Archivi tag: amore

Il Cielo sul DF – El cielo del DF (Subsonica Revisited)

Ispirato dalla bellissima e geniale Il Cielo Su Torino dei Subsonica d’annata, ho provato ad addormentarmi, ma il ritornello non mi lasciava stare. Allora mi son messo a tradurlo fuori dalla gabbia delle parole, liberamente, ma senza parlare di Torino, splendida città, ma del DF, il mostro Distretto Federale, alias Città del Messico, Mexico City, México o Chilangolandia. Spesso il cielo di qui è oscurato dalle nebbie di qui, non si può vedere tra smog e palazzoni, fumi alcolici e caos interiore, ma basta girare l’angolo e tutto può cambiare d’un tratto, senza preavviso, nella vista, nella vita, nella musica che scandisce i tuoi passi. Dalla periferia di Milano alla capitale messicana, da Torino al mio letto, prendo sonno cantando.

# Resumen en español. Si un refrán no te deja dormir, tradúcelo. Si el DF no te deja dormir, tradúcelo. El cielo sobre Turín, de Subsonica, es ahora el cielo del DF (al menos para mí) #

Un altro giorno un’altra ora ed un momento 
dentro l’aria sporca il tuo sorriso controvento 
il cielo su Torino sembra muoversi al tuo fianco 
tu sei come me 

Un altro giorno un’altra ora ed un momento 
perso nei miei sogni con lo stesso smarrimento 
il cielo su Torino sembra ridere al tuo fianco 
tu sei come me 

Otro día, otra hora y otro momento
en el aire sucio tu sonrisa a contraviento
el cielo del DF parece moverse a tu lado
tú… eres como yo

Otro día, otra hora y otro momento
perdido en mis sueños con el mismo desconcierto
el cielo del DF parece moverse a tu lado
tú… eres como yo

# Otras que la canción sugiera #

…por mi tiempo que en tus ojos está aprisionado

…por esta rabia que en la punta del paladar roza la desnudez de tu inteligencia

…por todo el tiempo, que para tenerlo tuvimos que rapiñar, por mis dedos en tu boca, por tu saliva, por tus manos

El cielo del DF (indiscreto sobre la Diana cazadora)

Torino Panorama – Original Song (no live)

Per tutto il tempo che ci è sempre stato negato
che per averlo abbiamo spesso rapinato
per le mie dita nella tua bocca per la tua saliva
per le tue mani
per il mio tempo che nei tuoi occhi è imprigionato
per l’innocenza che cade sempre e solo a lato
per i sussuri mischiati con le nostre grida
ed i silenzi

per il tuo amore che è in tutto ciò che gira intorno
acquista un senso questa città e il suo movimento
fatto di vite vissute piano sullo sfondo

Un altro giorno un’altra ora ed un momento
dentro l’aria sporca il tuo sorriso controvento
il cielo su Torino sembra muoversi al tuo fianco
tu sei come me

Un altro giorno un’altra ora ed un momento
perso nei miei sogni con lo stesso smarrimento
il cielo su Torino sembra ridere al tuo fianco
tu sei come me
tu

Per questa rabbia che in punta al mio palato sfiora
la nudità della tua intelligenza e ancora
per il tuo corpo altare ed unica dimora
ti sto cercando

per ritrovare tutto il possibile del mondo
ora e dovunque per spingere sempre più a fondo
senza pensare senza timori nè domani
tra queste mani

Un altro giorno un’altra ora ed un momento
dentro l’aria sporca il tuo sorriso controvento
il cielo su Torino sembra muoversi al tuo fianco
tu sei come me

Un altro giorno un’altra ora ed un momento
perso nei miei sogni con lo stesso smarrimento
il cielo su Torino sembra ridere al tuo fianco
tu sei come me
tu

Hotel a Ore di Città del Messico – Guía Hoteles de Paso D.F.

In Italia si chiamano hotel a ore, “alberghetti” o motel e raccontano storie di notti truffaldine, di amanti, di corna o semplicemente di innocenti evasioni e necessarie scappatelle tra amorosi. Possono essere anche piuttosto cari e, sebbene ne esistano vari dentro le città, molti si trovano lungo le statali e le autostrade, eventualmente isolati o poco in vista. A Città del Messico, invece, sono numerosissimi e onnipresenti. Per tutti i gusti e tutte le tasche, una vera panacea per il ricco e per il povero, per il giovane e l’anziano, ma il proliferare degli hoteles de paso (para sexo, amor o simple diversión – volevo dire – sesso, amore o semplice divertimento inteso anche come “diversivo” e uscita dalla routine) li ha convertiti ormai in un vero e proprio fenomeno di costume, oggetto di discorsi aperti e confronti tecnici ed estetici ordinari tanto che se ne sente parlare ovunque: a lezione, in ufficio, sull’autobus, nelle barzellette, sulle riviste specializzate e non. Per questo motivo e per mettere un po’ d’ordine nel marasma è nata una guida on line, una guía de hoteles de paso del DF (cioè del Distrito Federal, il nome amministrativo di Città del Messico). In un’area urbana immensa con 25 milioni di abitanti era necessario un po’ di orientamento e una coppia di messicani, molto dinamica e sperimentatrice, ha escogitato una guida su Internet in cui raccogliere le loro esperienze belle e brutte in questi alberghi cittadini. Le fotografie presentate in questo post sono, per esempio, dell’ormai celebre e super kitsch “Hotel Cuore” che pare sia il favorito per gli studiosi e studiose di antropoloia, i professori di lingua e le coppie (sposate) novelle della classe media. I lettori del blog partecipano inviando anche loro nuove foto, video delle strutture, recensioni di hotel e commenti ai post che permettono un loro aggiornamento costante (coi prezzi per esempio) e la condivisione di opinioni diverse. Ti piace con Jacuzzi o con piscina? In centro o in periferia? Con l’altalena o con il palo per la pole dance? Rustico stile baita o post-moderno? Quanto potete pagare? Dai 10 euro in su, ce n’è per tutti, basta navigare e scegliere. E se ci si perde c’è sempre una cartina da scaricare per ogni hotel e un’applicazione per iPhone, iPad e iPod Touch. Buon tour e buone vacanze a Città del Messico! [Ah, dimenticavo il disclaimer che qua ci vuole. Questo post non sponsorizza nessuna iniziativa commerciale, sia chiaro, si fa tutto solamente per passione…].

Dos Favores. Due favori. Poesia in Spagnolo e in Italiano

Dos favores

Por favor, no seas para mi un grande amor
porque, dicen, los grandes amores
son los que no se tienen nunca
como ahora mismo
que lloro letras de mi lápiz
y te quiero tener, noche y cuerpo
alma tuya en el aire mío
respirándola para alegrar mi sangre
hasta borrar de la suerte
el rastro de tu despedida.
Por favor, contéstame si crees
que ésta es una carta
ignórame si ves en todo esto
simplemente un mensaje baldío
un rumbo sin carisma de imán
una promesa de flores secas.
Sabes, sólo a ti, de paso
he pedido dos favores honestos
que no son deudas con el miedo
sino retazos libres de mi porvenir
que alguien dejó, sin saber, para ti.

Due favori

Per favore, non diventare per me un grande amore
perché, dicono, i grandi amori son quelli
che non si posseggono mai
proprio come adesso
che piango lettere dalla mia matita
e vorrei averti, notte e corpo
anima tua nell’aria mia
respirandola per dar gioia al mio sangue
fino a cancellare dalla sorte
le tracce del tuo addio.
Per favore, rispondimi se credi
che questa sia una lettera
ignorami se vedi in tutto questo
semplicemente un messaggio sterile
una direzione senza il carisma del magnete
una promessa di fiori secchi.
Sai, solo a te, nel cammino
ho chiesto due favori onesti
che non sono debiti con la paura
ma ritagli liberi del mio avvenire
che qualcuno ha lasciato, senza saperlo, per te.

Fabrizio Lorusso

Revista de poesia ISLA NEGRA di Gabriel Impaglione / Rivista di poesia ISLA NEGRA