Archivi tag: mexico df

Il Cielo sul DF – El cielo del DF (Subsonica Revisited)

Ispirato dalla bellissima e geniale Il Cielo Su Torino dei Subsonica d’annata, ho provato ad addormentarmi, ma il ritornello non mi lasciava stare. Allora mi son messo a tradurlo fuori dalla gabbia delle parole, liberamente, ma senza parlare di Torino, splendida città, ma del DF, il mostro Distretto Federale, alias Città del Messico, Mexico City, México o Chilangolandia. Spesso il cielo di qui è oscurato dalle nebbie di qui, non si può vedere tra smog e palazzoni, fumi alcolici e caos interiore, ma basta girare l’angolo e tutto può cambiare d’un tratto, senza preavviso, nella vista, nella vita, nella musica che scandisce i tuoi passi. Dalla periferia di Milano alla capitale messicana, da Torino al mio letto, prendo sonno cantando.

# Resumen en español. Si un refrán no te deja dormir, tradúcelo. Si el DF no te deja dormir, tradúcelo. El cielo sobre Turín, de Subsonica, es ahora el cielo del DF (al menos para mí) #

Un altro giorno un’altra ora ed un momento 
dentro l’aria sporca il tuo sorriso controvento 
il cielo su Torino sembra muoversi al tuo fianco 
tu sei come me 

Un altro giorno un’altra ora ed un momento 
perso nei miei sogni con lo stesso smarrimento 
il cielo su Torino sembra ridere al tuo fianco 
tu sei come me 

Otro día, otra hora y otro momento
en el aire sucio tu sonrisa a contraviento
el cielo del DF parece moverse a tu lado
tú… eres como yo

Otro día, otra hora y otro momento
perdido en mis sueños con el mismo desconcierto
el cielo del DF parece moverse a tu lado
tú… eres como yo

# Otras que la canción sugiera #

…por mi tiempo que en tus ojos está aprisionado

…por esta rabia que en la punta del paladar roza la desnudez de tu inteligencia

…por todo el tiempo, que para tenerlo tuvimos que rapiñar, por mis dedos en tu boca, por tu saliva, por tus manos

El cielo del DF (indiscreto sobre la Diana cazadora)

Torino Panorama – Original Song (no live)

Per tutto il tempo che ci è sempre stato negato
che per averlo abbiamo spesso rapinato
per le mie dita nella tua bocca per la tua saliva
per le tue mani
per il mio tempo che nei tuoi occhi è imprigionato
per l’innocenza che cade sempre e solo a lato
per i sussuri mischiati con le nostre grida
ed i silenzi

per il tuo amore che è in tutto ciò che gira intorno
acquista un senso questa città e il suo movimento
fatto di vite vissute piano sullo sfondo

Un altro giorno un’altra ora ed un momento
dentro l’aria sporca il tuo sorriso controvento
il cielo su Torino sembra muoversi al tuo fianco
tu sei come me

Un altro giorno un’altra ora ed un momento
perso nei miei sogni con lo stesso smarrimento
il cielo su Torino sembra ridere al tuo fianco
tu sei come me
tu

Per questa rabbia che in punta al mio palato sfiora
la nudità della tua intelligenza e ancora
per il tuo corpo altare ed unica dimora
ti sto cercando

per ritrovare tutto il possibile del mondo
ora e dovunque per spingere sempre più a fondo
senza pensare senza timori nè domani
tra queste mani

Un altro giorno un’altra ora ed un momento
dentro l’aria sporca il tuo sorriso controvento
il cielo su Torino sembra muoversi al tuo fianco
tu sei come me

Un altro giorno un’altra ora ed un momento
perso nei miei sogni con lo stesso smarrimento
il cielo su Torino sembra ridere al tuo fianco
tu sei come me
tu

II Festival Nuevos Públicos México DF – Memorias del Mañana

Questa presentazione richiede JavaScript.

Ecco le foto dell’evento Festival Nuevos Públicos 2012 – Diálogos entre Rock y Poesía in cui abbiamo presentato il poemario Memorías del Mañana. Info qui:

Los esperamos el 13-14-15 de enero en el Museo de la Cd de México, metro Pino Suárez! Descarga el Programa festival nuevos públicos o Haz clic en la foto. Señalo:

– los 3 días, banco de libros selectos de la Librería Morgana, librería italiana en México y otro de BravO Cubiertas Inteligentes para proteger sus libros con estilo inimitable :)

– el sábado a las 17, conferencia magistral de la Doctora Mariapía Lamberti, Letras Italianas UNAM, sobre Umberto Eco

– el domingo a las 13, presento el poemario Memorias del Mañana con lectura de la actriz MariaTeresa (Trentin Picasa Foto album link).

Link evento Gobierno del Distrito Federal

Link evento en Trajineros.BlogSpot

Barrios mágicos de la Ciudad de México: Iztacalco

Questa presentazione richiede JavaScript.

Un post dal retrogusto un po’ turistico e natalizio per chi passerà da Città del Messico per il weekend. Il Messico ha creato un programma di inclusione turistica e culturale delle piccole perle nascoste in tutto il territorio nazionale, qualcosa di simile al controverso e celbre “Patrimonio dell’umanità” della Unesco/Onu: sono i pueblos mágicos o paesini magici, in genere antichi, ricchi di tradizioni, con un centro storico ben conservato di origine coloniale e identità locali vive. Da Tepoztlán a Cueztalan e Real de Catorce, da Tlalpujahua a Tequila e San Cristobal, ad oggi ci sono una cinquantina di comuni più o meno noti che hanno ottenuto questo status per entrare nel franchising turistico nazionale. A Città del Messico o México DF (Distretto Federale) esiste un programma analogo  ma legato ai barrios mágicos, le zone o quartieri popolari “magici” con un centro storico antico. Nell’album fotografico che scorre sopra (a questo link tutte le foto) nello slide-show c’è il quartiere dei 7 barrios della zona Iztacalco, a est di Mexico City. Altri quartieri certificati dalla famosa “pergamena” di barrio magico, rilasciata dal Governo della città, sono: Tláhuac, con il paesino di San Andrés Mixquic; Milpa Alta, con San Pedro Atocpan; Tlalpan, con San Agustín de las Cuevas, nel centro della circoscrizione; la zona della Basílica de Guadalupe, col nome di Centro Histórico Norte de la Ciudad–Villa de Guadalupe, in zona Gustavo A. Madero e i sette magnifici di Iztacalco. Il progetto è partito nell’agosto del 2011 e prevede l’incorporazione di una trentina di quartieri in totale. Sono già arrivate le critiche politiche (come e chi viene prescelto?) e quelle relative alle implicazioni economiche del programma che non ha dei fondi ma rappresenta solo uno stimolo per i quartieri che desiderano captare i flussi turistici che quest’estate hanno superato le 22 milioni di visite. Ad ogni modo si stanno aggiungendo a poco a poco anche queste zone: San Ángel, San Juan Tlihuaca (Azcapotzalco), Mixcoac, Coyoacán, Cuajimalpa, Zona Rosa, Garibaldi, Roma-Condesa y Santa María la Ribera, Villa de Guadalupe, Los siete barrios de Iztacalco, Culhuacán, Los Dinamos, Tacubaya, San Pedro Atocpan, San Andrés Mixquic, Centro Histórico de Tlalpan, Los mercados de Mixiuhca y La Merced, Centro Histórico de Xochimilco.

Cinema alternativo: il Festival Nomadica sbarca in Messico

PROGRAMMA NOMADICA MEXICO CITY (clicca!): LINK QUI

ESP___

Nomádica es un festival internacional de arte y cine. Una red coparticipativa para la distribución y la difusión de las obras elaboradas por organismos autónomos e independientes. Nomádica es una estructura completa con múltiples objetivos, proyectados hacia nuevas posibilidades de producción, sustento y difusión de autores y artistas que trabajan de manera autónoma. Es un proyecto de investigación en el campo de las artes cinéticas. Un festival anómalo, en movimiento, subterráneo, que subvierte las normas y que se va a desarrollar por tiempo indefinido a través de cientos de realidades y países distintos. Conformado por las creaciones de decenas de autores de distintas nacionalidades, reunidos en diversos proyectos de investigación.

Tomará lugar en la Ciudad de México desde el 5 hasta el 21 de noviembre. Las obras serán proyectadas continuamente con ayuda de personas de diferentes áreas de ésta gran ciudad. Irá acompañada de diversos eventos en los que los sentidos y las artes se tejen en un continuo intercambio con artistas y trabajadores locales.

El programa cuenta con un centenar de películas, documentales y cortos de animación artesanal. Los realizadores son cineastas italianos, franceses, uruguayos, argentinos, mexicanos, y canadienses, de diferentes estilos y géneros. Esta combinación resulta de la colaboración de diversos grupos, que investigan la realidad y que difunden su proyecto desde abajo, donde la red se divide y se multiplica dando lugar a una estructura mucho más compleja. Por ello estamos organizando un encuentro internacional, de manera que podamos contribuir con la creación de una red internacional de todos los proyectos que, como Nomádica, se desplazan y, paralelamente al circuito oficial de distribuccion, crean otros circuitos. Éste encuentro busca el reconocimiento y la aceptación mediante la creación de una red diferente de distribución.

Después de este importante evento la gira continuará en diferentes estados de México, con Ruedas Nomádica. Un proyecto que quiere exponer sus obras en otras ciudades y pueblos, donde las grandes salas no pueden ni saben llevar estas películas a la gente. Todo esto será el trasfondo de una película que será producida por Nomádica, donde se cuente este viaje, su tierra, los habitantes y las cultura mexicana.

• Sigannos en: www.nomadica.eu

Contacto de prensa:

mexico@nomadica.eu

Laura Sponti 5542791434

En colaboración con:

FFAN – Uruguay (5-21 Noviembre, proyecciones en simultáneo con Ciudad de Mexico)

Kinomada – Canadá (22-29 Octobre, Valparaiso, Chile)

Ambulantes (Gira internacional de Documentales, México)

Film Flamme – Francia (22-29 Noviembre, Semaine Asymmétrique, Marsella)

Cine a la Intemperie (Exhibición alternativa de cultura audiovisual en Latinoamérica, Argentina)

ITA___

Nomadica è un festival internazionale itinerante di arte e cinema, una rete di distribuzione coopartecipativa per la divulgazione di opere prodotte da organismi autonomi e indipendenti. E’ un progetto di ricerca nel campo delle arti cinetiche, un festival anomalo, in movimento, sotterraneo, che capovolge tutte le regole solite e che andrà avanti per un periodo indefinito attraversando centinaia di realtà e di paesi differenti.

Approdato a Ciudad de Mexico, dal 5 al 21 Novembre, le proiezioni si succederanno senza sosta, insieme alla gente delle differenti zone di questa grande città. Saranno accompagnate da vari eventi in cui i sensi e le arti si intrecceranno in uno scambio continuo con artisti e lavoratori locali.

Un centinaio i film, tra lunghi e cortometraggi, tutti prodotti a bassi budget, dal basso, film di autori italiani, francesi, uruguayani, argentini, messicani, canadesi. Di stili e generi differenti: documentari, d’animazione artigianale, film di viaggio, sperimentali, etc. Il cui insieme nasce dalla collaborazione con varie realtà di ricerca e diffusione dal basso, e la rete si sta articolando in una struttura assai più grande. A tal fine stiamo organizzando un incontro internazionale per la fine di Novembre, affinché si possa contribuire e mettere a sistema molte delle realtà che come Nomadica si muovono per una diffusione parallela, per la creazione di una rete internazionale unica che possa essere efficiente, riconoscibile e riconosciuta.

Dopo questo importante evento il giro di Nomadica continuerà nei differenti Stati del Mexico, con Ruedas Nomadica, un progetto che condurrà le opere in altre città e villaggi, dove le grosse sale non sanno e non possono arrivare, per portare questi film alla gente.

Tutto questo sarà l’intenso “sfondo” di un film di viaggio nella terra e nella cultura messicana prodotto da Nomadica.

• Seguici su: www.nomadica.eu

Per contatti stampa:

mexico@nomadica.eu

Laura Sponti 5542791434

In sinergia con:

FFAN – Uruguay (5-21 Novembre, proiezioni in simultaneo con Ciudad de Mexico)

Ambulantes (Gira Internacional de Documentales, Mexico)

Kinomada – Canada (22-29 Octobre, Valparaiso, Chile)

Film Flamme – Francia (22-29 Novembre, Semaine Asymmétrique, Marsiglia)

Cine a la Intemperie (Exhibición alternativa de cultura audiovisual en Latinoamérica, Argentina)

FRA___

Nomadica est un festival international itinérant des arts et du cinéma, un réseau de distribution co-participatif pour la divulgation d’oeuvres produites par des organismes autonomes et indépendants. Nomadica est un projet de recherche dans le champs des arts cinématographiques, un festival en mouvement, sous-terrain, qui dépasse toutes les règles habituelles et qui poursuivra son chemin sur une période indéfinie, traversant des centaines de réalités et de pays différents.

Installé dans la ville de Mexico, du 5 au 21 novembre, les projections se succéderont sans cesse, et s’organiseront avec la population des diverses zones de cette grande ville. Ces projections seront accompagnées de plusieurs évènements dans lesquels les sens et les arts se mêleront en un échange continu entre artistes, structures de quartier et  habitants.

Une centaine de films proposés, entre longs métrages, courts, tous produits à bas budget et de manière indépendante, films de cinéastes italiens, français, uruguayens, argentins, mexicains, canadiens. De style et genre différents: documentaires, animation artisanale, films de voyage, expérimentaux, etc.

Cet ensemble composé grâce à la collaboration de nombreuses structures de recherche et de diffusion alternatives. Un réseau de plus en plus grand qui se structure et se développe. Afin de créer un réseau international efficient, visible, et reconnu, nous organiserons une rencontre international à la fin du mois de novembre entre de nombreuses structures qui comme Nomadica agissent pour une diffusion parallèle.

Suite à cet important évènement, la tournée de Nomadica continuera dans plusieurs états du Mexique, avec Ruedas Nomadica, un projet qui portera les oeuvres dans d’autres villes et villages, là où les salles commerciales ne sont pas installées, pour proposer un autre cinéma aux habitants.

Cette expérience sera la toile de fond d’une réalisation, un film de voyage en terre et culture mexicaine, un film produit par Nomadica.

• Voir le programme: www.nomadica.eu


L’italiano in carcere a Città del Messico

di Fabrizio Lorusso

Al cosiddetto centro di reinserimento sociale (centro de readaptaciòn social, in spagnolo) di Santa Martha Acatitla mandano le donne, ce ne sono alcune migliaia ormai. Una buona parte di loro ci devono restare per molti anni, sentenziate, definitivamente vestite di blu e rassegnate. Altre invece si mettono le magliette, i pantaloni e i cardigan beige il che vuol dire che restano in attesa, s’adattano, vivono nel limbo della legge teoricamente “uguale per tutti” anche se qui nell’America triste e latina lo è solo sulla carta, quella del codice penale, del civile o della tanto celebrata Costituzione del 1917. Un paese come il Messico che ha un tasso d’impunità dei delitti del 97% e un livello di corruzione giudiziaria e politica internazionalmente riconosciuto non può certo vantare un sistema equo ed efficace di sicurezza e giustizia.
Da circa un anno il collettivo AlterIta di Città del Messico, composto da sei insegnanti italiani militanti senza patria fissa, cui s’aggiunge Corina Giacomello, amica insostituibile dei sei professori e massima esperta del sistema penitenziario messicano e di questioni di genere, cerca di usare la linguacultura italiana dentro le pareti del reclusorio femminile, la prigione, come un cavallo di troia per diffondere il germe dell’educazione alla pace: le lingue straniere servono a vestirci di novità e di vita, aiutano a dipingere lo spirito coi colori dell’alterità per affrontare e apprendere il nostro mondo di dentro e quello di fuori.

Come disse un poeta apolide sono “dei travestimenti per l’anima globalizzata” o semplicemente strumenti per uscire un po’ da sé e guadarsi allo specchio. Così questi spazi fisici e mentali diventano uno solo, si fanno universo, sempre più grandi e aperti alla scoperta della diversità e della comunicazione accese dal gioco dell’insegnante che impara e dello studente che insegna. La mente del progetto “lezioni d’italiano in carcere”, Corina, è una che la prigione non la studia solo sui libri ma che la vive, la piange, la rimpiange, ne scappa via, ci ritorna e poi la descrive dall’interno e dall’esterno con le sue parole ma anche attraverso gli occhi delle ragazze nei suoi due libri pubblicati in Messico (Rompiendo la zona del silencio e Los secretos de Almoloya), testimonianze mosse dalla voglia di verità e catarsi.

E’ stata quindi la persona perfetta per introdurci in questa microsocietà fatta di donne guardie e di recluse, di adolescenti, madri, figlie, amanti, mogli, sorelle, lavoratrici che per un motivo o per l’altro sono finite in prigione per qualche mese o per mezza vita, magari in attesa di giudizio oppure senza più speranze di rivedere il mondo esterno.
Come accennavo pocanzi lo stato di diritto che tanto serve alla costruzione delle moderne società democratiche, al funzionamento dello Stato, quello grande che dicono si scriva con la maiuscola, e alla convivenza civile non trova in Messico una realizzazione minimamente accettabile. Basti pensare che noi stranieri motorizzati, perduti nella gran urbe azteca insieme agli altri 25 milioni di autoctoni che la popolano, dobbiamo premunirci di qualche biglietto di taglio intermedio, diciamo da 50, 100 o 200 pesos (circa 3, 7 e 14 euro), sempre pronto e disponibile in una tasca segreta della giacca per rispondere adeguatamente alle sollecitazioni di qualche poliziotto in cerca di arrotondamenti per il suo magro salario o di pezzi di ricambio per la sua vettura di servizio deturpata.
Infatti la “polizia di transito”, come si chiama qui, deve provvedere alle proprie spese per la macchina e con frequenza usa il codice della strada in suo favore contando anche sul fatto che quasi nessun automobilista è perfettamente in regola con la documentazione e le infrazioni che si commettono sono moltissime a causa dell’indisciplina ma anche per alcune condizioni oggettive della strada e della segnalazione
santamartha.jpg che ti conducono in errore o propiziano “sviste programmate”, un’insostenibile leggerezza nel rispetto delle regole. Quindi la mazzetta (detta mordida), la stupida complicità tra il poliziotto corrotto e il cittadino concusso portano a una normalizzazione di un comportamento incivile ma pratico ed efficace. Lascio immaginare al lettore che cosa succede a tutti gli altri livelli della piramide sociale e giudiziaria.
In realtà è una legge che spesso fa la sfacciata, la facile, ma che alla fine è distante e indifferente ad oltranza. Si tratta d’una messicana norma anormale, geneticamente malleabile e corruttibile, flessibile come l’attesa e il tempo latino americani, ubriaca come la storia che cambia padrone più o meno ogni dieci anni, forse meno.

Per esempio quest’anno in Messico si festeggia il centenario della Revoluciòn mexicana, una sollevazione armata più simile a una guerra civile tra diversi bandi e progetti politici locali e nazionali che a una rivoluzione coerente gestita da un gruppo dirigente o da un partito. Questa affermazione parrebbe una bestemmia antistorica e antipatriottica a molti messicani, ma è in realtà un’interpretazione plausibile che sta prendendo sempre più piede grazie ad alcune pubblicazioni di autorevoli storiografi come Macario Schettino.
E’ la rivoluzione nota in Italia per personaggi come Pancho Villa, Emiliano Zapata, i fratelli Flores Magon, il generale Obregon e Francisco I Madero. Sempre nel 2010 si celebra anche il bicentenario dell’indipendenza dalla Spagna e qui i prescelti onorevoli della fondazione della patria sono i preti Josè Maria Morelos e Miguel Hidalgo. Ebbene quest’anno le discussioni, i libri, i film, i documentari e le conferenze sul bicentenario e l’identità nazionale sono all’ordine del giorno e la reinvenzione costante della storia viene eseguita in chiave politica per schiarire le idee e svecchiare le ideologie dopo il fallimento degli ideali di sviluppo e uguaglianza della Revoluciòn dagli anni ottanta in avanti.
La crisi dei governi del PAN dal 2000 ad oggi con i presidenti Vicente Fox e Felipe Calderon (Partido Acciòn Nacional, di destra) lascia intravedere il ritorno del vecchio PRI (Partido Revolucionario Institucional, per 70 anni dominante in Messico) al potere nel 2012 e irrompe come una spina nel fianco nella retorica del cambiamento e della novità che aveva aperto uno spiraglio al pluralismo politico reale (con tre partiti grandi che si contendevano le elezioni nazionali e regionali) e che tanto aveva entusiasmato il popolo e la classe politica all’inizio del nuovo millennio quando il PRI cedette il passo.


A volte è la stessa legge che ammicca, bella di notte, cercando favori, mazzette di dollari e pesos e colpevoli innocenti da annoverare tra i successi del sistema, cifre ed arresti da sfoggiare per domare la pubblica opinione ed evitare il pubblico ludibrio. Suo malgrado il giorno dopo la legge si toglie il trucco ed è diversissima da come s’era presentata: s’imburra di paroloni, reinterpreta se stessa, cambia look, così come cambiano il potere, i soldi, l’importanza politica oppure più semplicemente il quartiere o la classe sociale d’appartenenza del cittadino che incappa nelle sue brame, fattispecie o fatti che siano. Possiamo credere in Dio, unico e onnipotente, crediamo anche al verbo proferito dai codici del diritto imparziale e universale, ma non so proprio se possiamo credere alle persone che non sono Dio, non sono la legge, ma li usano e ne parlano sempre come se lo fossero.

Prima della costruzione di Santa Martha il carcere della zona orientale di Città del Messico era quello di Lecumberry, nei pressi dell’aeroporto e della stazione degli autobus TAPO, che oggi funziona come Archivio Generale della Nazione e mantiene intatte le strutture fisiche dell’antico istituto penitenziario le quali gli danno un tono austero e inquietante e mettono in soggezione i ricercatori bramosi di affrontare le immagini di sofferenza emanate dalle sue pareti in cambio di un po’ di documenti antichi e una tesi pubblicata da qualche parte.
Oggi invece bisogna partire armati di coraggio e pazienza e percorrere una ventina di chilometri in direzione est rispetto al centro storico e allo zocalo per raggiungere Santa Martha. Questo implica attraversare tutto l’enorme quartieraccio di Iztapalapa, quello dove ogni anno a Pasqua si ripete integralmente il rito della passione e crocifissione di un prescelto abitante che si martirizza come il Cristo sulla croce. E’ un nugolo irrisolto di viette labirintiche tagliato da un immenso vialone a 8 corsie, una vera e propria calzada de los muertos che si trasforma in una pista di atterraggio per autobus rabbiosi e in un campo minato per noi motociclisti (al riguardo consiglio la lettura del diario di Federico Mastrogiovanni). Quasi ai confini del Distrito Federal, alla fine della macchia urbana dove comincia l’autostrada per Puebla ci si ferma per entrare in un mondo parallelo dove è proibito fare foto, usare i cellulari e introdurre oggetti non autorizzati. Chiaramente bastano pochi spiccioli affinché questa regola venga alleggerita, ma non importa.Imagen050.jpgL’istituto è una specie di grande scuola dalla struttura centrale circolare a più piani da cui si diramano numerosi corridoi tra i quali vi sono dei cortili adibiti a spazi ricreativi, di socializzazione e per le attività sportive. La maggior parte dei corridoi conduce a las estancias, cioè le abitazioni delle recluse in cui possono dormire da 4 fino a 10 donne a seconda dei casi. Ne abbiamo visitate alcune che erano in condizioni precarie, soprattutto per quanto riguarda i servizi igienici e la zona del dormitorio che è di circa 9 metri quadrati scarsi. Il paragone tra la prigione e le istituzioni educative non è casuale dato che sono luoghi preposti teoricamente all’educazione e rieducazione dei cittadini e sono parte degli apparati ideologici dello Stato, così come li definiva il filosofo marxista Louis Althusser circa mezzo secolo fa.
All’entrata si presenta un documento, un oficio in spagnolo, che contiene i nostri nomi e che ci permette di entrare nel carcere dopo gli ordinari controlli dei permessi di soggiorno e un paio di firme da apporre su dei libroni mastodontici e sgangherati. C’è anche una rapida perquisizione prima di ottenere dei pass di plastica e farsi stampare dei timbri trasparenti sul polso che vanno fatti vedere a un paio di guardie annoiate all’ingresso di alcuni corridoi che portano alla struttura centrale. Si passa una lunga rampa di cemento, el caracol, che si arrampica a chiocciola dal cortile principale fino ai piani superiori della prigione.

Le lezioni d’italiano si svolgono al secondo piano in un’aula del centro escolar, una zona pulita e ordinata dove s’impartiscono corsi di inglese, disegno, spagnolo, matematica, storia e mille altri laboratori e seminari tenuti da volontari, universitari, docenti ma anche dalle stesse recluse che ne hanno le capacità e le qualifiche. Proprio il venerdì, il nostro giorno stabilito per le lezioni, dalle 16 in poi c’è sempre un concerto o un DJ che per qualche ora irradiano l’edificio e i cortili con vibrazioni musicali latine per cui è comune vedere centinaia di ragazze scatenate in danze liberatorie. Alcune ballano accoppiate, con la loro ragazza o con le amiche, mentre altre si muovono da sole lasciandosi addomesticare dal ritmo del reggaeton e della cumbia che fa loro dimenticare il confronto quotidiano con il passato e con la solitudine. Un giorno alcune studentesse del corso ci hanno presentato una giovane aspirante interessata ad entrare nel prossimo corso, era l’unica che poteva permettersi di coprirsi una parte del viso con dei vistosi occhiali da sole perché gode di un certo potere e nessuno la rimprovererà mai: “piacere sono Sandra, adoro l’italiano e vediamo se mi metto in lista per il prossimo semestre”. Si trattava di Sandra Avila Beltran, conosciuta come la Reina del pacìfico (la regina del Pacifico) e catturata nel settembre 2007 perché considerata uno dei capi più importanti del narcotraffico in Messico: probabile ma da dimostrare, come afferma lei stessa denunciando tutto il sistema narco-poltico-militare che le sta dietro nel libro intervista del giornalista Julio Scherer Garcia.

Molte nostre alunne conoscono bene l’inglese mentre altre sono laureate in ingegneria, disegno o economia e possono quindi ottenere punti per “la buona condotta” partecipando o insegnando nei corsi disponibili. Infatti lo scorso aprile abbiamo consegnato loro dei diplomi che certificano un anno di studi per fini interni. All’inizio avevamo una trentina di alunne ma il numero s’è ridotto a 15-20 che hanno continuato quasi tutto l’anno scorso a frequentare le lezioni ma soprattutto a condividere con noi i loro spazi, le loro emozioni, le loro storie e le ingiustizie che in tante hanno dovuto sopportare e continuano a subire mentre attendono la sentenza definitiva o scontano la pena.
Imagen054.jpgIl primo pensiero che ho avuto all’inizio dell’esperienza d’insegnamento-apprendimento in carcere si riassume in alcune domande: “ma che cacchio ci fa questa, così tranquilla, bella, intelligente qua dentro? Qual è la sua storia? Sarà solo colpa sua o c’è di mezzo un uomo, un marito geloso magari, come spesso succede da queste parti?”. In effetti il sistem a ha spesso bisogno di responsabili per giustificare le sue funzioni e le indagini vere, se ci saranno, verranno dopo. La colpevolezza si presume e s’incarcera per mesi, specialmente chi non ha abbastanza denaro per gli avvocati, per le mazzette, per la cauzione e tutto il resto, un po’ come succede in ospedale col sistema privato per cui chi non ha la carta di credito generosa e l’assicurazione in regola resta fuori. Qui invece resti dentro con la tutina beige.
Solo dopo alcuni mesi è stato possibile ottenere delle risposte a quelle domande, quando ormai davvero non era più importante, quando la connessione con le ragazze era diventata più forte e non c’importava più di conoscere i dettagli e le cronache. Il fine era diventato un altro: imparare da loro che il tempo, la vita, la semplicità, la gratuità, le piccole cose e la libertà di cui siamo privati quando entriamo nella loro casa e che loro hanno perso da mesi e da anni sono scintille che non vediamo più mentre invece dovrebbero bruciarci e accenderci in ogni momento della giornata spingendoci a fare l’impossibile, ad accarezzare l’utopia come un gatto sornione e traditore che ci fa le fusa per un po’ e a capire che in fondo si tratta di saper apprezzare qualunque inezia come un grasso regalo di Natale. Perciò ringrazio e ringraziamo di aver conosciuto, odiato e ammirato da vicino Santa Martha, una santa curandera messicana patrona delle speranze delle donne e dei loro sguardi precisi che ogni sera sfidano l’angustia dalle fenditure e dei cortili murati alla ricerca di un pezzo di cielo con la luna.

www.carmillaonline.com & LamericaLatina.Net

LyFC o CFE. La luce, Messico: dalla bolletta rossa alla verde

Ecco le foto delle due diverse bollette della luce a confronto. Come ben sapete dai post di un paio di mesi fa, la compagnia che operava nel centro del Messico, la Luz y Fuerza del Centro (LyFC), storica azienda elettrica messicana i cui oltre 40.000 dipendenti formavano (e virtualmente ancora formano) il sindacato storico SME (Sindicato Mexicano de Electricistas), è stata sgomberata e chiusa per decreto presidenziale e con l’uso dell’esercito annullando di fatto il potere del sindacato e licenziando praticamente tutti i lavoratori. Qui un paio di articoli: http://selvasorg.blogspot.com/2009/10/guerra-al-sindacato-in-messico.html & http://latinoamericaexpress.blog.unita.it//Messico__si_spegne_la_luce__s_accende_la_speranza_680.shtml

Ai dipendenti sono state offerte delle indennizzazioni e alcuni sono stati riassunti nella CFE (Comision Federal de Electricidad) che è la compagnia statale nazionale più importante e ha rilevato le attività di Luz y Fuerza. Girano molte mail e volantini che come forma di resistenza civile invitano a non pagare la nuova bolletta di colore verde visto il sopruso perpetrato nei confronti degli impiegati (ex impiegati!) dell’estinta LyFC. Per contrastare la protesta il governo sta bombardando radio e TV con degli spot alquanto tendenziosi che evidenziano l’inefficienza della vecchia compagnia e i pregi di quella “nuova”, gli sprechi dei sindacati e le virtù dell’efficienza, mentre la verità è un po’ più complicata e sfumata rispetto al bianconero mediatico di queste settimane. Intanto i lavoratori si dividono almeno in tre categorie: quelli che attendono ancora una risoluzione giuridica e che continuano con la pratica de “el amparo” (ossia un ricorso contro la decisione di espropriazione e chiusura della compagnia decretato da Felipe Calderon), quelli che già lavorano nella “nuova” CFE e quelli che ricevono mensilmente l’indennizzazione e sono alla ricerca di una nuova occupazione. Comunque sembra che l’interregno dei pagamenti sia ora finito e proprio alla vigilia di Natale è arrivata la prima bolletta verde che sostiuisce quella rossa. Nuovi padroni dell’energia (in teoria si tratta sempre dello Stato però con altri equilibri tra imprese pubbliche, sindacati e gruppi di lavoratori…), nuove sigle e colori. Intanto la vertenza degli elettricisti non è finita, anzi, l’agguerrito sindacato sta continuando con le manifestazioni e le negoziazioni anche se la sensazione è che i risultati siano stati fino ad ora deludenti e il governonon ha dimostrato sufficiente apertura. Si può seguire qui: http://www.sme1914.org/ On verà?

Rodrigo y Gabriela, duo latin-rock-folk messicano

Vi presento Rodrigo y Gabriela, un duo di chitarristi messicani che ho conosciuto tramite Carmillaonline.com e gli articoli di Filippo Casaccia e non direttamente qui in Messico! Paradossi della vita. Ciononostante ho deciso di diventare un loro fan. Guardate solamente il video e i link relativi e capirete perché. E’ appena uscito il loro ultimo album 11:11 registrata nella famosa Ixtapa, Oceano Pacifico, Messico.

Ascolta qui alcune anteprime del nuovo album!

http://www.ilike.com/artist/Rodrigo+Y+Gabriela/album/11%3A11

Ecco un articolo su di loro:

http://www.carmillaonline.com/archives/2009/05/003050.html#003050

http://it.wikipedia.org/wiki/Rodrigo_y_Gabriela

A Città del Messico l’acqua è quasi finita…

DF sin agua

Il cartello appeso in acuni supermercati di Città del Messico non lascia speranze né dà adito a dubbi circa la gravità della crisi idrica nella capitale messicana. Infatti, nonostante la città galleggi per metà su corsi d’acqua sotterrati e sull’antico lago di Texcoco e la piovosità media non sia così scarsa rispetto ad altre megalopoli come El Cairo (dove non piove praticamente mai, ma non c’è un’emergenza idrica imminente), l’annuncio è perentorio.

“Febbraio 2010: la città può restare senz’acqua. Città del Messico vive la peggiore siccità della sua storia. Ci rimane acqua solo per i prossimi 6 mesi. Non è un’avvertimento, è una realtà”.

Resta da verificare se, come spesso accade a queste latitudini, l’effetto annunci voluto dalle autorità, detto anche “al lupo, al lupo”, si basa su un’emergenza reale oppure su delle stime pessimiste o ancora sulla velata e preliminare impotenza nel risolvere il problema. Comunque la diffidenza che sfoggio in questo post è legittima in un sistema dove chi agisce per primo e con prudenza viene spesso punito mentre si privilegiano le soluzioni improvvisate all’ultimo momento e l’allarmismo sistematico.

Un ulteriore sospetto legittimo può affacciarsi furtivamente se consideriamo l’altro grande flagello di quest’anno in Messico: penso all’influenza porcina, o meglio A H1N1, con la sequela di panico televisivo, di misure governative e conseguenze economiche gravi per la popolazione che il “nuovo” virus e soprattutto la sua propagazione mediatica hanno causato da aprile in poi. Dopo la piaga del virus letale arriverà anche quella della siccità?

C’è da dire che il razionamento dell’acqua è già una realtà in alcune delegaciones (circoscrizioni cittadine) di Mexico City, meglio conosciuta come Mexico DF o Distrito Federal. In effetti sfamare e dissetare oltre 20 milioni di persone (ma forse sono 25 milioni o più, nessuno lo sa) è un’impresa ardua e sembra che il governo della città e il sindaco Marcelo Ebrard stiano cominciando ad avvisare noi abitanti inermi che la medicina sarà amara se gli sprechi continuano. Anzi, c’è proprio un ultimatum e un limite di 6 mesi dopo di che si dovrà attendere un’ora precisa per farsi la doccia o lavare i piatti.

In generale la gente è abbastanza sensibile al problema e proprio qui in Messico ho carpito alcune pratiche fondamentali che cerco di applicare per non sprecare l’acqua come insaponare i piatti quasi a secco per poi sciacquarli rapidamente alla fine o l’arte di farsi la doccia più o meno allo stesso modo.

Girano a decine le mail collettive sul trattamento dell’olio fritto che non va buttato nel lavandino ma in appositi contenitori e sulle bottiglie da mettere nella vasca che contiene l’acqua di scarico del water per risparmiare migliaia di litri all’anno del prezioso liquido. In certi periodi dell’anno scarseggia anche l’energia elettrica a dire il vero. I black out arrivano a ripetersi varie volte nel corso della giornata e possono durare addirittura alcune ore nei casi più sfortunati. A volte credo che vivere in Messico mi aiuti ad anticipare i tempi, ad abituarmi e prepararmi a come potranno diventare l’Italia e l’Europa in un futuro nemmeno troppo lontano. Spero si tratti solo di un vaneggiamento.