Archivio dell'autore: raulzeccacastel

Avenida Miranda. Puntata 20. Pioniere e rivoluzionarie: le anarchiche di Spagna raccontate da Eulália Vega

avenida-miranda-pioniere-e-rivoluzionarie

Cogliendo l’occasione della traduzione in lingua italiana del libro “Pioniere e Rivoluzionarie. Donne anarchiche in Spagna (1931-1975)”, pubblicato dalle Edizioni Zeroincodotta di Milano, Raúl Zecca Castel, che ne è il traduttore, ha intervistato l’autrice, Eulàlia Vega, storica, già docente presso l’Università di Lleida in Spagna.

Grazie al racconto di Eulàlia, al suo libro e, soprattutto, alle testimonianze raccolte dalle dirette protagoniste, ripercorriamo così un pezzo fondamentale, drammatico ed eroico, della storia recente della Spagna. Ma il grande valore, estremamente prezioso, che rappresenta il libro sta nel raccontare questa storia non solo facendo affidamento alle fonti orali, ma, soprattutto, facendolo da una prospettiva di genere, a partire dalle storie di vita di un gruppo di donne anarchiche che a vario titolo hanno partecipato in prima persona alle vicende che hanno segnato l’intera storia di un popolo.

Qui il link al podcast.

Extorted and exploited: Haitian labourers on Dominican sugar plantations

Pubblichiamo oggi un articolo in inglese di Raúl Zecca Castel apparso il 14 novembre 2017 sul portale openDemocracy.  Si tratta di un breve ma intenso – e drammatico – resoconto di come il processo di privatizzazione dell’industria saccarifera dominicana abbia determinato l’emergenza di nuove forme di schiavitù basate sulla trappola del debito. A farne le spese, come sempre, gli ultimi della scala sociale: i migranti, in questo caso haitiani.

Haiti, a former sugar colony, was formed through the rebellion of slaves, yet now many Haitians find themselves completely subordinated to the private sugar companies of the Dominican Republic.

“We are like slaves in freedom, we work and we do not earn any money, we work for nothing … we cannot even buy shoes, a shirt, a pair of pants … we are like slaves in freedom because we are free to leave the job, we know that there are other places to go and work. We can leave, so we are free. But when one does this job he is like a slave, a prisoner, because without money he can’t go wherever he wants. He has to stay and pay debts at the shop … and then the job has to be finished.”

Continua a leggere

“Come schiavi in libertà” su Open-Distribuzioni Dal Basso

rsz_locandina_-_come_schiavi_in_libertà

Con grande piacere segnaliamo l’inserimento di “Come schiavi in libertà” – documentario realizzato dal nostro Raúl Zecca Castel – nella libreria on-line della piattaforma OpenDDB-Distribuzioni Dal Basso: la prima rete distributiva di produzioni indipendenti in Europa.

Da oggi il documentario potrà essere scaricato e visualizzato in tutto il mondo con la possibilità di associare i relativi sottotitoli in lingua inglese e francese solo versando un contributo volontario che servirà alla rete di OpenDDB per gestire e continuare a sostenere progetti liberi e indipendenti, oltre che all’autore per investire nuove forze in ulteriori progetti.

Cliccando qui sarete diretti alla pagina specifica di OpenDDB dedicata al documentario.

Per tutte le info relative al documentario e al libro vi consigliamo di consultare la nostra pagina delle produzioni cliccando qui: “Come schiavi in libertà”.

Avenida Miranda. Puntata 16. Il caso #SantiagoMaldonado e la questione #Mapuche. Intervista con Geraldine, della Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche.

di Raúl Zecca Castel

so cos'hai fatto-iloveimg-cropped

A tre mesi dalla scomparsa, due settimane dal ritrovamento e in attesa dei risultati dell’esame autoptico sul corpo di Santiago Maldonado, la puntata odierna di Avenida Miranda è interamente dedicata alla questione Mapuche. Raúl Zecca Castel ne parla con Geraldine, membro della Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche e strenua sostenitrice della causa Mapuche.

Qui il podcast per ascoltare la puntata.

Seguendo l’invito di Geraldine e nel pieno rispetto della volontà della famiglia di Santiago Maldonado, rilanciamo anche noi da questa sede l’impegno a tenera alta l’attenzione sulla vicenda e soprattutto ad informarsi tramite i canali ufficiali del movimento che segnaliamo qui di seguito.

Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche (Sito web in italiano)
Aparición con vida de Santiago Maldonado (Sito Web in spagnolo)
Aparición con vida de Santiago Maldonado – Oficial (Pagina Facebook in spagnolo)

Continua a leggere

Santiago Maldonado: lo Stato dell’arte.

di Raúl Zecca Castel

_20170824202710-kxIB--656x437@LaVanguardia-Web

L’avevamo capito sulla pelle di Salcedo e Pinelli che gli anarchici non sanno volare. Ora abbiamo anche scoperto che i Mapuche non sanno nuotare. Quantomeno ci resta una conferma: che la creatività degli Stati, a qualsiasi latitudine e tempo, è davvero inesauribile. Tra malori attivi, improvvise perdite d’equilibrio, suicidi e congetture politico-mediatiche di ogni sorta, non sarebbe quindi azzardato pensare a un’inedita forma di governo: lo Stato dell’arte.

A 77 giorni dalla scomparsa di Santiago Maldonado, avvenuta il 1 agosto 2017 in occasione di una protesta organizzata dalla comunità indigena Mapuche Pu Lof di Cushamen, nella provincia di Chubut, in Argentina, e duramente repressa dall’intervento violento di un contingente armato della Gendarmeria Nazionale, il corpo di un uomo è stato trovato galleggiare proprio sulle acque del fiume Chubut, tra le radici di un salice in lacrime, come un’improbabile Ofelia patagonica.

Continua a leggere

Omaggio al ‘Che’. Fotogallery cubana e video-intervista ad Aleida Guevara

di Raúl Zecca Castel 

Continua a leggere

#AvenidaMiranda Puntata 9: #Cile, 11 Settembre 1973. Intervista con Eduardo “Mono” Carrasco

brigada-portada

Questo giovedì la puntata di Avenida Miranda è dedicata al ricordo dell’11 settembre 1973.

Dai microfoni di Radio Città del Capo di Bologna, Raúl Zecca Castel intervista un protagonista assoluto della storia artistica e politica cilena: Eduardo “Mono” Carrasco. Fondatore della Brigada Ramona Parra, il più importante gruppo muralista del Cile, e rappresentante in Italia degli Inti Illimani, “Mono” ci accompagna lungo il ricordo di quella tragica giornata che avrebbe segnato di sangue e terrore i successivi 16 anni di storia cilena.

Esiliato in Italia dal 1974, “Mono” continua ad essere un instancabile portavoce della cultura e della tradizione cilena, tenendo viva la memoria storica del suo paese natale attraverso l’arte pittorica, la musica e la scrittura. Per tutto ciò, nel 2004, l’ambasciata del Cile a Roma gli ha conferito la Medaglia Pablo Neruda.

Qui il podcast della trasmissione.

Qui il sito web personale di Eduardo “Mono” Carrasco

Avenida Miranda, immaginari e storie dai Sud del mondo” è una trasmissione a cura del blog l’America Latina.Net.  Va in onda ogni giovedì dalle 12 alle 12.30 su Radio Città del Capo. La potete ascoltare via etere a Bologna e dintorni sui 94.7 Mhz e 96.25 Mhz FM, e anche via web dal sito http://www.radiocittadelcapo.it e su smartphone sintonizzandosi sul canale di Radio Città del Capo attraverso l’applicazione TuneIn.

Señores Benetton, ¿dónde está Santiago Maldonado?

de Raúl Zecca Castel

rsz_santiago_maldonado

Podría ser esta que ven la imagen para el lanzamiento de la nueva campaña publicitaria de Benetton: la cara un poco bohemia de un joven muchacho argentino, el pelo alborotado, dreadlocks a la vista y mirada penetrante sobre fondo negro – monocromo -, como los que le gustan tanto al buen Oliviero Toscani, y luego, inevitable, el logotipo con el lema de la famosa compañía italiana, United Colors of Benetton, que se ha convertido, gracias a inteligentes estrategias de marketing, en sinónimo de apertura, multiculturalidad, integración entre los pueblos y las culturas.

Continua a leggere