Archivi tag: movimiento por la paz

Javier Sicilia y @VazquezMartin presentan libro #MPJD @MxLaPazMx @FILGuadalajara @CulturaCDMX

El poeta y activista Javier Sicilia y Eduardo Vázquez Martín presentan el libro “Movimiento por la Paz con Justicia y Dignidad” alla FIL Guadalajara 2016 (3 dicembre)

 

Messico e Pace: En los zapatos del Otro – Nelle scarpe degli Altri

Iniziativa del Movimento per la Pace insieme agli artisti del Messico – Video diffusione totale! – LINK

México D.F., 31 de enero de 2012 (Cencos).– Con un espectáculo de hora y media, el colectivo El Grito Más Fuerte, en conjunto con el Movimiento por la Paz con Justicia y Dignidad, realizaron el lanzamiento de la Campaña “En Los Zapatos del Otro”, que tiene el propósito de aumentar la sesibilidad que tenemos los y las mexicanas frente a la emergencia nacional que se enfrenta en el país debido al incremento de la violencia.

Campaña ponte En Los Zapatos del Otro, iniciativa del Colectivo El Grito Más Fuerte, dicho colectivo se une al Movimiento por la Paz con Justicia y Dignidad.

DA: http://movimientoporlapaz.mx/

Il Movimento per la Pace in Messico: dialogo con Javier Sicilia

Riporto l’intervista che ho realizzato lo scorso 25 ottobre a Città del Messico con il poeta e giornalista messicano Javier Sicilia. Javier negli ultimi mesi è diventato un punto di riferimento per tutte le persone e le organizzazioni che s’oppongono alla strategia di militarizzazione della lotta contro i cartelli del narcotraffico promossa dal Presidente Felipe Calderón dal 2007. Manca un anno alla fine del suo governo e il bilancio delle vittime in 5 anni di guerra è drammatico: tra i 45mila e i 50mila morti legati al conflitto,16mila desaparecidos, 230mila “trasferimenti forzati” di persone da una città a un’altra per motivi di sicurezza. Il 28 marzo scorso, dopo l’omicidio di suo figlio Juan Francisco, il poeta Sicilia ha cominciato una ribellione pacifica che ha coinvolto decine di migliaia di cittadini, vittime e gruppi della società civile che erano rimasti in silenzio oppure non avevano trovato spazi per esprimere la loro rabbia. Fino ad allora non s’erano potute denunciare pubblicamente con tanto furor di popolo e presenza mediatica la corruzione politica, la connivenza di certe autorità a vari livelli di governo e, infine, la sofferenza delle vittime “invisibili” della violenza. Con un tasso d’impunità dei delitti al 97-98%, c’è poco da stare tranquilli e molto da reclamare. [Foto di Javier Sicilia, di Zoe Vincenti]

L’8 maggio un’imponente manifestazione a Città del Messico si conclude con un comizio di numerose associazioni di vittime della violenza e rappresentanti della società civile e il 10 giugno la prima carovana del Movimento punta a Nord e arriva a Ciudad Juárez che è la città più violenta del mondo con 170 omicidi ogni 100.000 abitanti (la media nazionale messicana è di 18). [Link cronologia]
I loghi contro la violenza con la frase “basta sangue”, che un gruppo di vignettisti messicani aveva diffuso per mesi sui social network e nelle strade di mezzo Messico, sono stati subito affiancati dalla frase rabbiosa indirizzata da Javier Sicilia alla classe politica: “estamos hasta la madre”, ne abbiamo pieni i coglioni. Così è nato (e cresciuto) il Movimento per la Pace con Giustizia e Dignità che s’è dovuto scontrare per ben due volte con l’opacità e la mentalità istituzionale durante i dialoghi tenutisi nel Castello di Chapultepec, a Città del Messico, in cui le vittime e i portavoce del Movimento si sono riuniti, il 23 giugno e il 14 ottobre scorsi, con il Presidente e alcuni ministri per discutere le 6 proposte del Movimento per pacificare il paese basate sulla ricostruzione del tessuto sociale, l’approvazione di norme per proteggere le vittime e la creazione di una Commissione per la Verità che chiarisca le responsabilità, anche politiche, di tanti crimini irrisolti.

– Possiamo fare un bilancio del Movimento? Quali sono i vostri risultati e i punti in sospeso?
– Il risultato principale è fondamentalmente la visibilità che s’è data alle vittime e la creazione di una coscienza negli organi dello Stato sul fatto che le vittime non sono cifre, statistiche o perdite “collaterali” ma esseri umani, con un nome e un cognome, sono famiglie spezzate e dolore per cui è necessario fare giustizia. Una risposta governativa è stata la creazione di una Procura speciale per le vittime, la Pro-Vittime, che ha serie difficoltà e speriamo si possano correggere, oltre a una Legge sulle Vittime che, sembra, vada abbastanza bene, sempre che non decidano di limarla in Parlamento e snaturarla come a volte succede in questo paese. Questi sono i grandi successi del Movimento. Tra le sconfitte o i punti in sospeso, direi che non siamo riusciti a convincere il Presidente Calderón e le Camere della necessità di fare una Legge sulla Sicurezza Nazionale con un approccio umano, cittadino, cioè orientato alla pace e non alla militarizzazione, all’autoritarismo e alla violenza. Credo che su questo non siamo riusciti a sensibilizzarli, né a far sentire le proposte che abbiamo e ce n’è un gran bisogno, altrimenti la nuova Procura si tradurrà semplicemente in un cumulo di orrori.

– Che n’è stato della Commissione della Verità che era una delle 6 richieste del Movimento nella prima carovana, da Cuernavaca a Ciudad Juárez, che ha riunito decine di migliaia di persone a Città del Messico l’8 maggio scorso?
– La Commissione della Verità è senza dubbio necessaria perché in uno Stato fratturato, che è anche cooptato, nel senso che una parte della delinquenza sta negli organi di governo e nei partiti, ai vari livelli, e in settori delle procure, dell’esercito, della marina e della polizia, c’è bisogno di chiarire quali vittime dipendono da chi, no? Evidentemente la maggior parte della gente pensa che siano del crimine organizzato, ma il crimine lo ritroviamo anche nel sistema con tanto di tutele legali. Quindi stabilire le responsabilità è importante tramite una Commissione che appuri la verità di questa guerra, arrivando alla riconciliazione e alla pace. Solo con un organo di questo tipo si può dominare questa verità. Ciononostante c’è una reazione negativa del Governo contro queste commissioni e non ne sappiamo il perché. Se veramente stiamo cercando la pace e la giustizia contro l’impunità umiliante in questo paese, allora dobbiamo convincerli di questa necessità.
MarchaPazMexGuadalupe.jpg
– Il Presidente ha giustificato il rifiuto di creare una Commissione della Verità dicendo che è un organo tipico delle dittature militari e dei regimi autoritari. La sua istituzione non equivale a mettere discussione tutta la strategia militare di lotta al narcotraffico realizzata fino ad ora?
– Sì, ma si dovrebbero istituire anche in Stati fratturati come il Messico. Sono d’accordo, di solito si creano dopo governi altamente autoritari o militarizzati, ma in uno Stato allo sbando come il nostro è necessario. E questo non lo capisce, il problema del Presidente è che vede in bianco e nero, vede che i delinquenti sono fuori, lo Stato è solido e “i buoni” sono lì, mentre non s’è accorto della sporcizia di casa, delle fratture di questo Stato che esigono una Commissione della Verità.

– Il 23 giugno avete avuto il primo incontro con Calderón nel Castello di Chapultepec, il 14 ottobre il secondo, che conclusioni possiamo tirare? Ce ne saranno altri?
– Vedremo, non credo comunque. Siamo alla fine di un primo ciclo che s’è aperto il 23 giugno e s’è chiuso in ottobre. Credo che verso la fine del dialogo, quando ha parlato Clara Jusidman del tessuto sociale, il Presidente abbia compreso una cosa per noi fondamentale sulla legge e sulla strategia per la sicurezza, cioè che bisogna privilegiare la ricostruzione del tessuto sociale con la gente, non a partire dalle istituzioni, come si pretende di fare sul tema sicurezza, per cui si comprano infrastrutture acriticamente, senza sapere se ce n’è davvero bisogno e in che modo, senza consultare i cittadini, i quartieri e le comunità. È successa la stessa cosa con l’esercizio della violenza, una violenza dello Stato che protegge le istituzioni ma non la gente. Quindi penso che il Presidente ha intravisto uno spiraglio di luce su questo punto, non ci aveva pensato in questo modo. Credo che, se capiamo ed eleviamo a priorità il tessuto sociale e la sicurezza cittadina, possiamo incamminarci verso una strategia di sicurezza più umana, per la quale stiamo lottando anche noi, mentre rifiutiamo una Legge fondata sulla violenza come reazione alla delinquenza che protegge solo le istituzioni.

– Il vostro sarebbe un approccio molto più ampio per affrontare il problema della violenza.
– È così, è la strada giusta e alla fine del dialogo pare che qualcosa si sia mosso, spero che il Presidente ci pensi sopra e che possiamo riprendere la conversazione per andare in quella direzione, insieme.

– Como ha influito e che funzione ha avuto la presenza nei dialoghi di Chapultepec di altri invitati, in rappresentanza di gruppi di vittime della delinquenza, como Alejandro Martí di “Messico SOS”, Isabel Miranda de Wallace di “Stop al sequestro” e María Elena Morera di “Messico contro la delinquenza”? 
– Dunque. Hanno avuto una funzione importante per ciò che hanno realizzato con le loro organizzazioni rispetto alle loro priorità specifiche che s’uniscono anche alle domande del Movimento. Tanto le signore Wallace e Morera come il signor Martí sono victime e stanno cercando di loteare per costruire uno stato di giustizia per le victime e la sicurezza cittadina, come noi d’altronde. Ci sono differenze, ma in sostanza siamo d’accordo che sia stata importante la loro partecipazione.

– Quali sono le principali divergenze strategiche o prospettiche rispetto a loro?
– Penso che loro seguano maggiormente la linea del Governo secondo cui l’unico modo di uscire dal problema è preparare dei buoni corpi di polizia. Siamo d’accordo ma lo vediamo da un altro punto di vista, altrimenti si scade nella parzialità. Noi spingiamo perché la Legge sulla sicurezza sia molto più sociale e ampia, che punti alla pace e rompa il gap crescente tra lo Stato e i cittadini. Soprattutto in questo stanno le differenze di vedute che sono relative alla profondità dinnanzi al problema dell’insicurezza, della giustizia e dei modi per affrontarlo.

– Nel 2012 ci saranno le elezioni, tra gli altri, del Presidente e del Parlamento, come influisce la vicinanza di questo appuntamento sulle risposte che ottiene il Movimento?
– Beh, credo che nel discorso di alcuni funzionari ci sia stato un certo cambiamento, cominciano a vedere qualcosa dell’emergenza nazionale e la necessità di cercare una soluzione più profonda, ma l’influenza reale è ancora molto tenue e penso che i partiti continuino a restare ciechi di fronte alla problematica e privi di proposte.

– Quindi non c’è nessuna forza politica che sta proponendo una strategia per lo meno affine a quella del Movimento?
– No, perché mi pare che non si siano resi conto dell’emergenza nazionale, è un fatto grave. Chiunque vincerà, nelle condizioni in cui è il paese, l’unica cosa che farà sarà acutizzare la disgrazia e amministrarla. Le coalizioni politiche non hanno intenzione di partire da questo problema che vive la nazione e avanzare proposte per un’agenda d’unità nazionale di conseguenza. Questo ci parla della cecità e della problematica che ci attenderà in campagna elettorale. Un paese senza pace perde la sua democrazia. Un paese così balcanizzato dal crimine organizzaro e con uno Stato così fratturato, senza una proposta di rinascita cadrà sempre più in disgrazia.

– Lei ha avuto un incontro con Andrés Manuel López Obrador, leader del Movimento di Rinnovamento Nazionale (MORENA) ed ex candidato presidenziale del Partito della Rivoluzione Democratica (PRD) nel 2006. Le è stato proposto di ricoprire un incarico da parlamentare. Che impressione ha avuto? (vedi nota a piè di pagina)
– Credono che l’arrivo di López Obrador al potere possa risolvere il problema, ma nemmeno lui lo comprende fino in fondo. Sostengono una logica per cui sembra che il presidente sia ancora onnipotente e possa trasformare e unificare il paese. Non colgono il punto della questione, non è più così: c’è stata una transizione democratica e, inoltre, i governatori in ogni regione sembrano dei sovrani e non li controllano neanche i loro partiti. Quindi non si ha una visione d’insieme e si crede che si tratti semplicemente d’una questione di “avvicendamento” al potere, di cambiamento nella politica sociale, mentre questa è solo una componente e il problema è più profondo. Non lo vedono. È una miopia storica.

– Come affrontare questo problema legato alla visione della classe politica?
– Non lo so, credo che hanno dei patti, tra di loro, nei partiti. Nella sua visita negli USA il Presidente ha parlato con forza dei nessi di certi membri del Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) con il narcotraffico ed è una realtà, ma è parziale. Infatti ne hanno anche quelli del Partido Azione Nazionale (PAN) e del PRD. Finché non ci sarà la volontà d’imporre castighi ai funzionari e ai membri dei partiti corrotti, sarà molto difficile capire il problema e ricostruire lo Stato.

– Che cosa resta, dunque, alla gente e al Movimento? 
– Fare molta pressione per la trasformazione dello Stato e dei partiti affinché ripuliscano le loro file e si rafforzino. D’altro canto bisogna lavorare alla base per comporre il tessuto sociale, tra di noi, e associarsi come gruppi di vicini nei quartieri, fare assemblee di tipo “costituente” o “ricostituente” a un livello micro per proteggerci e creare un tessuto sociale e umano che ci permetta almeno una tutela.
MarchaPazMexHasta.jpg
– Per far sì che il potere o la politica favoriscano, o almeno non ostacolino, questi processi, avete pensato ad alcuna forma di coinvolgimento diretto in politica?
– No, non nel senso tradizionale con cui intendiamo la partecipazione e i partiti. Puntiamo di più alla vita cittadina, alla vita della polis come cittadini. Personalmente sono critico delle istituzioni e delle strutture burocratiche, anche se c’è gente che può seguire quella strada ed è comunque importante perché bisogna rinnovare lo Stato. In generale non ci sono candidati dentro il Movimento per le elezioni del 2012 e se qualcuno si candida, lo farà in modo indipendente.

– C’è una vicinanza tra la sua posizione e quella della Otra Campaña, del Subcomandante Marcos e dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) che tra il 2001 e il 2006 hanno smesso di considerare i partiti politici e il sistema in generale come legittimi interlocutori?
– Sì, credo ci sia una forte convergenza su certe critiche e posizioni degli zapatisti, più che della Otra Campaña. Credo che in certe zone rurali e nei paesini gli zapatisti siano un grande esempio di come formare un tessuto sociale e proteggere la vita umana con la sua storia, che è l’essenza di quei popoli. Bisognerebbe pensare a come farlo in altri contesti come le città e i quartieri.

– Si potrebbe pensare a delle comunità autonome (o Municipi autonomi), sul modello deicaracoles zapatisti del Chiapas, anche nelle città?
– Sì, sarebbe un fenomeno interessante. Evidentemente è qualcosa in fase di gestazione. Lo Stato-nazione, com’era concepito storicamente, è in crisi non solo in Messico ma nel mondo intero. Ormai non funziona più e, dunque, di fronte allo sconquassamento dello Stato e del modello economico questi movimenti fanno emergere il nuovo. Le costruzioni storiche in crisi, decrepite, stanno degenerando mentre sorge qualcosa di nuovo come i movimenti nei quartieri, lo stesso zapatismo o anche gli indignati che sono stati una novità rispetto all’inerzia di uno Stato che, almeno in questo paese, non fa più neanche il minimo indispensabile: garantire la sicurezza.

– Sia in Messico che all’estero fa comodo mantenere lo status quo per quanto riguarda la violenza e il narcotraffico?
– Sì, certo, sono affari grossi. La corruzione nel modello economico e di vita impone di desiderare sempre di più. A molta gente conviene mantenere una situazione di questo tipo perché non pensano al bene comune e all’essere umano ma solo al proprio tornaconto o a interessi di gruppuscoli che purtroppo fanno enormi danni al paese. La delinquenza è parte di questo.

– Violenza e narcotraffico. Che responsabilità ha il Messico? E gli USA
L’interesse statunitense viene a galla se consideriamo il commercio di armi e il consumo di droghe che non si riducono mai. Inoltre né gli USA né il Messico stanno attaccando la fonte primaria che sostiene i criminali, cioè la finanza, visto che proliferano imprese e banche dedicate al riciclaggio di denaro. Non lo combattono, però provocano una guerra tremenda in nome del mercato per cui corrono soldi da entrambi i lati della frontiera e il consumo di droga non diminuisce. Ora abbiamo solo morte e paura. È irresponsabile da parte dei vicini statunitensi e del Messico lasciare che resti così la situazione.

– Cosa farà in futuro il Movimento per la Pace?
– Non lo sappiamo ancora. Personalmente non sono un uomo di prospettive, nel senso che cerco di vivere la mia giornata e lo faccio pienamente. Insieme cerchiamo di mantenerci in un’etica che ci permetta di segnalare e riempire di contenuti una politica cui questa etica è sconosciuta. In genere agiamo sotto la bandiera della non violenza, inventandoci ogni giorno. Perciò non abbiamo ora un’agenda di lungo periodo, ma sappiamo qual è la linea che dovremo seguire. Per le festività dei morti c’è una manifestazione, una veglia per i nostri cari scomparsi in tutte le piazze del paese. Avremo altri appuntamenti con il potere giudiziario e legislativo per seguire gli impegni presi e saremo a Los Angeles e a Washington fino al 7 novembre per esporre il problema della violenza, senza risparmiare la parte statunitense delle responsabilità, di fronte alla Corte Interamericana per i Diritti Umani, al Congresso e ad alcune ONG come il Woodrow Wilson Center e WOLA.

[NOTA. I partiti principali del Messico sono 3: PRD, a sinistra; PRI, centro, trasformista, ex partito di regime; PAN, a destra. López Obrador era il candidato alle presidenziali del 2006 per il PRD e ha denunciato brogli, manifestando per mesi e bloccando la capitale insieme a migliaia di sostenitori, per cui Calderón sarebbe un presidente “spurio” o illegittimo. Questa scarsa legittimazione popolare, la vittoria per un pugno di voti nel 2006 e le accuse di Obrador e di una parte degli elettori sono stati alcuni tra i fattori che hanno spinto Calderón a ricercare legittimità attraverso la cosiddetta guerra al narcotraffico che tanti danni sta casuando alla società messicana e all’immagine del paese]     Di Fabrizio Lorusso da CarmillaOnLine

31 ottobre. Veglia globale per i nostri morti: Movimento per la Pace


INIZIATIVE       INICIATIVAS
En  México (in Messico) LINK                 En otros países (altri paesi) LINK

Distrito Federal, México

31 octubre
18:00 hrs. Concentración en el Ángel de la Independencia.
Se trata de visibilizar los nombres de las víctimas que son el eje principal de la jornada.

19:00 hrs. Memorial por los muertos
Se realizarán actos solemnes. Se velará toda la noche y quienes deseen pueden unirse al ayuno.

1 noviembre
12:00 hrs.  Evento mediático
18:00 hrs. Diversas acciones de la jornada
Se realizarán actos solemnes en honor a las víctimas, palabras de integrantes del Movimiento por la Paz con Justicia y Dignidad. Posteriormente se realizará un performance masivo.

Se solicita que lleven materiales la Velada por nuestros muertos: veladoras, flores, papel picado, fotografías y calaveras. Asimismo, se pide que lleven cruces para colocarlas en la acción, preferentemente que sean grandes; pueden ser elaboradas con madera, cartón o materiales reciclados.

Culiacán, Sinaloa, México

Ofrenda de Muertos   31 de octubre
17:00 – 20:oo hrs. “Salgamos esa noche a nombrar a nuestros muertos. Llevemos junto a sus nombres y fechas de nacimiento y muerte, fotografías, prendas, todo aquello que los haga de nuevo presentes entre nosotros” Javier Sicilia.

Participa en la creación de una ofrenda ciudadana a las víctimas de la violencia. Lleva fotografías, veladoras, pan de muertos, papel picado, y todo lo que creas que merece formar parte de este ejercicio de conciencia y memoria colectiva a través de nuestra milenaria tradición. Te esperamos, tendremos la ofrenda, manifestaciones artísticas, una procesión con veladoras y como cierre un presentación escénica en el Panteón San Juan.

Sinaloa por la Paz

Xalapa, Veracruz, México

Ofrenda Artística Por la Paz

31 de Octubre
18:00 hrs. El Colectivo por la Paz Región Xalapa, se suma a la ofrenda Una Velada por nuestros Muertos, un destello en la Oscuridad, que se efectuará en todas las plazas públicas de la república, el próximo día 31 de octubre, con una ofrenda artística que honre su memoria, y en la que participarán diversos grupos musicales, de teatro, fotografía, performance y poesía.

Plaza Lerdo, Xalapa, Veracruz

Colectivo Por la Paz Xalapa

Voci da Zetania

nomassangre.jpgL’intervista che presento di seguito è una testimonianza raccolta il 30 settembre 2011, presso la Casa de la Solidaridad di Città del Messico, ad Alfonso Moreno Díaz, padre di Alejandro Alfonso Moreno Baca, di 33 anni d’età, scomparso nel Nord-Est del Messico il 27 gennaio scorso. E’ una delle tante voci dimenticate che s’alzano da Zetania, la Repubblica Criminale degli Zetas, come viene chiamato il territorio degli Stati settentrionali di Nuevo León e Tamaulipas, ma anche molte zone dei centrali Veracruz, San Luis Potosí, Coahuila, Zacatecas, che si caratterizzano per una forte presenza del cartello degli Zetas, l’ex braccio armato del Cartello del Golfo. Alfonso solleva un problema gravissimo, fino ad ora considerato dalle autorità e dai media come un “effetto collaterale” del conflitto messicano (se non del tutto ignorato), cioè quello dei 16.000 desaparecidos degli ultimi cinque anni che sono imputabili alla guerra al narcotraffico, intrapresa dal governo del presidente Felipe Calderón a partire dal 2007 con un saldo di circa 50.000 morti.

F.L. – Com’è avvenuta la scomparsa di suo figlio? 
A.M. – Giovedì 27 gennaio è partito da Città del Messico per andare a Laredo, in Texas. E’ uscito alle 7 del mattino, ha fatto scala a Monterrey dove ha pranzato con un amico dalle 4 del pomeriggio. Poi è ripartito alle 19:28 per Laredo e ha chiamato un altro amico che lo aspettava là. Mio figlio ha passato il casello autostradale alle 20:55 e nei 15 km seguenti ha trovato un falso posto di blocco che l’ha fermato. Aveva segnalato durante l’intera giornata tutte le tappe del suo viaggio, dicendo che aveva superato il Tropico del Cancro e che era pesante il traffico di Monterrey; da ultimo aveva mandato via Facebook un messaggio appena superato il casello.

– Di quale casello si tratta?
– Sabinas Hidalgo nello Stato di Nuevo León, autostrada Monterrey-Nuevo Laredo, la 85D. Il giorno dopo l’amico di Laredo, dal Texas, chiama il fratello di Alejandro qui a Mexico City per dirgli che non era arrivato. Allora hanno iniziato a cercarlo in vari ospedali pensando che si trattasse di un incidente stradale o un problema con l’automobile. L’hanno cercato sia a Monterrey che a Nuevo Laredo, nel lato messicano, ma la ricerca è stata negativa siccome non c’erano tracce né negli ospedali né con la polizia per incidenti o altro.

– Infatti quella zona vicina alla frontiera è stata ribattezzata “Triangolo delle Bermude messicano” perché i casi irrisolti sono tantissimi. Chi lo stava cercando, le autorità o voi?
– Non le autorità, il suo amico di Monterrey e l’altro amico di Laredo. Sabato 29, mio figlio Antonio arriva a casa e ci informa della scomparsa di Alejandro. Allora siamo andati subito a Monterrey e poi a Nuevo Laredo per cominciare le ricerche che sono durate alcuni giorni. Abbiamo percorso in lungo e in largo tutta la zona, sporgendo denuncia e parlando con la polizia in entrambe le città, e abbiamo anche segnalato il furto del veicolo alla polizia stradale federale. Lì un ufficiale ha cercato di rassicurarci dicendo a mia moglie ‘non si preoccupi signora, li prendono e li mettono a lavorare’. Tra 3 o 4 mesi lo rimandano indietro. Son passati già 8 mesi e non abbiamo informazioni da nessuno, nessuno è venuto a cercarci e quello che vogliamo chiedere ai rapitori è che ce lo restituiscano! Hanno fatto un danno enorme alla nostra famiglia e quindi chiediamo che ce lo ridiano vivo.mapa_Zetania.jpg

– So che avete seguito voi da soli le indagini, che ipotesi o idee vi siete fatti?
– In questa terribile ricerca abbiamo verificato che lungo quella strada ci sono stati moltissimi desaparecidos di Puebla, di Monterrey, di Guanajuato, di Jalisco e con nessuno di loro si sono messi in contatto.

– Che cosa avete scoperto quando siete andati a quel casello?
– Un ufficiale della polizia, proprio domenica 30 gennaio verso le 9 am, ci aveva assicurato che non c’era stato nessun incidente perché quando succedono la macchina incidentata viene portata a Vallecilos, il capoluogo provinciale, e quando ci sono feriti li portano a Sabinas Hidalgo. Non ci sono stati incidenti né tra auto né con persone coinvolte. Alejandro era da solo e l’unica cosa che resta sono i suoi messaggi del Facebook e le coordinate che sono la testimonianza del passaggio del casello, precisamente il segnale è arrivato dal km 113, all’intersezione tra la autostrada 85D e la provinciale 21 nel comune di Vallecillo. Chiediamo alle persone che hanno preso nuestro figlio che ce lo restituiscano, con tutto il cuore è l’unica cosa che posso dire.

– Che cosa hanno potuto fare le forze di polizia e gli inquirenti arrivati dalla capitale?
– Sono state aperte delle indagini dalla Procura statale del Nuevo León e da quella federale, ma non si arriva a investigazioni complete. Cioè i progressi delle autorità sono molto scarsi, il problema li ha superati, c’è bisogno di altre operazioni dell’esercito o della marina.

– Due agenti sono stati inviati da Città del Messico per il caso di Alejandro e non sono più tornati, è vero?
– Ci sono state ricerche e operazioni speciali, alcuni poliziotti federali che sono andati là non sono tornati, pare siano stati intercettati e uccisi dalla polizia locale e da alcuni narcotrafficanti. Noi come familiari abbiamo fatto tutte le ricerche possibili ma chiediamo più tempestività alle autorità alle quali abbiamo apportato informazioni preziosi. Un’altra cosa è che io entri a investigare personalmente in tutti i paesini e i territori di quella regione, ma se lo faccio sono le stesse autorità che me lo sconsigliano perché, dicono, c’è il rischio che qualcuno faccia sparire anche me. Quella zona è troppo pericolosa.

– Che cosa rappresenta per voi il Movimento per la Pace con Giustizia e Dignità che dall’aprile scorso il poeta Javier Sicilia ha costruito insieme a decine di migliaia di cittadini per chiedere giustizia e opporsi alle strategie governative di lotta al narcotraffico e militarizzazione?
– Il Movimento di Javier Sicilia è prodotto della morte di suo figlio e dei suoi amici ed è l’unico movimento grazie a cui tutte le vittime invisibili come noi, che non eravamo mai stati ascoltati, sono state accolte negli spazi aperti specialmente dal movimento e dalle autorità per la discussione di queste problematiche. Ci sono diversi tavole rotonde e gruppi di lavoro, ma ora servono risultati che soddisfino tutte le persone con parenti e amici desaparecidos. Sono tantissimi in tutto il paese, forse più di 15mila nel periodo del Presidente Calderón, oltre ai quasi 50mila morti come frutto di una guerra che è stata condotta senza calcolarne le conseguenze, non c’è stata una strategia e ora siamo il risultato di tante vittime, siamo noi stessi le vittime perché non abbiamo chiesto questa guerra, mio figlio stava semplicemente facendo un viaggio.Triangolo.jpg

– Che cosa faceva Alejandro prima della sua scomparsa?
– Alejandro è un ingegnere informatico, lavora per una multinazionale da 4 anni, la IBM Messico. Era emozionato perché stava andando in vacanza a trascorrere qualche giorno con i suoi amici di Laredo in Texas. Non avremmo mai immaginato quanto fosse pericoloso il Nord del paese. Lui era in macchina da solo, aveva comprato dei computer a Laredo e voleva portarseli a casa dopo le vacanze.

– Una volta era normale attraversare la frontiera tra Messico e Stati Uniti, fermandosi alcuni giorni nelle città di confine per comprare prodotti elettronici e informatici a basso costo. C’era anche il turismo da “shopping mall” che si faceva in giornata. 
– Ecco appunto, una volta c’erano queste cose, ma oggi quelle strade sono abbandonate e la gente ha paura, non si circola più come prima e c’è molto da fare là.

– Esiste l’ipotesi, avanzata a volte dalla stampa o dalla polizia, secondo cui i gruppi di narcos come gli Zetas o altri cartelli potrebbero rapire e impiegare i tecnici informatici obbligandoli a lavorare per loro nelle telecomunicazioni e in attività di spionaggio. Che cosa ne pensa?
– Se Dio vuole, stanno facendo lavorare Alejandro su qualcosa, speriamo che non ce l’abbiano ammazzato. Son passati 8 mesi. La media d’età dei giovani che scompaiono va dai 20 ai 35-40 anni, tutta la gente che abbiamo incontrato in questi veri e propri pellegrinaggi è giovane e il governo deve agire adesso. Che ci aiutino a trovarlo dato che non possiamo fare più nulla, veramente.

– Ad oggi quali indagini preliminari restano aperte qui nella capitale e nel Nuevo León? Che cosa si può fare?
– E’ molto triste, la Procura di Nuevo León inizialmente definisce queste situazioni come “atti circostanziali”, poi c’è bisogno di molto di più affinché acquisti lo status di “indagine preliminare”. Quindi abbiamo un’indagine aperta presso la Procura Generale della Repubblica e solo un “atto circostanziale” a Monterrey ma son livelli d’urgenza diversi, mentre noi abbiamo bisogno di ritrovare nostro figlio.

– Avete incontrato gli inquirenti del vostro caso?
– Beh, che cosa hanno fatto le Procure? Hanno solo cambiato pubblici ministeri e funzionari da un posto all’altro e fanno ricerche negli incartamenti. Invece io chiedo che non cerchino più queste persone solo nelle carte, da un ufficio all’altro, rimbalzandosi le pratiche da Tamaulipas a Città del Messico e così via. Non cercateli in mezzo alla cartaccia. Ci siamo fatti le prove del DNA, abbiamo apportato ogni tipo di prova e chiediamo che continuino le ricerche con operazioni concrete. Potete contare su di noi per trovare nostro figlio ma agite. Da CarmillaOnLine

Messico: video contro la Legge sulla Sicurezza Nazionale

El video nos da una perspectiva crítica sobre los efectos de la Ley de Seguridad Nacional que se discute en el Congreso mexicano  y, de ser aprobada, sería un apretón legal de corte represivo, en el sentido de que se perjudicarían los derechos humanos, ya hoy vulnerados por las fuerzas armadas desplegadas en la llamada “guerra contra el narco”, cuyo fuero se pretende ampliar, y las conquistas sociales obtenidas para vivir en paz, con justicia y dignidad.

Il video ci dà una prospettiva critica sugli effetti della Legge sulla Sicurezza Nazionale che si discute nel Parlamento messicano e, se approvatam costituirebbe una stretta legale di tipo repressivo, nel senso che si rischia di pregiudicare i diritti umani, già oggi violati dalle forze armate impiegate nella cosiddetta “guerra contro il narcotraffico”, le cui prerogative e immunità verrebbero ampliate, e le conquiste sociali storiche ottenute per vivere in pace, con giustizia e dignità.