo della gendarmeria messicana, seguendo il modello francese.

Le organizzazioni internazionali per i diritti umani sono unanimi su questo tema: il Messico vive una crisi umanitaria senza precedenti in cui i diritti umani sono completamente sbeffeggiati e l’impunità è la norma. Nel precedente governo, quello del conservatore Felipe Calderón dal 2006 al 2012, il saldo della NarcoGuerra o “Guerra Militarizzata ai Cartelli della Droga” è stato terribile: oltre 100mila morti, tra i 22mila e i 30mila desaparecidos, 281mila rifugiati e 130mila soldati impiegati nelle operazioni. Operazioni di lotta al narcotraffico che nascondono, però, meccanismi di controllo sociale, delle risorse, degli investimenti e dei territori a discapito della popolazione e delle comunità, specialmente nel Messico profondo della povertà e dell’esclusione.

Dopo il suo arrivo a posizioni di potere, dapprima come governatore del Estado de Mexico (caso repressioni di Atenco nel 2006), poi come presidente della repubblica (massacri di Tlatlaya, Iguala, Apatzingán, Tanhuato), Enrique Peña Nieto s’è reso responsabile, in qualità di capo delle forze armate e di polizia, di crimini perpetrati contro il suo stesso popolo.

E’ stato il primo a favorire per inazione l’intollerabile violenza in cui quotidianamente vive la società messicana. Uno degli esempi più recenti è quello della sparizione di 43 studenti della scuola normale rurale “Isidro Burgos” di Ayotzinapa il 26 settembre 2014. Questo caso ha messo a nudo il modus operandi del governo messicano: di fronte a un attacco premeditato, di cui erano a conoscenza in tempo reale tutte le forze dell’ordine, le autorità hanno cercato di eludere tutte le loro responsabilità affermando, senza il minimo ritegno, davanti alle famiglie dei giovani scomparsi, che gli studenti erano stati rapiti e calcinai in una discarica e i loro resti gettati in un fiume dentro a dei sacchi della spazzatura.

Dopo la negazione della giustizia il governo di Peña Nieto ha riattivato la repressione e il discredito verso le famiglie degli studenti scomparsi e i loro sostenitori. Recentemente, il 7 giugno 2015, giornata elettorale per il rinnovo della camera dei deputati e dei governi di numerosi comuni e regioni, il governo ha dispiegato l’armata e la polizia federale in tre stati del Messico, il Guerrero, l’Oaxaca e il Chiapas, con il fine di reprimere la popolazione, principalmente gli insegnanti del sindacato dissidente CNTE (Coordinadora Nacional de Trabajadores de la Educación), che manifestavano per denunciare la collusione tra i politici e i narcotrafficanti e s’oppongono al processo elettorale dato che non è stata fatta giustizia. Il risultato è che ci sono stati 127 arresti in diverse regioni e una persona uccisa per un colpo d’arma da fuoco esploso alle spalle dalla polizia federale nello stato del Guerrero.

In questo contesto la Francia s’appresta a firmare contratti per la vendita di 50 elicotteri Airbus  «SuperPuma » che serviranno senza dubbio, così com’è stato negli ultimi 40 anni, a reprimere i movimenti sociali che denunciano la violazione sistematica dei diritti umani da parte dello stato. E’ ancora in questo contesto che la Francia riceverà il presidente messicano e le sue forze armate come invitati d’onore che, malgrado la pessima reputazione di cui godono presso le organizzazioni per i diritti umani, sfileranno sugli Champs  Elysées  il 14 luglio 2015.

Tramite questa lettera la comunità messicana in Francia e tutti i firmatari denunciano questi crimini e violazioni, denunciando anche l’insieme degli accordi economici e militari tra il Messico e gli stati europei. Allo stesso modo si deplora il ruolo delle grandi imprese dell’industria militare e civile che, a cominciare da Airbus, cercano di firmare contratti mirabolanti a discapito della popolazione messicana, vittima tre volte: della povertà, della violenza di stato e della legge dei narcos.

Una versione più breve della lettera è stata oggetto di una petizione on line sulla piattaforma Change.org e resterà accessibile fino al 13 luglio. Fino ad ora ha ricevuto oltre 5500 adesioni. Con il fine d’informare la società civile su questa situazione d’emergenza si terrà una tavola rotonda il 26 giugno, a nove mesi esatti dalla sparizione degli studenti di Ayotzinapa nell’ambito della Giornata internazionale contro la tortura.

Di Fabrizio Lorusso – Link foto Parigi/AyotzinapaLink petizioneLink lettera integrale

Foto Galleria: Lettera a Presidente Hollande contro visita di Peña Nieto

Clic on aNY PIC to OPEN GALLERY

Petizione dalla Francia: NO alla presenza del presidente messicano Peña Nieto alle celebrazioni del 14 luglio

(Lettera della comunità messicana in Francia e dei firmatari di questa petizione indirizzata a François Hollande, Presidente francese, e a Laurent Fabius, Ministro degli Affari Esteri) – français: https://goo.gl/CgIWFY / español: http://urlz.fr/22fD / català

AyotzinapaFrancia_460x290_pub-uploads-columnistas-imagenes variasNO alla presenza del presidente Enrique Peña Nieto alla commemorazione del 14 luglio 2015

Petizione su Change.Org – Puoi firmare qui link

Signor Presidente,

Negli ultimi mesi, il Messico ha vissuto una serie di eventi drammatici che hanno sconvolto l’opinione pubblica. Ci riferiamo ai crimini di Stato commessi dall’Esercito messicano a Tlatlaya (nello stato di México) nel giugno 2014, dalla Polizia Municipale a Iguala (nello stato di Guerrero) nel settembre 2014 e, più recentemente, dalla Polizia Federale a Apatzingán (nello stato di Michoacán), nel gennaio 2015.

Il presidente Enrique Peña Nieto si è mostrato insensibile alle critiche e rifiuta di riconoscere l’aggravemento della situazione dei diritti umani in Messico. Non esigendo che la giustizia messicana compia pienamente la sua missione e screditando i giornalisti e gli organismi internazionali che criticano il suo governo, Enrique Peña Nieto si rende complice dei mandanti di tutti questi crimini. In un tale contesto di impunità, repressione e censura, alla società civile messicana non resta che rivolgersi alla comunità internazionale, per ottenere giustizia e per esigere garanzie di non repetizione di queste gravi violazioni dei diritti umani.

È giunta l’ora di prendere sul serio la violenza sistemica che vive il popolo messicano e di cui lo Stato, attraverso le sue forze dell’ordine, è direttamente responsabile. La situazione è troppo grave perché i legami diplomatici tra Francia e Messico si basino esclusivamente su considerazioni di tipo economico. Il Messico sta attraversando una crisi umanitaria che non viene riconosciuta come tale e, al tempo stesso, una crisi di rappresentatività senza precedenti, a causa dell’immoralità dei suoi governanti.

Per queste ragioni, rifiutiamo la presenza del presidente Enrique Peña Nieto alle commemorazioni del 14 luglio 2015, così come tuttti gli onori che gli sono stati conferiti e Le chiediamo di riconsiderare il Suo invito.

Signor Presidente, La preghiamo di prestare attenzione alle preoccupazioni e alle richieste della società civile messicana. La vocazione della Francia, che Lei incarna, non è di onorare un dirigente implicato in atti repressivi e sospettato di corruzione, in cambio di succulenti contratti di armamento. Ancor meno, di pemettere che sugli Champs Elysées sfilino forze armate segnalate per molteplici e documentate aggressioni contro la popolazione civile. Al contrario, La invitiamo ad approfittare di questa occasione per rinnovare il Suo impegno nella difesa dei diritti umani e per condannare pubblicamente le sparizioni forzate, la tortura generalizzata e le esecuzioni extragiudiziali perpetrare quotidianamente in Messico in tutta impunità.

Leggere il testo integrale

Peña Hollande

Florence Cassez: notizia, commento, analisi

Video della conferenza stampa del 24 gennaio 2013 a Parigi (in francese).

florence-cassez-a-son-arrivee-a-la-conference-de-presse

Dopo 7 anni di reclusione Florence Cassez, cittadina francese condannata in Messico a 60 anni di reclusione per sequestro di persona, porto d’armi e criminalità organizzata, torna in libertà grazie a una decisione della Prima Sala della Suprema Corte di Giustizia della Nazione messicana. La Corte ha giudicato incostituzionale il suo processo e le relative condanne. L’affaire Cassez rappresenta il caso diplomatico più rilevante e più strumentalizzato politicamente tra Messico e Francia dalla Seconda Guerra mondiale in poi. Avevo fatto visita a Florence nel carcere femminile di Tepepan, nella zona sud di Città del Messico, giusto un paio di mesi fa e lei era in attesa della decisione della Corte: silenzio stampa, tensione e tanti sogni. L’addio con le sue compagne di cella, l’auto bianca coi vetri scuri del consolato francese che la veniva a prendere, la libertà respirata fuori da Tepepan, i suoi genitori, l’aereo solo per loro e un volo diretto a Parigi. Niente dichiarazioni per un po’, l’arrivo, la colazione e una nuova vita. Così è stato, come lei desiderava, per filo e per segno anche se nessuno se l’aspettava. Avevamo seguito le vicende su Carmilla Qui – 1 e Qui – 2 (cronologia degli ultimi giorni Qui)

“Dopo sette anni qui, mi pare che lo scherzo sia durato abbastanza”, mi aveva detto l’ultima volta, in novembre. E il suo caso sembrava proprio uno scherzo, anche se tragicamente reale e concreto, come lo sono la privazione della libertà durante anni e l’immersione nel circo mediatico e politico franco-messicano senza interruzioni né spot pubblicitari. Nell’ormai lontano 2005 anche contro di lei s’era messa in funzione la “fabbrica dei colpevoli” messicana, una macchina spietata con ingranaggi incastrati e ferruginosi che girano e s’imballano tra burocrazia, politica, sistema giudiziario e di polizia.

Un sistema che funziona per i motivi e gli interessi più disparati e ogni anno produce casi d’ingiustizia che riempiono le carceri di innocenti o di presunti innocenti cui viene negata la possibilità di difendersi, i cui casi e le cui colpevolezze vengono parzialmente o totalmente fabbricati a vari livelli del processo (vedi libro di Anne Vigna e). Quando si ha la fortuna di arrivare fino alle istanze superiori come la Corte Suprema, in genere c’è la speranza di ottenere giustizia e libertà, ma non molte persone hanno i mezzi materiali, intellettuali, emotivi e giudiziari per portare il proprio caso in appello e poi alla Corte che in Messico funge da giudice costituzionale.
Nel primo pomeriggio del 23 gennaio è arrivata la decisione della Corte di annullare il processo Cassez e le sue due condanne (in primo grado e in appello). Nel marzo scorso, ancora alla fine del periodo presidenziale di Felipe Calderón, i giudici s’erano espressi in senso contrario e la francese era rimasta in carcere.

S’era aperto un dibattito importante nel paese: un processo doveva essere una vendetta o fare giustizia? In che modo, con che metodi era lecito conoscere la verità, sempre che questa sia conoscibile? Esiste in Messico la presunzione di innocenza quando la metà dei reclusi resta in attesa di giudizio per mesi, spesso in base a prove inconsistenti o ricavate con espedienti surreali o con la violenza? E’ meglio un presunto innocente in prigione o un presunto colpevole in libertà? Spesso il governo e la polizia preferiscono i numeri e le cifre: chili di droga sequestrati e persone arrestate. Poi a nessuno importa cosa succede con quei chili di sostanze e soprattutto con quelle vite e nessuno sa se sono colpevoli perché il sistema non sa e non riesce a processare, a investigare, a condannare secondo un minimo standard di protezione dei diritti umani e delle garanzie individuali. E’ giusto comminare una pena di 60 anni di reclusione a una presunta rapitrice se le prove, che poi sono solo testimonianze più volte modificate e incoerenti, sono ottenute in modo fraudolento o addirittura con torture o ricatti? (Intervento recente video in spagnolo)

Mercoledì 23 gennaio i voti positivi in favore del progetto presentato dal magistrato della prima Sala della Corte Olga Sánchez sono stati 3 contro 2 e Florence ha ottenuto la libertà, è partita subito per Parigi. Nelle ultime settimane si vociferava su questo progetto che, in teoria, avrebbe dovuto prevedere semplicemente l’annullamento del processo e la riapertura di un nuovo fascicolo depurato delle testimonianze e delle prove (praticamente tutte) ottenute illegalmente, non valide o derivate da montaggi della polizia, delle TV e delle autorità che via via sono state coinvolte nel caso. Senza queste famigerate “prove” l’assoluzione sarebbe stato il risultato più probabile. Ma la Corte, a sorpresa, è andata oltre.

L’effetto principale della decisione di mercoledì è stata l’immediata scarcerazione di Florence. Questo implica l’ammissione che il processo era stato condotto con abusi abnormi, ingerenze politiche, montaggi televisivi, sentenze e testimonianze falsate e illegali, insomma fuori da qualunque criterio giudiziario accettabile, fuori dal principio costituzionale del processo giusto e dovuto. Florence è stata “sequestrata” quasi un giorno intero prima di essere portata dalla polizia sul presunto luogo del delitto per ricreare televisivamente la scena della cattura. E’ stata sbattuta sugli schermi di fronte a milioni di telespettatori senza saperne nulla. E’ diventata la “diabolica e perversa rapitrice francese” che tortura i messicani. Tutto nel giro di cinque minuti in TV.

E ci sono voluti sette anni per convincere la metà del paese che così non era. Florence non ha avuto l’assistenza consolare adeguata. Florence è vittima e, per colpa delle autorità, non avremo mai un processo che possa chiarire, sempre che fosse possibile, chi siano stati i veri carnefici, i veri rapitori di quelle altre vittime, i tre sequestrati che ancora non sanno chi sono i veri membri della banda di delinquenti che li aveva presi in ostaggio. Ad ogni modo la Corte non poteva decidere circa l’innocenza o la colpevolezza di Florence Cassez, ma poteva solo valutare la legittimità del processo e così ha fatto.

Tutto il caso, compresa la sua rilevanza e importanza mediatica, era cominciato con un montaggio TV orchestrato dall’allora capo della FBI messicana (la Agenzia Fedarle della Investigazioni o AFI), Genaro Garcia Luna (dal 2006 al 2012 Ministro della Sicurezza Pubblica del presidente Calderon), e di Televisa, principale catena messicana e principale artefice della vittoria presidenziale di Enrique Peña Nieto del PRI (Partido Revolucionario Institucional, ex partito egemonico del sistema politico messicano per 70 anni nel novecento) lo scorso primo luglio. Per sei anni Calderon e Garcia Luna non hanno voluto mollare la presa sul caso Cassez mentre Sarkozy sparava dichiarazioni scioviniste e revansciste contro il governo messicano e nel 2011 sospendeva l’anno della Francia in Messico aprendo l’ennesima crisi diplomatica tra i due paesi. Hollande è stato più discreto, ha lasciato fare ed ha atteso la fine del sessennio del PAN (Partido Accion Nacional, di destra) e di Calderon, mentre negoziava in dicembre con Peña Nieto, che è stato anche in Francia durante il suo primo tour di visite ufficiali, la fine del tormentone e la normalizzazione delle relazioni diplomatiche.

Il governo messicano non è stato da meno in quanto a strumentalizzazioni: tra sparate sensazionaliste per coprire gli eccessi della polizia nel “controllo” della protesta sociale e nell’ambito della “guerra al narcotraffico”, tra annunci vuoti e altisonanti sul rispetto della sovranità del paese e del suo presunto “esemplare stato di diritto”, il presidente e il suo ministro prediletto, Garcia Luna, per anni hanno messo in ridicolo e caricato oltremodo il sistema politico e l’amministrazione della giustizia che, solo ora che sono usciti di scena, la Corte ha potuto in qualche modo sanzionare correggendone alcune storture e pratiche nefaste. Mentre prima il Ministro Garcia Luna negava, col tempo ha dovuto ammettere la storia del montaggio TV e a poco a poco l’opinione pubblica ha cominciato a capire con chi aveva a che fare. Oggi i media messicani, nella polemica post-caso Cassez, stanno già chiedendo la sua testa e anche quella del suo secondo, il fidato ex capo della polizia Luis Cardenas Palomino, coautore dello show e del montaggio televisivo contro Cassez. Dal portale SinEmbargo.Com.Mx : “Ci aspettiamo che i responsabili di quella manipolazione, che fu totalmente illegale, siano chiamati a rendere conto ” e ancora “la polizia non isolò né protesse le vittime del presunto rapimento e, al contrario, furono mantenute in un ambiente ostile, insieme ai loro presunti aggressori, il tutto per fare un’operazione pubblicitaria che non aveva nulla a che vedere con le indagini”.

Il giudice della Corte Arturo Zaldivar ha giustificato la decisione in questi termini: “La Corte difende i diritti umani di tutti perché desideriamo un cambiamento nella prassi della polizia, del pubblico ministero e dei giudici, ed è questo che rende rilevante il ruolo del tribunale supremo al di là del caso concreto e della situazione concreta della persona di cui parliamo”. Dunque la trascendenza di questo caso è indubbia: in un paese condannato da più parti (mass media, ONG, Corte Interamericana dei Diritti Umani, ecc…) per le violazioni ai diritti umani, per i femminicidi, per gli abusi della polizia, per la guerra al narcotraffico promossa dall’ex presidente Calderón (2006-2012) che ha provocato oltre 16mila desaparecidos e circa 80mila morti, il rispetto della legalità nei processi e il rispetto dei diritti dell’uomo sembravano essere principi astratti, inutili, mentre rappresentano la base per ricostruire il tessuto sociale e la credibilità delle istituzioni. Senza questi elementi, nessuna lotta ai cartelli e alla delinquenza organizzata è possibile. Il caso Cassez ha evidenziato, messo a nudo e condannato le interferenze politiche nella magistratura, l’intervento di ministri e presidenti in sfere a loro estranee, l’ingerenza dei media (in primis la catena Televisa) che hanno costruito il caso e alimentato i sospetti e i pregiudizi contro la francese. Da www.carmillaonline.com – Fabrizio Lorusso

Cronologia breve in francese.
chronologie-de-l-affaire-florence-cassez.jpeg