Messico: bruciano libri di Carlotto, Evangelisti e Wu Ming per ottenere un seggio

Da http://www.carmillaonline.com/archives/2011/01/003760.html#003760

fogatabis.jpgAnche un botto di italiani all’estero odia Battisti e tutti coloro i quali hanno firmato l’appello in suo favore e con fervore nel 2004. E pure loro vogliono visibilità e amano fare “la politica”.
Ecco alcuni sentori da terra americana riportati a caldo. S’espandono a macchia d’olio (di ricino) le loro pretenziose azioni d’inesistenza civile per voler riaffermare una carta d’identità smarrita “ci siamo anche noi, dateci seggi, pane e…già si sa” – dichiara un’anonima protestante di origini veneziane, alias La Asesora Serenissima.
Continua “l’assessuora”: “somos estanchi, alla proxima elecsione del parlamento ci candidiamo anche nosotros con ITALIA e adesso bruciamo i libri per solidaridad, così ci cacano un poquito estos caprones de Roma. Il seggio per los italianos all’estero sarà nuestro, capito?”. A seguire le notizie.

Puerto Escondido, Messico, 19 gen 2011 d.C.
Sconcertante e avvenente atto di ribellione da parte di un gruppo di italiani all’estero. Una decina di manifestanti italiani, da anni ridenti nella residente località della regione di Oaxaca, ha impugnato le torce e la gasolina per innalzare al cielo una pira sacrificale con le copie in italiano e spagnolo de Il Collare di fuoco, Tortuga, Altai e Il Fuggiasco. Lanciato nel fuoco anche un sacchetto di ganja, cioè la famosa e pura mota messicana.

Capeggiati dal regista Bruno Liegi-Baston-Liegi (vincitore del Golden gol 2012 ed ex sceneggiatore dei filmi di Maccio Capatonda) e da Josè Guadalupe Speranzone, noto abitante dei due mondi, gli eroici hanno messo al rogo une ventina di esemplari proprio durante una cerimonia propiziatoria cui partecipavano dei surfisti tedeschi in una spiaggia poco lontana dal centro cittadino.
Attirati dai fumi dell’odio e dagli umori emessi dall’erba gatta, i germanici hanno subito pensato ai soliti italiani che si fanno la spaghettata di mezzanotte o una semplice indianata, ma poi hanno appreso con pudore che si trattava di un’apologia del fascismo e li hanno menati colle tavole.

La Asesora aveva addirittura buttato nel falò un paio di copie del Vangelo secondo Giovanni pensando che c’entrasse qualcosa con quell’Evangelisti lì, così “tanto per essere più sicuri”.
Due ore dopo, sempre pronta, è intervenuta la polizia federale messicana che ha incarcerato ed espulso le italiche “persone sgradite” applicando loro la legge del taglione: i censori bruciatori sono stati obbligati a visionare per 37 ore consecutive alcuni movies come La polizia s’incazza e Pierino 1,2 e 3 di Alvaro Vitali, opere certamente non proscritte e che il mondo c’invidia. Ci siamo fatti proprio riconoscere, come disse Abatantuono dopo una scaramuccia con Bisio nella pellicola Puerto Escondido di Salvatores.

Playa del Carmen, Messico, 20 gen 2011, d.C.
Marìa del Carmen y Consuelo Donnazzanna Dolores Mango, pizzaiola escort popolarissima da queste parti, alias Fernet Sunrise, alias La hermana de la Asesora, ha deciso di scendere in mezzo al campo, nuda. “Yo Tengo Huevos”. Yo Ho Le Palle. Ha dichiarato ai giornaletti, “non siamo mica come quei due là che hanno lanciato la provocazione sputando in qualche biblioteca e poi si son ritirati come due bastonati alemanni. Yo vado avanti e anche qui a Playa del Carmen, pieno Yucatan autonomo y sovrano, si daranno alle fiamme un po’ di libri con la marijuana, come hanno fatto a Puerto Escondido e nelle terre dei nostri padri veneziani”.
“Se quelli di Puerto li hanno menati, noi invece meneremo e bruceremo. Tedeschi, francesi, americheni, iracheni, battisti, anabattisti, ma che ce freca?”.

A Playa e dintorni ci sono circa 10mila italiani d’Italia che votano e prosperano nuotando nei Caraibi. La speranza dei censori infiammatori è che anche qui la pira dei libri di autori firmatari dell’appello Battisti diventi il simbolo della libertà di pensiero e propizi gli spiriti romani affinché intercedano in favore di un candidato pescato tra loro per il mitico seggio all’estero, circoscrizione America del nord. Tanto tra un po’ si vota, meglio approfittare, no?

Insomma son proposte. Manca il faro, ardiamo i libri che fanno luce. Manca la carta igienica, usiamo le pagine delle edizioni più sopraffine e delicate. Manca la cultura, armiamoci di ferro ignorante. Sillogismi, logica, passione e ¡Viva Mèxico cabrones!, come si grida sempre in terra azteca prima d’ingollare un sorso di tequila alla goccia. Anche qua, sempre duro.

Infine il console disonorato in Yucatan, Paride A.C. Crosta, ha deciso anche lui di passare all’azione e inviare una lettera di carta stagnola, un’e-mail spam, un twitt e una nota FaceBook a tutti i presidi, i caudillos, i governatori, i narcos, le escort e le cadillac per bloccare la vendita delle opere di certi autori amici dei terroristi cattivi e far ritirare loro il passaporto, così non vengono più in Messico, ecco.

L’inconsolabile console ha sbattuto in lista nera, con tanto di epiteti da narcotrafficanti (forse amici suoi?), due dei Wu Ming, alias Los chinos, (chissà perché solo due, forse per la cabala), Valerio Evangelisti (The mexican antrax ranger), Massimo Carlotto (El malo), Tiziano Scarpa (El pintor), Nanni Balestrini (El bueno) e così via tutti quanti…Giuseppe Genna (El mota), Girolamo De Michele (El mascarita), Vauro (El Santo rojo), Lello Voce (El canta), Pino Cacucci (El polvorìn), Loredana Lipperini (La Blue Demon), Laura Grimaldi (La reina del pacífico), Stefano Tassinari (El chofer) e tantissimi altri.
Una strage della madonna (di Guadalupe, la più famosa vergine messicana). Chiaramente il piccolo Console ha letto i nomi da una lista fornitagli direttamente dal sindacato della Policia Municipal de Playa del Carmen (Coisp=Coordinamento Italiano Sicurezza a Playa, Operazione Spiagge Insicurezza).

Da Citta del Messico, vi corrisponde Fabrizio Lorusso (El ruso)

Caso Censura Link Utili

Origini del caso
Sviluppi del caso
Dibattiti sul caso
Risposte sul caso
Lettera alle scuole e presidi
Lettera dei pidiellini, era il caso?

 

2 risposte a “Messico: bruciano libri di Carlotto, Evangelisti e Wu Ming per ottenere un seggio

  1. Cavoli … esportiamo in quantità notevoli anche l’ignoranza veneta. Adesso ho scoperto a cosa servono i consoli, quando servono per fatti seri non ci sono mai … Mi vergogno di essere italiana e perdipiù, sfiga della sfiga, anche veneta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...