Archivi tag: matteo dean

Hacer Comunidad

patos en comunidad[Hacer Comunidad es un texto de Matteo Dean, lo reproduzco aquí para que nunca se pierda en la blogosfera y en la memoria. En italiano está aquí]

Cuando el frío llega a la tierra de los patos, de repente, sin que nadie diga nada, sin que se dé una asamblea que lo decida, un pato, uno cualquiera, se levanta en vuelo. El pico dirigido hacia el sur y las alas batiendo con la fuerza de las ganas de estar mejor. Este primer pato se levanta en vuelo y sin que se voltee a decirlo, los demás se levantan en vuelo y lo siguen. Nunca preguntarán porque saben la razón del vuelo. Cuando el primer pato se cansa, se hace a un lado y aquél que sigue, lo sustituye en frente. Y así hasta llegar a la meta.

Al final del viaje, todos habrán guiado al grupo y nadie podrá decir que hay un jefe, un dirigente.
Todos habrán participado, todos habrán dirigido en común acuerdo.

Decir comunidad hoy en día puede significar muchas cosas. Si por un lado nos cuentan que comunidad es la sociedad en la cual vivimos, que respetar leyes y preceptos es hacer el bien de la comunidad, si nos dicen que el servidor público trabaja para la comunidad, por otro lado podemos empezar a pensar (porque tenemos los instrumentos) en otro concepto de comunidad. Ésta ya no es algo que desde arriba nos dicen que es, sino que puede ser algo que desde abajo -desde aquí mismo en donde nos encontramos-, podemos imaginar y construir.

La palabra comunidad y el concepto que en ella se esconde, tienen un origen tan sencillo como complejo para interpretarse. La palabra común da origen a ese concepto. Común es todo lo que nos une, todo lo que nos hace compartir tiempo y sueños. Común son los deseos. Común es la idea de que algo está mal, común son las ganas de romper con todo ello para transformarlo.

¿Dijimos romper? ¿Dijimos transformar? ¿Y cómo se hace?

El pato que se levanta en vuelo no tiene la respuesta. Nadie la tiene. Es mucho instinto todo esto. Es ese instinto que los hace volar hacia el sur. Es ese instinto que los hace volar hacia el lugar cálido donde puedan estar bien.

Dijimos ROMPER. La ruptura con este orden de cosas que nos dicen llamarse sociedad, se da todos los días. Se da empezando desde las ganas de soñar hasta la práctica cotidiana. La ruptura reside precisamente en el sueño de construir algo mejor, porque el mundo en el que vivimos quiere que dejemos de soñar, quiere que nos conformemos con lo poco que nos conceden, que nos quedemos quietos bajo los ritmos de la música que nos venden, que nos narcoticemos con las drogas que nos venden, que nos adecuemos a la vida que nos permiten. La ruptura reside entonces en el sueño de algo diferente. La ruptura hoy, es hacernos incompatibles con ese sistema, la ruptura es escaparnos de sus reglas demasiado estrechas para nuestros deseos. Incompatibles eso somos.

Dijimos TRANSFORMAR. La transformación al contrario no se sueña, sino que se practica. La práctica de la transformación es la práctica de lo común que nos une.

Desde aquí abajo la bandada de patos dibuja un hermoso diseño en el cielo. Si te fijas bien, te enteras de que dibuja una red. Una red en la cual cada pato representa un nudo de un hilo invisible que los une a todos.

Somos una red, una red de individuos, de personas, de seres humanos. Somos una red de sueños antes que todo. Somos una red de prácticas, formas y actitudes. Finalmente, somos una red de conocimientos. Lo que nos hace red es la voluntad de estar en común, de compartir nuestros conocimientos para el bien común. Esa es la actitud que tenemos que tener. La voluntad de compartir, de cooperar entre nosotros y de encontrar la forma de compartir con otra gente.

Si durante el vuelo un pato se cansa, si alguno de ellos se debilita, súbitamente otros dos lo flanquean, y lo ayudan a volar, a sostenerse, porque aquí no se trata de llegar primero, sino que todos lleguen a su destino. El destino que nos hace comunes. El destino es la meta que todos queremos: estar mejor.

La cooperación entre nosotros, no es otra cosa que la cooperación social, la riqueza de la cual disponemos para realizar nuestros sueños. Aquí no se trata de quién tiene las ideas, o de quién tenga los medios para realizarlas, o de quién tenga el conocimiento para llevarlas a cabo. La cuestión es más bien que ese conocimiento, esa forma y esas ideas salgan de la cooperación. Todos tenemos ideas, todos somos capaces. Miramos a las instituciones educativas como el plus ultra del conocimiento, cuando al contrario, el valor alto del conocimiento se da de la experimentación, del encuentro y de las soluciones que entre todos podemos descubrir. Ese conocimiento producido por la cooperación social es la verdadera riqueza. ¿Queremos escucharlo con otras palabras? Pues, nadie sabe cómo levantar una barda, nadie sabe cómo se hace una revista, nadie sabe cómo se lleva a cabo un ciclo de películas callejeras, nadie sabe cómo se organiza una cena, nadie sabe cómo se suma el dinero para todas esas actividades, nadie sabe cómo se hace una encuesta, nadie sabe cómo se cambia al mundo. Pero tal vez entre todos, probando una y otra vez, encontremos la manera. Y ese conocimiento nadie te lo regala. Te lo sudas pero mañana ahí lo tendrás, listo para reproducirlo en cualquier parte. Y todo esto no hará más que hacer grande nuestro común y hará de nuestras ideas una riqueza inestimable.

En la red que somos, la única forma de sobrevivencia es la solidaridad. La solidaridad que tiende la mano a quien ahora no puede, que comprende el esfuerzo de todos y lo respeta. La solidaridad sincera, que critica para ayudar, que ayuda para superar, que coopera para crecer, que crece para cambiar, que cambia para mejorar, que mejora para poder, finalmente, ser felices. Pero esta solidaridad debe ser sincera y digna. Sincera cuando dice las cosas, cuando expresa dudas y certezas, cuando opina y cuando escucha. Y digna todas las veces que afirma y defiende su afirmación. Sin miedo porque nadie es estúpido. Sin temores porque ninguna idea es vacía, al contrario, todo puede enriquecer, absolutamente todo. Es necesario creerlo, nada más.

En la Biblia, maravilloso libro de historia y de filosofía, espectacular novela, increíble metáfora de la vida del ser humano, se cuenta cuando Moisés un día decide rebelarse a los egipcios. La tiranía del faraón pide demasiado al pueblo. Y es así que se decide desobedecer a las reglas del tirano. El pueblo judío decide sustraerse al dominio. Existe el momento de la guerra, del conflicto, pero también existe el momento de la desobediencia, de la detracción. El pueblo judío, cuenta la Biblia, decide irse a otra tierra, la tierra prometida. Empieza así el éxodo. Cada quien recoge sus cosas, carga las cosas que quiere llevarse, que son para construir un nuevo país en otra tierra.

El éxodo a otra nueva tierra. El nuestro es un éxodo a otro mundo. Lo que estamos haciendo es irnos, sustraernos de este mundo hacia otro más cálido, en el cual podamos construir y realizar nuestros deseos.

Empecemos a caminar, pues, empecemos a caminar hacia otro mundo. Carguemos con nuestros sueños, recojamos nuestras ideas que son las de todos nosotr@s. Es una gran responsabilidad la de empezar a caminar juntos. Implica tender la mano a quien este cansado. Implica apretar los dientes. Implica defendernos del ejército egipcio que nos persigue, porque significa confiar en el otro y hacer que el otro confíe en ti.

Camminante, Matteo (Poesia Italiano Spagnolo)

Ho scritto queste parole, questa poesia, per ricordare un caro amico e, da lontano, salutarlo insieme ai suoi compagni da entrambi i lati del charco (la pozzanghera, cioè come in Messico spesso chiamiamo l’oceano). Matteo Dean era attivista, autonomo, professore, giornalista – collaboratore tra gli altri di La Jornada, Desinfórmemonos, GlobalProject, L’Espresso, il Manifesto, i sindacati CILAS in Messico – e migrante (ma nessuna definizione sarebbe adeguata in sé e chiedo scusa) ed è scomparso l’11 giugno 2011, un anno fa, in un assurdo incidente al caselloautostradale Città del Messico-Toluca di cui si stanno ancora oggi chiarendo dinamiche e responsabilità. Veniva da Trieste, dall’Italia, da Città del Messico e dal Chiapas, per lo meno. Volevo anche parlare della nostra condizione di precari del mondo, migranti della vita e delle lotte quotidiane che sono parte di un desiderio più grande, incontenibile, di cambiamento e realizzazione, di correzione delle storture e di rifiuto dell’orrore, a partire dal microcosmo del quartiere, della casa, dei mille “posti di lavoro”, fino all’universo più ampio della società e dellapolitica intesa come base, comunità, democrazia dal basso, costruita quotidianamente e nei fatti, autonomia e cultura diffusa. Il testo è bilingue, in italiano e in spagnolo, le due lingue e culture (anzi, lingueculture come concetto unitario, inscindibile, nonostante il correttore di word lo segni in rosso) che qui in Messico tutti noi espatriati viviamo, creiamo e assimiliamo costantamente, volenti o nolenti, con entusiasmo nelle difficoltà e nei sobbalzi estremi che l’America Latina da sempre riserva ai suoi camminanti. Un abrazo hermano, sempre in viaggio.

Camminante Matteo

È stato un altro anno di guerre, di quelle che odiavi
è stato un altro anno di lotte, di quelle che amavi
e nella quotidianità che è ricordarti, ti vediamo
affianco a tutti e a ciascuno, sorridendo sul serio,
ascoltando ascoltare e spingendo
spingendoci con lacrime e silenzi
con scintille del passato conservate per il domani.
Fratello, tutto cambiò, niente è cambiato
qui nei tuoi tanti mondi sconosciuti
in quello che hai condiviso
come in quello che hai lasciato al mistero
in quello che hai creato e calcato come nell’immaginario
sinceramente, manchi tu per slegare voci
per spazzar via tirannie, per lavorare la dignità
per piangere d’incertezza e leggerti di nuovo
per veder crescere la venatura del futuro buono
per infondere ribellione nei nostri,
per formare comunità e non patrie,
per discutere bene e a volte male
e bruciare le infami frontiere perché il mondo
solo uno dev’essere, ricordato e costruito con anelito
è linguacultura, è parola, strada, suono, portatori di pace.
Faremo scioperi però mai della memoria,
non smetteremo mai di migrare
non abdichiamo alla via del sogno
con te in marcia, nel dubbio, nell’amicizia.
Anche se ci incalzano, non smetteremo di pulsare
perché prima o poi dovrà cadere ogni caporale
se il suo comando è ridicolo come la parola caporale
disperato come la tristezza, a digiuno di semplicità,
se non sa cosa significa essere vivi pur senza respirare.
Dice don Mario Benedetti di “non salvarti” e ti ringrazio
perché abbiamo cercato di non salvarci mai
di sciogliere il cappio delle parole nella libertà dell’aria
di infiammare l’anima, motore che girando scandisce
il sole, il sudore, la fronte, il movimento, l’incidente.
Tenace resiste la pioggia, vola punge cade riposa
le piace tornare al monte, sfumare rivivendo in vapore.
Restiamo umani, fratello, siamo piogge di stagione
acque gelate, atterrite dalla Bora di Trieste
che non è un semplice vento, è un tornado di stupori
e credo ti piacesse perché a nessun altro piaceva.
Compagna, senti, non ci vogliono strade per camminare insieme
ci vuole il camminante, la camminante
compagno, senti, non è per il destino che uno muore
è per oblio e apatia, dimentichiamo l’apatia, cominciamo a camminare.

Caminante Matteo

Fue un año más de guerras, de las que odiabas
fue un año más de luchas, de las que amabas
y en lo cotidiano que es recordarte, te vemos
a lado de todos y cada uno, sonriendo en serio,
escuchando escuchar y empujando
empujándonos con lágrimas y silencios
con destellos del pasado guardados para el mañana.
Hermano, todo cambió, nada ha cambiado
aquí en tus muchos mundos desconocidos
en el que compartiste
como en el que dejaste al misterio
en el que tú creaste y pisaste, como en el imaginario
sinceramente, haces falta para desamarrar voces
para barrer tiranías, para trabajar la dignidad
para llorar de incertidumbre y leerte de nuevo
para ver crecer la veta del futuro bueno
para fincar rebeldía en los nuestros,
para forjar comunidades y no patrias,
para discutir bien, y a veces mal
y quemar las méndigas fronteras porque el mundo
sólo uno debe ser, recordado y construido con anhelo
es lenguacultura, es palabra, calle, sonido, vehículos de paz.
Haremos huelgas pero jamás de la memoria,
jamás dejaremos de migrar
no abdicamos la vía del sueño
contigo en la marcha, en la duda, en la amistad.
Aunque nos apremien, no dejaremos de latir
porque tarde o temprano ha de caer todo capataz,
si su mando es ridículo como la palabra capataz
desesperado como la tristeza, en ayuno de sencillez,
si no sabe qué significa estar vivo aun sin respirar.
Dice don Mario Benedetti que “no te salves” y te agradezco
porque tratamos de no salvarnos nunca
de soltar la soga de las palabras en la libertad del aire
de enardecer el alma, motor que rolando deletrea
el sol, el sudor, la frente, el movimiento, el accidente.
Tenaz resiste la lluvia, vuela pica cae reposa
gusta retornar al monte, esfumarse reviviendo en vapor.
Seamos humanos, carnal, seamos lluvias de temporada
aguas heladas, amedrentadas por el Bora de Trieste
que no es un simple viento, es un tornado de asombros
y creo te encantaba porque a nadie más le encantaba.
Compañera, oiga, no hace falta camino para caminar juntos
hace falta el caminante, la caminante
compañero, oiga, no es por el destino que uno muere
es por olvido y apatía, olvidemos la apatía, empecemos a caminar.

Presentación del libro “Ser migrante” de Matteo Dean


Presentación del libro “Ser Migrante” de Matteo Dean, Viernes 17, 19 hrs, Rincón Zapatista DF.

 Compañeras y compañeros

El Rincón Zapatista y la Cafetería Comandanta Ramona
Invitan

A las actividades político culturales de
Febrero
Para todos, todo
Ciclo de cine: Capitalismo y otros cinismosEste Viernes 17 a las 19 hrs a la presentación del libro
Ser Migrante
de Matteo Dean,

Presentan Pablo Rojas de Editorial Sur + y John Washington

El Rincon Zapatista, Zapotecos 7 , Cuauhtemoc, Distrito Federal, México (entre Lucas Alaman y Chimalpopoca – Metros Pino Suárez, Doctores o S. Antonio Abad)

Original post: LINK

1 Ottobre: Messico in Italia, evento a L’Aquila

Carmen Aristegui y el Ombudsman sobre el caso Almohadazo, Matteo y Federico Dean

“El humor negro no es una licencia para transgredir el honor de otros”. 

Carmen Aristegui, MVS noticias, y el Ombudsman (garantía y defensa de la audiencia) sobre el caso del programa de Fernanda Tapia, El Almohadazo, y Matteo y Federico Dean. Entrevista de Carmen Aristegui a Paolo Pagliai, presidente de los Comites (Comités de los Italianos en México). La defensa de Fernanda Tapia, su falta de reconocimiento de los errores cometidos, y las interrogaciones del Ombudsman con sus conclusiones. Programa radio completo. Duración: 26 minutos en el video de arriba.

Por segunda ocasión Fernanda Tapia hizo comentarios ofensivos para la audiencia, en particular a la comunidad italiana en México, ahora en su programa ‘El Almohadazo’, esta vez en torno a la muerte de dos personas. Comprometidos con la información responsable la conductora pidió una disculpa pública e hizo un reconocimiento a la memoria de los caídos.

Escúchelo también: fuente del Podcast: AQUI

Nel video sopra. La giornalista Carmen Aristegui ha dedicato un servizio del suo notiziario e ha intervistato Paolo Pagliai, presidente dei Comites in Messico, per trattare il caso del programma El Almohadazo e la conduttrice Fernanda Tapia che ha diffamato la memoria dei fratelli Matteo e Federico Dean il 4 agosto scorso. La protesta di amici italiani e messicani in Italia e in Messico non s’è fatta attendere e, in seguito alle lettere e all’appelo circolato sui media, c’è stato un programma di “riparazione” e infine questo intervento del garante e difensore dei diritti degli ascoltatori. Ascoltalo anche QUI

 

 

Le scuse di Almohadazo a Matteo e Federico Dean

In seguito alle proteste (Link sulla vicenda) su Facebook, sui blog, per mail e sui media italiani e messicani contro il programma Almohadazo, trasmesso in Messico dal canale 52 di Mvs Tv, la conduttrice Fernanda Tapia ha mandato in onda una nota di scuse pubbliche alla famiglia (in particolare ai genitori dei fratelli Dean, Andrea ed Elisabetta), agli amici e alla memoria di Matteo Dean e suo fratello Federico, denigrati in un paio di puntate precedenti del programma. Ho incluso sopra il video (disponibile solo in spagnolo ma abbastanza comprensibile) in cui si dà spazio a un servizio sulle attività che realizzava Matteo e sulla disgrazia accaduta a Federico. E’ dedicato alla moglie di Matteo, Sol Patricia Rojo Borrego, e a Federica, la moglie di Federico Dean.

C’è però un’imprecisione importante che va segnalata. Nel video si dice che Matteo trattava tematiche scomode e che “por eso”, cioè per quelle tematiche, s’è aperta un’indagine contro il conducente del tir per omicidio colposo. Diciamo pure, per precisare, che l’indagine s’è aperta e basta in quanto il fatto è avvenuto e ci sono responsabilità di questa persona, bisogna solo capirne l’entità e il tipo. Allo stesso modo ancora non sono chiarissime le dinamiche dell’incidente che possono condurre a speculazioni di ogni tipo. Tutto è possibile, come si dice in Messico, e i dubbi ci sono sempre quando una morte è inspiegabile, improvvisa e durissima da accettare ma arriverei fino a questo punto e stop, soprattutto con le ipotesi di complotto. Per rispetto è giusto attendere il lavoro degli inquirenti.

Matteo e Federico Dean. Appello in difesa della memoria

Immag0006.jpg[Riporto, invitando alla diffusione, un appello che inizierà a circolare nei media messicani e italiani in difesa della memoria e dignità di Matteo Dean e suo fratello Federico, due amici scomparsi recentemente a distanza di meno di due mesi in due tragici incidenti. Contro la monnezza televisiva. L’appello denuncia un pessimo e criminale “giornalismo” televisivo (se così si può chiamare), incarnato dalla volgare conduttrice Fernanda Tapia e dal suo staff del programma El Almohadazo (la cuscinata) trasmesso in Messico dal canale 52 di Mvs TV, i quali hanno portato avanti per ben due puntate un’opera di scherno e denigrazione completamente gratuita che va denunciata con decisione e rabbia. Parole come “tonti” o battutacce che preferisco non tradurre in questo momento sono state alla base della trasmissione. Tutti i firmatari dal Messico all’Italia dubitano fortemente della serietà e della buona fede del gruppo Mvs Tv e di tutti i collaboratori del programma che potete guardare aprendo il link al video indicato nell’appello. C’è anche una pagina Facebook (qui) del canale in cui è possibile lasciare commenti e condividere l’appello, grazie dell’ascolto. F. L. da Carmilla]

IN ITALIANO:
Noi firmatari del presente appello vogliamo esprimere la nostra più profonda indignazione e rabbia per il modo in cui Fernanda Tapia, conduttrice del programma televisivo messicano “El Almohadazo” della rete MVS TV, ha utilizzato a scopo di macabro intrattenimento la tragica fatalità che ha colpito i fratelli Matteo e Federico Dean in due terribili incidenti mortali. Per la sua mancanza di professionalità, la Tapia non si è nemmeno premurata di verificare che Matteo era un giornalista italiano indipendiente e viveva in Messico da circa dieci anni. Suo fratello ha portato in Italia le sue ceneri ed ha voluto disperderle sul Montasio, luogo amato dai due, ma è stato colpito da un fulmine che l’ha ucciso. La sedicente “conduttrice”, con una volgarità e un cinismo del tutto gratuito, li ha insultati nel programma dello scorso 4 agosto e derisi pubblicamente per le circostanze in cui i due fratelli hanno perso la vita (Video, dal minuto 31:40 a questo Link). Al di là di qualunque valutazione sul tenore scadente del programma, è inammissibile che MVS TV, pur di mantenere alto il rating, strumentalizzi una tale tragedia per “divertire” il pubblico e metta in onda contenuti di cattivo gusto che infangano la viva memoria dei due fratelli e rappresentano un’offesa all’intelligenza e alla sensibilità dei telespettatori.

EN ESPAÑOL:
Los abajo firmantes queremos expresar nuestra más profunda indignación y coraje por la manera en que Fernanda Tapia, conductora del programa televisivo “El Almohadazo” de MVS TV, utilizó como macabro entretenimiento la trágica fatalidad que se abatió sobre los hermanos Matteo y Federico Dean en dos terribles accidentes mortales. Por su falta de profesionalismo, ni siquiera se enteró de que Matteo era un periodista independiente, de nacionalidad italiana y residente en México desde aproximadamente diez años. Su hermano se llevó sus cenizas a Italia, quiso esparcirlas en un lugar que ambos amaban, en los Alpes italianos, y fue alcanzado por un rayo.La dizque “comunicadora”, con una vulgaridad y un cinismo totalmente gratuito, los insultó en su programa del 4 de agosto pasado y se mofó de ellos por las circunstancias en que los dos hermanos perdieron la vida, (http://www.youtube.com/watch?v=QDtKXnEwaFo). Más allá de cualquier consideración sobre el discutible tenor del programa, es inadmisible que MVS TV, con tal de mantener alto el rating, utilice semejante tragedia para “entretener” a su público y transmita contenidos de mal gusto que pisotean la viva memoria de los fallecidos y representan una ofensa a la inteligencia y a la sensibilidad de los televidentes.

FIRMAS
Andrea Dean, Gigetta Dean, Sol Patricia Rojo, Julia Ortega L., Edoardo Mora, Manuela Derosas, Carlo Almeyra, Fabrizio Lorusso, Diego Lucifreddi, Brando Torri, Corina Giacomello, César M. Torralva, Fulvio Filipponi, Lilia Zueck, Brando Torri, Andrea Cirelli, Alma Mireles de P., Raffaele Cesana, Donatella Di Benedetto, Hector Rodriguez de la O, Diego Barboni, Maria Cristina Secci, Enrique Quintana, Liliana Acevedo Badillo, Federico Mastrogiovanni, Guillermo Almeyra, Maria Teresa Trentin, Luisa Montoni, Giuliano Rossi, Elisa Barboni, Esperanza Pita L., Paola Ceresetti, Paolo Pagliai, Luciano Valentinotti, Clara Ferri, Manuela Loi, Franco Grasso, Alessandro Carlini, Ignacio Vázquez Rámirez, Alexandre De Pomposo, Lucila Gutiérrez, Francesca Gargallo, Jaime Aldaraca, Valentina Giorgi, Agustina Gutierrez, Davide Piddu, Stella Capa, Lorena Freire, Laura Lascialfare, Roberta Derosas,Rita Parro, Lorella Bortolamai, Simone Morgante, Giovanni Primavera, Natalia Mandelli, Daniela Ricchezza, Antonio Vigoritto, Sandro Valentinotti, Inés Breyter, Gloria Estrada, Ana Teresa Cattaneo, Eleonora Garosi, Gilda Eissa Barroso, Lara Longhino, Mara Marelli, Teresa Scolamacchia, Rossella Bergamaschi, Nancy Contreras Guerrero, Rossella M. Bergamaschi, Anna Maria Satta, Sabina Longhitano, Alessandra Masserotti, Emiliano Pesce, Stefania Zoccatelli, Ariella Aureli, Rosalba Piazza, Andrea Alì, Mara Girardi, Marinella Miano, Regina Casalini, Penelope Olmos, Mariapia Lamberti, Helena Scully Gargallo, Andrea Spotti, Annunziata Rossi, Paola Giovine, Larrier Hayes, Donald Niedermayer, Pablo Moya Rossi, Simone Danna, Sandra Galván Reyes, Franca Bizzoni, Andrea Mutolo, Giuditta Cavalletti, María Teresa Santillán Urtiaga, Rosalba Piazza, Gianni Proiettis, Maribel Rotondo, Marco Turra, Nadia Chichiarelli, Marisol Camarena, Adazahira Chávez, Italia Méndez Moreno, Víctor Martínez Pizano, Alejandra Torales, Everardo Pérez Manjarrez, Ita Reyes, Rosaura Jaime, Ada Zahira Chávez, Jaime Aguilar Marroquín, Lenin González Téllez, Mónica Monroy Jurado, Multiforo Alicia, Aaron Pollack, Claudio Albertani, Daniel Sánchez de la Barquera Gutiérrez, Patricia Benítez Muro, Patricia Benítez Muro, Rocío Ramírez Bolaños, Laura Martínez Díaz, Gerardo Vargas Gómez, Barbara Bertoni, Erica Berra, Dixie Montiel López, Roberto Castelli, Francesca Merighi, Andrea Frustaci, Raffaella de Antonellis, Juan Cristóbal Popoca Guerrero, Patrixia Lara, Chiara Donà, Franco Avicolli, Antonella Carletto, Alessandro Lanzetta, Luisa Rossi, Dianora Zagato, Gabriele Ciapparella, Stefano Milano, Paolo Malfitano, Cristina Forti, Nina Caldarella, Anne Casterman, Francesca Caregnato, Raffaella de Antonellis, Paola de Antonellis, Luca Cico, Giacomo de Antonellis, Giulia Collenea Isernia, Antonella Carletto, Isabella Spagnuolo Borgia, Bruna Scannone, Cinzia Battista, Gabriela Hdz Valdez, Liliana E. Segura, Juan W. Gutiérrez Cruz, Lilia Mónica López Benítez, Rodrigo Cortés A., Belinda Frías, Octavio Méndez J., Juán Job T., José Luís Badillo Hdz, Aleida Sánchez Fernandez, Iván Sánchez Fernández, Vladimir Sánchez Fernández, Haydee Sánchez Fernández, Zoia Eliethj Fernández Mejía, Adriana Guerrero Sedano, Ahide Bermejo Mendoza, Marisa Lara Zarate, Elisa Bucio Huacuz, Maria del Carmen Silva, Bruna Ghidoni, Jorge Loría Padilla, Fausto Loría Bizzoni, Marina Piazzi, Maria Silvia Emanuelli, Roberto e Marco Demaria, Edgar Israel Valencia Perdomo, Iván Torres Urbina, Maria Regina Piazza, Adriana Mello, Giovanna Bruno, Sandro Moiso, Sergio Pallares, Alma Ruby Villareal Reyes, Fernando Herrera, Verónica Patiño Olvera, Dannia Collin C., Lorena Portillo, Adolfo García Videla, Luisanna Nicotra…

NOTA FACEBOOK pe DIffusione: QUI

Nessun essere umano è illegale

di Matteo Dean  (da Carmilla)

1mayo06USA6.jpg[Propongo la traduzione di un articolo di Matteo Dean, un amico di cui Carmilla ha ospitato numerosi contributi. Matteo è recentemente scomparso in un incidente stradale ma i suoi articoli e il ricordo restano e lottano con noi. Come giornalista italiano residente in Messico Matteo s’è sempre occupato dei problemi della migrazione nei due continenti che erano, ciascuno alla propria maniera, le sue due “case”, l’Europa e l’America. Questo pezzo è stato pubblicato in spagnolo sull’inserto domenicale Jornada Semanal del quotidiano messicano La Jornada il 10 luglio scorso. Fabrizio Lorusso]

Ancora oggi il titolo di questo articolo continua ad essere la frase più usata dai movimenti sociali in solidarietà coi migranti di tutto il pianeta. L’ovvietà di quello slogan è tanto immediata quanto incompiuta. Da quando la migrazione in quanto fenomeno economico e sociale venne inserita nell’agenda di sicurezza nazionale in differenti paesi, soprattutto del cosiddetto “nord” del mondo, la criminalizzazione dei migranti è stata una costante. E non si tratta solamente di articolate e certe volte assurde campagne mediatiche ma, superando qualsiasi considerazione di tipo etico, delle politiche pubbliche che cercano di affrontare il fenomeno. In questo senso il caso europeo è particolarmente interessante.

Oltre all’enorme quantità di norme nazionali e continentali che cercano di regolare il fenomeno migratorio – come sostengono i loro promotori – o meglio reprimerlo e controllarlo – come dicono gli oppositori – c’è un aspetto di queste politiche pubbliche che è necessario segnalare e denunciare non solo per la loro assoluta mancanza di rispetto delle leggi fondamentali su cui si poggia (o dovrebbe poggiare) lo stato di diritto ma anche per il loro manifesto carattere inumano. Mi riferisco ai Centri d’Identificazione ed Espulsione che possiamo anche chiamare Centri d’Internamento per Stranieri (i famosi CIE). Ad ogni modo questi centri non sono altro che centri di detenzione per migranti privi di documenti, del tutto simili a quelli che in altre parti del mondo sono chiamati Stazioni Migratorie. L’apparente disputa sul modo di chiamare questi spazi non è triviale, infatti dal loro nome passa la costruzione dell’immaginario collettivo riguardo l’opportunità di rinchiudere degli esseri umani la cui unica responsabilità è quella di non avere i documenti che giustifichino la loro permanenza su un determinato territorio.

La detenzione amministrativa. Il Observatori del Sistema Penal i els Drets Humans (OSPDH), della Universidad de Barcelona ha definito i CIE come “strutture pubbliche di carattere non penitenziario per la detenzione, la custodia e la messa a disposizione dell’autorità giudiziaria degli stranieri soggetti a una procedura di espulsione dal territorio nazionale”. Da parte loro le leggi nazionali di ogni paese membro dell’Unione Europea non si trovano d’accordo sulla definizione di che cosa siano esattamente questi spazi. Ciononostante tutte le legislazioni sono d’accordo sul fatto di rifiutare la penalizzazione della “mancanza di documenti” per la permanenza legale. D’altro canto, però, c’è una convergenza anche per quanto riguarda la prassi di “trattenere amministrativamente” chi non possiede questi documenti.
Il concetto di “detenzione amministrativa” è stato introdotto in sequenza in tutto il continente europeo a partire dagli anni ottanta attraverso le diverse legislazioni nazionali. Lo stato spagnolo per esempio ha introdotto tale norma – chiamata “internamento” – con la Legge Quadro 7/1985 sui diritti e le libertà degli stranieri. In Italia invece questa figura legale è stata introdotta solamente nel 1998 con la Legge 40/98 che andava a modificare la prima legge sulla migrazione del 1990.

In generale tutte le norme hanno in comune il fatto che la “detenzione amministrativa” ha la funzione di trattenere il migrante senza documenti “quando non è possibile rendere esecutiva l’espulsione accompagnando [lo straniero] alla frontiera o non è possibile espellerlo perché deve essere soccorso o sono necessarie ulteriori verifiche sull’identità o la nazionalità, oppure è necessario un tempo di attesa per ottenere i documenti per il viaggio [di ritorno], o per mancanza di un mezzo di trasporto adeguato”. Analizzando questo concetto, molti osservatori e analisti continuano a segnalare quantomeno come sorprendente il fatto che si possa privare una persona della libertà per assicurare un’eventuale sanzione amministrativa. E’ lì dove troviamo secondo i critici le maggiori contraddizioni. Considerando che, in pratica, la condizione del migrante senza documenti non è perseguibile penalmente, ci si chiede come sia possibile togliere la libertà per questioni amministrative, per un delitto che potrebbe anche assimilarsi a un’infrazione del codice della strada.
Brutale, fredda e orwelliana.

Ancora oggi sono poche le persone che sono potute entrare in un CIE che non fossero appartenenti alle forze dell’ordine, membri del governo e del parlamento o migranti detenuti. Anche se i CIE non sono formalmente delle carceri e i migranti sono trattenuti in qualità di “ospiti”, la verità è che questi non possono uscire dalle strutture dei CIE. Oltre a questo bisogna segnalare che, sebbene le strutture di detenzione in generale sono date in gestione a imprese private – in molti casi organizzazioni della stessa società civile europea più inclinate a gestire l’esistente anziché cercare di cambiarlo – sono i governi nazionali che s’occupano della sicurezza nei CIE. In altre parole anche se i migranti formalmente potrebbero uscire dai Centri, dato che secondo la legge sono passibili di sole sanzioni amministrative, esistono comunque muri, fili spinati videocamere e centinaia di poliziotti frapposti tra loro e la libertà.

Questi controlli, però, non solo impediscono ai migranti di esercitare il diritto alla libera circolazione ma precludono anche a noi che stiamo fuori, noi cittadini o migranti “regolari”, la possibilità di entrare e sapere che cosa succede veramente lì dentro. L’informazione è talmente scarsa da gridare allo scandalo. Infatti sono all’ordine del giorno le denunce di abusi contro i detenuti da parte della autorità, così come l’assenza di servizi, i tentativi di ribellione e di fuga – spesso riusciti – e anche i maltrattamenti, le molestie psicologiche e sessuali. La lista potrebbe continuare e rompere il muro del silenzio che circonda questi spazi che la società civile europea, nelle sue componenti solidarie con la causa dei migranti, non esita a definire come “campi di concentramento”.SANY0003.jpg
Non li chiamerei “campi di concentramento” in quanto i nazisti pensavano di annichilire la persona fino alla sua eliminazione fisica. “Nei CIE non si arriva a tanto”, dice Fabrizio Gatti, un giornalista italiano che nel 2005 riuscì a introdursi in un CIE facendo finta di essere un immigrato mediorientale e in seguito denunciò gli abusi cui sono soggetti i detenuti. “Mi piacerebbe che se domani si scrivesse una storia della migrazione, questi luoghi venissero chiamati con la loro brutale, fredda e orwelliana sigla: CIE. Questa sigla dice tutto”. Effettivamente sembra proprio così dato che i centri di detenzione per migranti rappresentano quasi un mondo a parte in cui nessuno sa che cosa succede e come. Dinnanzi a tutto ciò la rete euro africana delle organizzazioni civili per i diritti dei cittadini migranti, la Migreurop, ha organizzato quest’anno la seconda visita ai CIE della Germania, dell’Italia, della Francia e della Spagna come conseguenza della lunga campagna lanciata a livello continentale dal titolo piuttosto chiaro: per il diritto di ispezione nei luoghi di confino.

Nonostante le difficoltà di tipo amministrativo, alcuni rappresentanti della società civile europea, accompagnati da alcuni deputati di diversi paesi, hanno potuto visitare alcuni dei CIE esistenti nella UE. Le conclusioni della carovana che è stata in questo viaggio-missione per l’Europa dal 7 marzo all’uno aprile sono chiare e non lasciano adito a dubbi: “L’obiettivo di questa seconda campagna della rete Migraeurop, che ha chiesto nel 2010 la chiusura dei centri di internamento di cittadini stranieri dentro e fuori dall’Europa, era rendere note le condizioni di confino dei migranti e la violazione sistematica dei loro diritti. Le differenti visite realizzate hanno permesso di mettere in evidenza le loro difficoltà materiali e nell’accesso ai diritti così come la mancanza di trasparenza su quanto in realtà sta succedendo dentro i centri. Rendendo così manifesti gli effetti nefasti e repressivi dell’arresto dei migranti, la conclusione delle differenti visite non fa altro che confermare l’illegittimità dei fermi e la necessità di chiudere i centri di confino, proprio come hanno dichiarato senza giri di parole alcune delegazioni al termine della loro visita”.

Repressione Vs. Controllo. Malgrado la diffusione di retoriche anti-migrante sparate a voce alta dai leader politici europei a livello continentale e anche locale, i quali sperano in questo modo, e in parte ci riescono, di raccogliere voti e consensi, le politiche europee sul tema migratorio non hanno l’intenzione di reprimere tout court i flussi di immigrati che da molte zone del pianeta arrivano al territorio della UE. Al contrario i muri che si alzano e le leggi che si producono, così come i centri di detenzione che si costruiscono, hanno la funzione primaria di controllare i migranti. Diventano una specie di filtro darwiniano in cui tutti questi strumenti selezionano i migranti, li separano tra capaci e non, adatti o no, per svolgere il lavoro che – pur con gli indici di disoccupazione del vecchio continente – è abbondante per i cittadini di seconda categoria in cui si trasformano gli stranieri senza documenti della UE.

Un prova di questo è costituita dalle decine di CIE che la UE, tramite accordi bilaterali, ha fatto costruire in territorio africano. In Libia, a Tunisi, in Marocco, tanto per citare alcuni esempi, i CIE sono nati negli ultimi anni come strutture per contenere i flussi migratori diretti verso il vecchio continente. Con una chiara dinamica di esternalizzazione delle frontiere – tipica anche nell’emisfero americano, basti pensare al confine tra Messico e Stati Uniti – la UE non cerca solamente di frenare quello che la stampa presenta come “un’invasione” di “illegali, clandestini o senza documenti” ma prova altresì a riprodurre in terra straniera – e pertanto lontano dagli sguardi indiscreti delle società nazionali – gli spazi adatti al contenimento e alla selezione del nuovo “esercito di riserva”, di reminiscenze marxiane, che è sempre necessario per coprire posti abbandonati in produzione dai loro pari europei. .SANY0066.jpg Non si tratta quindi di reprimere l’immigrazione per reprimerla. Non si tratta nel modo più assoluto di impedire che milioni di esseri umani che scappano dalla povertà, dalle guerre, dalle repressioni o che semplicemente vogliono cambiare vita, riescano a stabilirsi nella UE. Si tratta semplicemente di formare progressivamente un contingente di persone che costituiscano una riserva di mano d’opera a basso costo. D’altra parte è gioco forza anche che quella forza lavoro a costo infimo possa pure divenire oggetto di ricatti e minacce capaci di trasformarsi, di conseguenza, in un gruppo di soggetti utilizzabili all’occorrenza secondo le necessità di padroni e governi.
Inoltre i CIE e la loro distribuzione territoriale svolgono un altro compito: quello di far sfumare il potenziale di coesione tra i migranti. Un esempio è la pratica costante dei trasferimenti di cui sono oggetto i migranti spostati da un CIE all’altro.

In questi ultimi mesi di presunta “emergenza migrazione” nella UE i flussi di tunisini – tanto per menzionare un gruppo nazionale vituperato dalla stampa europea quest’anno – sono stati separati, divisi e inviati in località differenti. Si tratta in effetti di spezzare vincoli, nessi possibili tra comunità di migranti che si riconoscono prima di tutto per la loro nazionalità ma anche per la destinazione imposta con la reclusione nei CIE. E’ forse possibile affermare che i CIE sono l’ultimo territorio europeo che un migrante calpesta sulla via dell’espulsione. Questa affermazione sarebbe vera fino a un certo punto. Infatti, malgrado la propaganda sulle espulsioni e le deportazioni di massa – per cui la famigerata Direttiva sui rimpatri del 2008 sarebbe il principale strumento di riferimento – la UE non possiede strumenti e mezzi (prima di tutto economici) concretamente per deportare le grandi masse di esseri umani stipati nei CIE. La soluzione, quindi, passa dal rilascio di “decreti di espulsione” che il cittadino migrante deve rispettare, cui deve adempiere “con mezzi propri”. Dunque che faranno questi cittadini? L’opzione unica diventa l’inserimento nel mercato del lavoro in nero della Unione Europea.