Archivi tag: attualità

Esce il libro Messico Invisibile. Voci e Pensieri dall’Ombelico della Luna @Ed_Arcoiris

09 F.Lorusso - Messico InvisibileFabrizio Lorusso, Messico invisibile. Voci e pensieri dall’ombelico della luna, Ed. Arcoiris, Salerno, collana l’acuto, pp. 356, 2016, € 15.

In nahuatl, la lingua parlata dagli antichi messicani, la parola Messico significa “nell’ombelico della luna”. Oggi il Paese è l’ombelico dei traffici delle principali sostanze stupefacenti consumate negli Stati Uniti e in Europa: marijuana, cocaina, eroina, metanfetamine. Negli ultimi dieci anni la militarizzazione della cosiddetta “guerra alle droghe” ha causato oltre 150mila morti e 30mila desaparecidos e la crisi dei diritti umani nel Paese è terrificante. Territori e comunità vivono gli effetti distruttivi della violenza sul tessuto sociale e familiare. I giornalisti e gli attivisti sono minacciati e costretti a tacere, anche con la morte o la sparizione forzata, e le colline intorno a tante città e villaggi sono disseminate di fosse clandestine e resti umani.

Il caso dei 43 studenti di Ayotzinapa, sequestrati da poliziotti e narcotrafficanti a Iguala la notte del 26 settembre 2014, ha fatto breccia nell’opinione pubblica internazionale, ma resta irrisolto e i ragazzi sono ancora desaparecidos. La lotta per fare memoria e trovare verità e giustizia rimane aperta. La procura e il governo di Enrique Peña Nieto sono in affanno. La loro immagine internazionale è compromessa dalla sequenza di menzogne, incoerenze, manipolazioni delle indagini e delle informazioni che hanno condotto negli ultimi due anni.

Il lato intollerante e cinico delle istituzioni si scontra quotidianamente con le parti attive e in resistenza della società civile. Messico Invisibile raccoglie cronache, reportage e saggi sull’attualità del Messico, lega tra di loro fenomeni apparentemente dispersi, cercando spiegazioni regionali e globali alle mille sfaccettature del conflitto nazionale messicano.

Questi scritti dall’ombelico d’America e della luna raccontano anche storie di vita, come quella delle donne di casa Xochiquetzal, prima casa di riposo per ex prostitute, e di precariato, parlando delle condizioni dei professori di linguacultura italiana in Messico, così come di altre esperienze di italiani migranti e viaggiatori. Uno spazio speciale è dedicato alla decostruzione di alcune narrazioni tossiche: quella dei “cervelli in fuga” e quella del neoliberalismo, inteso come sistema di vita, pensiero ed egemonia economico-culturale. Nuovi studi sul culto popolare della Santa Muerte e sul tema dei legami tra l’amianto e il “filantrocapitalismo” in America Latina completano i pensieri del libro.

Le voci creano parentesi di senso e respiro su questa intricata realtà, centrata sul Messico ma in espansione idealmente fino all’Italia e oltre, con alcune interviste a intellettuali, esperti, attivisti e artisti come Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, Alfredo López Casanova, del progetto Orme della Memoria per i desaparecidos, gli scrittori Alberto Prunetti, Pino Cacucci e Roberto Saviano, Xitlali Miranda, coordinatrice delle ricerche degli Altri Desaparecidos di Iguala, e il pittore partigiano Luciano Valentinotti.

Santa Muerte Protettrice del Popolo

Santa VicoloCannery

Questo reportage è uscito sulla rivista LOOP di ottobre/novembre 2011 (che vi invito a visitare qui!) e ora on line sul sito dell’Agenzia Letteraria Vicolo Cannery (e chiaramente vi invito a vistare anche quella!)

Di Fabrizio Lorusso (Nel pubblicare questo reportage, segnaliamo l’uscita di Santa Muerte Patrona dell’Umanità, il libro sulla Niña Blanca e il Messico edito da Stampa Alternativa/Nuovi Equilibri). Leggi anche il prologo e la descrizione su DinamoPress.It

Uno dei fenomeni sociali più interessanti e poco esplorati del Messico contemporaneo è senza dubbio l’emersione pubblica di un culto antico e semiclandestino a una santa popolare con le fattezze di uno scheletro, la Santissima Muerte. Ha una lunga storia che sta lentamente venendo fuori da ricerche sul campo e nelle biblioteche di questo paese. Una cosa è certa. Non va confusa con la famosa tradizione del giorno dei morti, dichiarata dall’Unesco come patrimonio culturale immateriale dell’umanità, che è d’origine cattolica e ha integrato alcuni elementi precolombiani e la cultura pop americana di Halloween.

Quella è una morte addomesticata dallo stato e dalla religione per fare festa e propagare lo stereotipo del messicano che non la teme mai e balla nei cimiteri. Tanti colori, statuette di donne borghesi scarnificate (le famose catrinas dell’artista del primo novecento Josè Guadalupe Posadas), teschi di marzapane, dolci, fiori gialli, e molta promozione turistica ma in fondo poca anima. La Santa Muerte è invece un’immagine più spaventosa, è vero. Ed è associata erroneamente al mondo del narcotraffico e della delinquenza, ai tamarri e ai poveri, come fosse una protettrice di reietti e malfattori. L’immaginario di morte, violenza e guerra al narcotraffico che il Messico esporta da alcuni anni ha contribuito a ingigantireil mito della “Madonna dei Narcos”. La realtà è però un po’ più complicata.

Si tratta di un’iconografia tardo medievale e barocca della morte scheletrica, con falce, mondo e bilancia, carica di simbolismo e mistero. Da decenni, anzi da secoli, è protagonista di un processo clandestino di canonizzazione o santificazione popolare. La Santa Muerte, alias Niña Blanca, Patrona, Señora, Flaquita (i suoi soprannomi sono praticamente infiniti), è un’entità santificata dal popolo. E’ l’idea della morte giustiziera che funge da intermediaria tra gli uomini e Dio e poi diventa oggetto di un culto specifico. La Chiesa non l’accetta. Se non sei vissuto non puoi mica essere Santo! Ma la gente è ormai stufa delle imposizioni delle istituzioni e della fede ufficiale, quella che decine di sette e gruppi cercano di brevettare per far soldi, e si ribella scegliendosi i propri intercessori divini e optando per una libera adesione alla religiosità.

E’ un movimento spontaneo che sorge in Messico, ma esiste anche in Argentina, dove prende il nome di San La Muerte, negli Stati Uniti e in Centro America. La morte santificata nasce nel mondo rurale e nelle comunità marginali di poveri e indios del Vicereame della Nuova Spagna, un territorio che s’estendeva dalla California a Panama, già nel diciassettesimo secolo quando gli spagnoli dominavano le colonie americane con la spada e con la croce. Erano infatti aiutati da eserciti di soldati dell’anima col saio indosso e la Bibbia in mano. La devozione alle figure della morte scarnificata che i religiosi cattolici avevano importato dall’Europa (per esempio i quadri delle Danze macabre e i Trionfi della morte-peste nera) prende in America nuove e inattese direzioni, sgradite alla Chiesa di Roma e malviste dal resto della società.

Quindi nel tempo questa morte fatta santa dai settori marginali si fonde e si confonde con le tradizioni locali, con le credenze e anche le superstizioni spesso legate a quel che resta della visione del mondo degli antichi messicani. Sopravvive clandestinamente alle persecuzioni dell’Inquisizione che accusa i suoi seguaci di “idolatria pagana” e “satanismo”. E sono le stesse espressioni di disprezzo, basate su preconcetti, con cui ancora oggi, dopo un decennio di boom mediatico della Santa Muerte, la stampa scandalistica e le gerarchie ecclesiastiche continuano a etichettare il suo culto senza comprenderlo. I devoti aumentano esponenzialmente da almeno un decennio e sono oltre cinque milioni, forse dieci. Il culto dilaga su Internet, nei mercati, tra i migranti, i poliziotti, i carcerati e ma anche nella classe media, tra i politici e nel mondo dello spettacolo.

Insomma parlare di satanismo e ignoranza non basta più. Ecco allora che emergono studi e analisi più serie e centrate sulla comprensione del fenomeno che non è “un problema” ma l’espressione creativa del sincretismo postmoderno e contro egemonico di settori crescenti della popolazione. Ad ogni modo spiegare esattamente che cos’è e cosa rappresenta la Santa Muerte è abbastanza difficile in poche righe (consiglio questo link https://lamericalatina.net/la-santa-muerte/ e pure Questo che è il SUO blog). Le immagini dei suoi simpatizzanti e dei momenti importanti del culto così come le parole dei devoti di questa specialissima santa messicana possono forse descriverla più di tante analisi e speculazioni. ALBUM LINK

Araceli Morales, casalinga ed estetista di Chalco, Città del Messico.

Sono credente della Santa da 23 anni, da quando ero una bambina. Ho avuto un’infanzia molto brutta, molto forte e lei mi ha aiutato molto e ha fatto sì che non prendessi nessun vizio, non stessi in strada ma imparassi a essere una buona madre e una buona moglie.

Ho quattro figli, tre femmine e un maschio. Ora vengo a ringraziarla perché il mio bimbo, appena nato, stava male e le ho promesso dei fiori e un cero. Mi manca oggi il mazzo di fiori ma intanto le ho portato il cero e i fiori li prenderò presto, glieli devo. Son stata una buona moglie ma mio marito mi ha lasciato in cinta di quattro mesi dopo quindici anni di vita insieme.

Per me la Santa è un sostegno quando sto affondando e lei mi aiuta mentre molti dicono che è cattiva, non è vero, cattive sono le persone che le chiedono cose. A volte chiediamo cose impossibili e sì vengono concesse, ma in cambio di altre cose molto forti che io personalmente non farei.

Ho il mio altare in casa con tutti suoi colori e di fatto, in verità, sono l’unica che crede in lei nella mia famiglia con cui ho discusso varie volte. Anche mio marito se n’è andato perché diceva che io gli facevo del male usando lei, ma era solo un pretesto. Io mai gli ho fatto del male con lei. E’ molto molto miracolosa ed è vero ma non bisogna chiedere cose troppo forti che non si possono concedere.

Armando Maldonado, 32 anni, disoccupato, Città del Messico, Iztapalapa

Sono devoto da dieci anni e prima comunque la rispettavo. L’ho conosciuta attraverso la televisione e quello che si diceva. Mi attirava il fatto che è molto buona, ti aiuta quanto le si chiede, ma è anche molto gelosa quando non mantieni le tue promesse. Sono cattolico, cioè credo alla Vergine, a Dio e tutto ma dicono che, beh, bisogna avere fede in qualcosa e ora veramente questa è la mia Santa. Lavoro, anzi, adesso sto cercando lavoro per questo son passato a vederla perché mi dia una mano. Lei mi ha aiutato varie volte ma quella che mi ha colpito di più è stata quando mi ha aiutato a trovare un buon lavoro e anche a tornare con mia moglie dopo che ci eravamo separati. Ho il mio altare in casa, le metto un cero, dei sigari, la purifico col fumo, le metto acqua, cannella, sale. Vado spesso a un altare a Iztapalapa, il 2 di ogni mese. Fanno il rosario e va il padre, si fa il rosario e le richieste di ciascuno per qualche malato o altro. Io ho prego soprattutto per mia mamma malata.

María, 39 anni, casalinga e commerciante del quartiere periferico Iztapalapa.

Io sto con la Santa da almeno vent’anni, faccio la commerciante in un negozietto di zona ma anche la casalinga in realtà. La Santa mi ha salvato due volte la vita e la devo ringraziare. Fu quando stavo con mio marito, beh il mio ex, il padre delle mie tre figlie. Mi picchiava e mi maltrattava e due volte mi ha rischiato veramente di ammazzarmi. Per fortuna ci siam separati proprio per questo, la violenza. Ho il mio altare e le mie bambine sono devote anche loro. Hanno 10, 12 e 15 anni.

Arturo Salazar, tassista, zona Santo Domingo, Città del Messico.

Conosco l’immagine da cinque anni e non da subito sono diventato un devoto. L’ho conosciuta per la strada, in un altro quartiere, tramite un amico che era in prigione. Per me oggi significa molto, è la tua fede, il tuo sentire e vivere. Le chiedo che ci aiuti ad andare avanti e a vivere. Ho avuto problemi di sicurezza col taxi, son saliti su dei rapinatori e la sua immagine mi ha aiutato e non mi hanno rapinato. Mi hanno detto che non mi avrebbero fatto nulla perché l’avevo lì nel taxi, avevo un’immaginetta e una collana.

Questa è una conversazione che ho avuto il piacere d’intrattenere con Alfonso Hernàndez, cronista di quartiere e direttore del Centro Studi su Tepito (Barriodetepito.Com), sul culto alla Santa Muerte e sulla vita in questa zona. Tepito viene a torto identificato come un covo di narcos e delinquenti, una pericolosa comunità anarchica e fuorilegge, ma che in realtà è uno dei pochi quartieri di Città del Messico ad aver conservato la sua identità culturale e storica malgrado la delinquenza, la droga e le vicissitudini di una modernità tronca e ingiusta.

F.L. – Quali sono le origini del culto alla Niña Blanca in Messico e qui nel quartiere di Tepito?

– Beh, io ho 65 anni e da 50 anni conosco questo culto grazie alle mie zie e le mie nonne che tenevano quest’immagine in qualche angolo nascosto della casa, ma la particolarità di Tepito è che proprio in questo quartiere viene esposta per la prima volta in strada come l’immagine di uno scheletro di dimensioni naturali e questo fenomeno si riproduce in lungo e in largo per tutta la città. Questo è quanto abbiamo visto oggi in via Alfarerìa 12, cioè un santuario in cui si venera quest’immagine che può essere una divinità della crisi, può essere o un’immagine per dei fedeli che ormai hanno smesso di credere alle altre immagini e religioni, ai partiti politici, alle istituzioni e che ricorrono a Lei in un momento di crisi. La Vergine di Guadalupe continua a restare al suo posto come un’immagine che fa miracoli, ma la Santa Muerte ti dà una mano, ti evita lo sgamo, cioè ti fa un “paro”.

– E questa è un’altra cosa. Come spiegheresti questo concetto che è molto messicano?

– Ci son cose che non si possono chiedere alla Guadalupe, le puoi chiedere cose buone ma non che ti tolga un maleficio o un’invidia. Invece la Santa Muerte si muove di più in un altro terreno, più nel campo dell’oscuro, del nero, beh sì le puoi chiedere che ti difenda e che con la sua falce recida le invidie e i malefici che incombono su di te.

– In questo senso sarebbe più potente della Vergine di Guadalupe, che dici?

– Più cabrona [testarda, dura, stronza, n.d.t.], non più potente, più cabrona.

Estratto di un’intervista a Doña Enriqueta (Queta) Romero Romero, guardiana dell’immagine e dell’altare alla Santa Muerte più importante del Messico in Calle Alfarerìa, nel quartiere popolare  di Tepito del centro della capitale.

F.L. – Quando hai cominciato ad abbracciare il culto alla Santa morte?

E. R. – Ho 65 anni e sono devota della Santissima Morte da 54 anni. Sono nata nel centro nella Calle Motolonía e mia zia era una devota. Tutta la vita poi l’ho passata qui a Tepito.

– Avevate un’immagine in casa?

– Sì, ma non c’erano figure di legno, piuttosto immagini di carta.

– Era comune il culto alla Santa quando siete arrivati qui?

– Non tanto ma la cosa era più che altro privata e si svolgeva nelle case di ciascuno. Le gente è iniziata a venire quando io ho messo fuori l’altare. E’ stato il 31 ottobre di 9 anni fa, nel 2001. L’immagine dell’altare me l’ha regalata mio figlio Marcos, il maggiore.

Preghiera alla Santissima Muerte (secondo il testo sul culto di Juán Ambrosio)

Santa Morte del mio cuore,

non lasciarmi senza la tua protezione,

e non lasciare mai tizio(a)… (nome della persona)

un solo momento tranquillo(a), infastidiscilo(a)

in ogni momento, mortificalo(a), inquietalo(a), inquietalo(a)

perché sempre pensi a me. Amen.

(Si recitano tre padre nostro)

Oh Morte Sacra,

reliquia di Dio,

toglimi dalla sofferenza

avendo te.

Che la tua ansia infinita

di voler fare il bene

sia sempre con me

tutta la nostra gioia

senza sapere per chi.

Che la tua bilancia divina

con la tua sfera celeste,

ci ripari sempre

la tua sacra tunica

Santissima Morte.

Per concludere una strofa della canzone del gruppo rap Cartel de Santa, da Monterrey.

“…Lei apre i nostri occhi alla realtà, dicono che morire è svegliarsi, io non so se ci sia un paradiso o un inferno, però la unica cosa sicura in questa vita è che solo Lei comprendo”.

Il Messico al voto: opzioni, narcos e partiti

IN SINTESI: Ottanta milioni di messicani sono chiamati alle urne in questa domenica 1° luglio per eleggere presidente, Parlamento, sei governatori e il sindaco di Città del Messico. Il Partito rivoluzionario istituzionale potrebbe tornare a vincere, ma il Paese vive un’emergenza senza precedenti, per cui in alcune regioni bisogna chiedere il permesso alle bande criminali per fare campagna elettorale e ci sono stati dei candidati a livello locale “giustiziati” dai criminali, quindi i politici devono destreggiarsi nel fuoco incrociato di narcos e cacicchi locali.

PAN: L’opzione liberale che teoricamente il suo partito rappresenta è tradita da proposte, dettate da vincoli storici con le gerarchie ecclesiastiche, contro la libertà di decisione delle donne sull’interruzione della gravidanza – l’aborto è addirittura un reato punito con la prigione in molti stati governati dal Pan – e i matrimoni omosessuali.

JOSEFINA VAZQUEZ MOTA: Dopo sei anni di militarizzazione del territorio contro la criminalità organizzata, con un saldo di 60.000 morti e una crescita annuale dell’1,96% – la media latino americana è del 3,61% –, sembrava che la cattura per lo meno del figlio del capo dei capi, vista l’incapacità di prendere il boss latitante dal 2001, potesse invertire la tendenza alla discesa nei sondaggi della candidata. La strategia di Vázquez è mantenere la presenza dei militari, oltre 20.000, con funzioni di polizia cui va affiancata una nuova polizia nazionale ancora da creare.

NARCOS: In questo contesto l’infiltrazione dei narcos nelle elezioni, specialmente a livello locale e amministrativo, è un dato di fatto: il Nordest del paese, dominato dal cartello degli Zetas, e Guerrero, lo stato di Acapulco, vivono un’emergenza senza precedenti per cui bisogna «chiedere il permesso alle bande criminali» per fare campagna elettorale.

AMLO: Andres Manuel Lopez Obrador, candidato delle sinistre, ha definito in anticipo i membri del suo futuro governo, considerati autorevoli ed elementi di forza della sua proposta, e ha parlato di una riforma fiscale progressiva, di tagli ai costi della politica, di lotta alla corruzione e ritiro progressivo dell’esercito. È criticato dai suoi detrattori per il suo passato “radicale”, i tentennamenti su temi sociali come l’aborto e i matrimoni gay e la sua difesa a oltranza della sovranità nazionale, per esempio con la chiusura totale della compagnia petrolifera Pemex agli investimenti privati.

STUDENTI e YOSOY132: A queste iniziative s’è unito anche il movimento studentesco YoSoy132, la grande novità di questo momento politico. IoSono132 è nato in maggio grazie alle reti sociali, in reazione all’autoritarismo del Pri mostrato in alcune dichiarazioni di esponenti del partito contro gli studenti, e in opposizione alla dittatura mediatica del duopolio televisivo nazionale.

PEÑA NIETO e PRI: Peña è alleato dei verdi, un partito gestito da una sola famiglia che da anni propone la pena di morte per i colpevoli di rapimento e pratica il trasformismo per non perdere la sua quota di seggi.

Il probabile ritorno al governo del PRI, partito egemonico al potere per 71 anni fino alla sconfitta nel 2000 contro il Pan, e la vittoria di Peña significano per molti messicani una regressione democratica per cui da due mesi si moltiplicano le iniziative popolari contro questa possibilità: tre manifestazioni anti-Peña, convocate per la prima volta sui social network contro un candidato e non contro un presidente in carica, hanno riempito le piazze di Città del Messico e di altre 20 città in maggio e giugno riunendo tra le 50.000 e le 100.000 persone ogni volta. Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/messico-elezioni#ixzz1zHrX9sRx

Leggi il resto. Fabrizio Lorusso: SU Linkiesta.It

I Sorci Verdi arrivano in Messico: le foto e il libro

Questa presentazione richiede JavaScript.

Questa è la galleria fotografica della presentazione del libro Sorci Verdi. Cronache di ordinario leghismo (Scheda del libro! QUI) alla Libreria Morgana Sud (spazio di libero pensiero e parola presso la sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Città del Messico). La presentazione di ieri, 15 dicembre, è durata un’ora e mezza ed è stata molto interessante e partecipata. Il pubblico è intervenuto con commenti e precisazioni utilissime (grazie!). Per vedere le foto singolarmente clicca QUI.

Sotto: la fodera speciale verde-nera che BravO Cubiertas ha donato per questa presentazione di Sorci Verdi. Presto su questo blog i video della presentazione. Presenti e collaboranti alla presentazione (15 dicembre 2011, ore 19) del libro: el barrio Coyoacàn/Città del Messico e… Fabrizio Lorusso (co-autore), Maria Teresa Trentin (attrice, lettrice), Clara Ferri (moderatrice e anfitriona), Diego Lucifreddi (relatore ed esperto). Grazie anche a loro per la collaborazione e per aver reso possibile questo momento di discussione e cultura “contro il rogo di libri“.

Rino Gaetano, Nuntereggaepiù: tributo di Roy Paci vs Originale

Tributo a Rino Gaetano a 30 anni dalla morte. Versione aggiornata al 2011 di Nuntereggaepiù. Sempre stupenda. In fondo il testo.

Sotto invece la versione originale in una trasmissione ai limiti del surrealismo con Maurizio Costanzo, Susanna Agnelli (e tutti i Pirelli?) e Rino Gaetano che letteralmente gliele canta.

Testo “Nontereggaepiù” – Roy Paci

Abbasso e alè
abbasso e alè
abbasso e alè con le canzoni
senza fatti e soluzioni
l’immunità
la clandestinità
la sposa in bianco, il maschio forte
i ministri puliti, i buffoni di corte
ladri di polli
super pensioni
ladri di stato e stupratori
il grasso ventre dei commendatori
diete politicizzate
evasori legalizzati
auto blu
sangue blu
mozzarelle blu
pillole blu
amore blu
rock and blues
NUNTEREGGAEPIU’
Eya alalà
Icpp
Fli Udc
Pdl Pd Lega Pci
Udc Udc Udc Udc
Scilipoti
Avvocato Ghedini, Masi, Minzolini,
Bunga Bunga, la Bossi Fini,
dribbla Totti che passa a Chiellini,
Cassano Zambrotta e poi Pazzini,
la Gelmini
Briatore
Vespa Belpietro Fede Santoro
Tanzi Marchionne Lele Mora Simona Ventura
Morgan Sgarbi Corona
onorevole eccellenza cavaliere senatore
nobildonna eminenza monsignore
vossia cherie mon amour
NUNTEREGGAEPIU’
Ue paisà
il vernissage
il superenalotto
il quarantotto
il sessantotto
il pitrentotto
ed il G8
sulla spiaggia di Lampedusa
indovina ma che illusioni
lotteria per cento milioni
mentre il popolo si gratta
a dama c’è chi fa la patta
a settemezzo c’ho la matta
mentre vedo tanta gente
che non c’ha l’acqua corrente
e non c’ha niente
ma chi me sente…
ma chi me sente
e allora amore mio ti amo
che bella sei
vali per sei
ci giurerei
ma è meglio lei
che bella sei
che bella lei
vale per sei
ci giurerei
sei meglio tu
che bella sei
NUNTEREGGAEPIU’

Revista Desinformémonos No 14 – Diciembre 2010 – Disinformiamoci!

Les presento… Desinformémonos Número 14

En este número encontrarás:

Los Nuestros La separación entre lengua y dialecto es eminentemente política     Marcos Bagno: El combate al prejuicio lingüístico

Entrevista de Joana Moncau   Foto: Ileana Maya – Casa do Brasil

Reportajes El camino zapatista, un relato inconcluso

Hermann Bellinghausen y Gloria Muñoz Ramírez Fotos: Simona Granati

Días cruciales  Arde el Sahara Marcela Salas Cassani  Fotografía: Stefano Montesi

La invasión de los cascos azules (Minustah)    Haití antes y después de los tiempos del cólera

Fabrizio Lorusso     Traducción: Adrián Castro Bibriesca y Marcela Salas Cassani

Migración hondureña: el sabor del reencuentro y el adiós Texto y fotografía: Matteo Dean

Itaipu  La mayor hidroeléctrica del mundo niega su deuda con los guaranís

Bianca Pyl     Fotos: Spensy Pimentel    Traducción: Waldo Lao Sánchez Fuentes

El Cabanyal: antiguo barrio de pescadores que lucha contra la especulación inmobiliaria Laura de Castro Sánchez  (Miembro del la Plataforma “Salvem el Cabanyal”)

Plaza Kurdistán: el asalto al cielo de noviembre de 1998 a noviembre de 2010

Aldo Canestrari   Traducción: Amaranta Cornejo y Adrián Castro

Entrevista a Hugo Blanco   Los gobiernos progresistas de América Latina, en disputa con los pueblos indígenas Matteo Dean

Los Nadies Testimonio de un trabajador libertario

Testimonio desde Paris    Traducción: Xotchil y Tania

En la primera región colonizada por los portugueses

Los pataxó de Brasil, un pueblo que se niega a desaparecer

Testimonio recogido por Joana Moncau en Brasil

Foto Antônio Cruz/Agência Brasil

En las calles de Coyoacán   El show debe continuar

Testimonio recogido por Rafael Fraga

Autonomías El Centro de Documentación y Estudios Anarquistas Francisco Zalacosta    Los Punks en Guadalajara y el nacimiento de un espacio libertario

Grupo Libertario Solidaridad

En Valencia   Donyets, un atrevimiento pedagógico lejos de la docilidad Gloria Muñoz Ramírez

Imagina en resistencia

Presentan el “más mexicano de sus discos”  Al son de Los de Abajo

Marcela Salas Cassani

Rat singers, un musical en contra del poder   Para mí, actuar es una forma de lucha: Adriana Moles Adrián Castro Bibriesca

Poesía saharaui de Luali y Saleh Abdalahe

Multimedia Fotoreportajes La hora de los estudiantes en Italia

Fotos: Stefano Montesi

Texto: Maria Stella Scordo. Red Uniriot   / Traducción: Adrián Bibriesca

Cancún, un rastro Fotos: Simona Granati  Texto: María Stella Scordo  /Traducción: Marcela Salas Cassani

Música: “Ska de la Tierra”. Bebe

Video La dignidad no está en venta: autoridades zapatistas

Realización: Brigada Europea de  Solidaridad con los Zapatistas

Audio Vícam, por la defensa de la tierra y el agua Realización: Indymedia Chiapas

http://www.desinformemonos.org skype: desinformemonosrevista

______________________________         ______________________
“…desinformémonos hermanos
hasta que el cuerpo aguante
y cuando ya no aguante
entonces decidámonos
carajo decidámonos
y revolucionémonos.”
Mario Benedetti

Cos’è il LatinoAmericaExpress?

Presento anche qui nel mio blog personale l’altro blog, quello “ufficiale” ospitato da L’Unità, che è partito qualche mese fa con queste premesse e che continuerà a stupire:

Vi presento qui un nuovo blog tematico riguardante questa bestia rara che è l’America Latina per far sì che venga addomesticata piano piano dal navigante e dal lettore.

Lo scopo del viaggio è descrivere, raccontare e rappresentare con altri occhi e parole una regione del mondo che è allo stesso tempo un’idea e un territorio, una zona culturale e un riferimento geopolitico, un mito per molti aspetti ma anche una realtà quotidiana per noi italiani all’estero e per gli oltre 500 milioni di latino americani.

Dalle curiosità ai viaggi, dalla politica alle questioni sociali penso che sia necessario rinnovare l’immagine di questo continente (o sotto-continente come scriveva Carmagnani) che a volte in Italia sembra stingersi in un cielo di antiche nostalgie e realismo magico, tra il folklore e lo stereotipo.

Sarà un viaggio diretto con alcune fermate tra il Rio Bravo e la Terra del Fuoco ma anche con incursioni a nord negli Stati Uniti, ormai più latino-americani che mai, e negli altri “sud del mondo”. Un pretesto per condurre esplorazioni nell’universo dell’America Latina, un estremo occidente conosciuto e amato in un percorso tierra adentro, in profondità ma con la chiarezza e l’impatto di una pagina web, express appunto come dice il logo. Le storie di vita, viaggio e delirio ispirate e vissute in queste terre, fatte di poesia, politica, violenza e meraviglia, aspirano a diventare parole e immagini, memoria e promessa.

Infine, si tratta di un blog ospitato in uno spazio d’eccezione, libero e aperto agli avvistamenti segnalati da altri osservatori latino americanisti che nasce dall’esperienza dell’autore, migrante a Città del Messico da oltre otto anni, e dal crescente interesse della gente nel nostro paese per le tematiche latino americane.

Inevitabilmente il Messico splendido e le sue contraddizioni faranno spesso da retroscena al libero fluire dei post in bilico tra un’Italia lontana e, parafrasando Paolo Conte, questa “faccia triste dell’America” vissuta giorno per giorno.