Archivi tag: roma

Messico e Papa Francesco: Intervista su @Radiondarossa #Roma

PODCAST DI RADIO ONDA ROSSA –  4 marzo, 2016 – 23:00 – Messico: intervista a Fabrizio Lorusso sulla visita di Papa Francesco in Messico, ascoltala a questo LINK.

[Testo del post su Radio Onda Rossa ripreso da QUI] A partire da un articolo uscito su Carmilla (lo trovi qui), parliamo del viaggio di Bergoglio in Messico. Cosa ha significato questo “viaggio pastorale”? Sono molti i punti critici della visita di Bergoglio in Messico, svoltasi dal 12 al 17 febbraio. È inutile girarci attorno: il viaggio di Bergoglio ha rappresentato, nuovamente, una riuscita operazione di marketing clerico-papale. I grandi media ci hanno mostrato un papa baciato dalla folla ma il reale valore politico della visita è una retorica opportunistica, unita al solito populismo spicciolo. Nella sua propaganda pretesca, Bergoglio ha raramente citato i narcos, vera piaga sociale del paese; il tema della pedofilia è stato abilmente evitato dal papa, così come accuratamente eluso è stato il caso dei desaparecidos.

Ne parliamo con Fabrizio Lorusso, giornalista freelance e autore di NarcoGuerra. Cronache dal Messico dei cartelli della droga (Odoya, 2015).

Nella foto: Bergoglio accompagnato dal Presidente messicano Nieto e la sua consorte, Angelica Rivera.

Desde Italia: solidaridad con los zapatistas

Como parte de las actividades de la semana internacional en recuerdo del maestro José Luis Solís López “Galeano”, asesinado el 2 de mayo pasado durante un ataque de miembros de la CIOAC-H, PVEM y PAN contra bases zapatistas en el caracol de la Realidad, Chiapas, integrantes de la Asociación Ya Basta! en Milán, solidarios con la lucha zapatista, ingresaron al consulado mexicano de esa ciudad italiana el pasado 19 de mayo.

Expusieron fuera de las ventanas una pancarta. “Justicia para el maestro Galeano, Alto a la guerra del gobierno mexicano contra el EZLN, los pueblos de Europa los están mirando”, se alcanza a leer en la manta.

Los militantes entregaron al consulado un comunicado de rechazo de los acontecimientos del 2 de mayo en el caracol de La Realidad, dirigido al gobierno de México, al presidente, al gobernador de Chiapas y a los comisarios ejidales del municipio para que “como sociedad civil internacional” se puedan transmitir “las exigencias y firme determinación de no permanecer indiferentes ante el asesinato, las agresiones y la destrucción que los paramilitares están perpetrando”.

La carta fue recibida directamente por la cónsul Marisela Morales. El mensaje de los activistas, preocupados por la situación de Chiapas y la represión del proyecto autónomo zapatista, quiere mostrar a los y las zapatistas “que no están solos”. “Desde aquí, desde abajo, estamos mirando y sabemos reconocer que lo que está pasando en Chiapas no es el resultado de conflictos intracomunitarios, sino una estrategia para continuar la guerra contra la autonomía zapatista”, expresaron los integrantes de Ya Basta.

Fuera de la sede del consulado, un grupo de militantes y participantes de las Escuelitas zapatistas se juntó para recordar al maestro Galeano y contar su experiencia y el aprendizaje con el EZLN, que se traduce en todo el mundo a favor de “la defensa de los territorios, de los lugares liberados del interés capitalista y especialmente de la lucha de los grupos desposeídos de sus derechos básicos, como los migrantes”.

Pese a la tristeza, declaran los militantes, “seguimos exigiendo justicia para la agresión homicida ocurrida en La Realidad”, y, concluyen, “esperamos con serenidad las investigaciones del Subcomandante Insurgente Moisés y de la Comandancia del EZLN” que se están encargando de aclarar los hechos e identificar los responsables.

En Roma, durante la megamarcha de este #17M para los bienes comunes, la democracia, el derecho a la vivienda y contra “las grandes obras”, la cual a su vez se insertó en una serie de jornadas de acción llevadas a cabo en toda Europa, también hubo muestras de solidaridad hacia los zapatistas, pues a la altura de calle Cavour se desplegó una pancarta de apoyo para Galeano y el EZLN, se gritaron consignas y se dieron pláticas sobre los acontecimientos del dos de mayo y las agresiones de tipo paramilitar en La Realidad.

En México, las actividades para recordar a José Luis Solís culminarán este fin de semana, pues el 24 de mayo se hará un homenaje a Galeano en La Realidad y otros caracoles,

Como parte de las actividades de la semana internacional en recuerdo del maestro José Luis Solís López “Galeano”, asesinado el 2 de mayo pasado durante un ataque de miembros de la CIOAC-H, PVEM y PAN contra bases zapatistas en el caracol de la Realidad, Chiapas, integrantes de la Asociación Ya Basta! en Milán, solidarios con la lucha zapatista, ingresaron al consulado mexicano de esa ciudad italiana en la mañana del 19 de mayo.

Expusieron fuera de las ventanas una pancarta. “Justicia para el maestro Galeano, Alto a la guerra del gobierno mexicano contra el EZLN, los pueblos de Europa los están mirando”, se alcanza a leer en la manta.

Los militantes entregaron al consulado un comunicado de rechazo de los acontecimientos del 2 de mayo en el caracol de La Realidad, dirigido al gobierno de México, al presidente, al gobernador de Chiapas y a los comisarios ejidales del municipio para que “como sociedad civil internacional” se puedan transmitir “las exigencias y firme determinación de no permanecer indiferentes ante el asesinato, las agresiones y la destrucción que los paramilitares están perpetrando”.

La carta fue recibida directamente por la cónsul Marisela Morales. El mensaje de los activistas, preocupados por la situación de Chiapas y la represión del proyecto autónomo zapatista, quiere mostrar a los y las zapatistas “que no están solos”. “Desde aquí, desde abajo, estamos mirando y sabemos reconocer que lo que está pasando en Chiapas no es el resultado de conflictos intracomunitarios, sino una estrategia para continuar la guerra contra la autonomía zapatista”, expresaron los integrantes de Ya Basta.

A las seis de la tarde, fuera de la sede del consulado, un grupo de militantes y participantes de las Escuelitas zapatistas se juntó para recordar al maestro Galeano y contar su experiencia y el aprendizaje con el EZLN, que se traduce en todo el mundo a favor de “la defensa de los territorios, de los lugares liberados del interés capitalista y especialmente de la lucha de los grupos desposeídos de sus derechos básicos, como los migrantes”.

Pese a la tristeza, declaran los militantes, “seguimos exigiendo justicia para la agresión homicida ocurrida en La Realidad”, y, concluyen, “esperamos con serenidad las investigaciones del Subcomandante Insurgente Moisés y de la Comandancia del EZLN” que se están encargando de aclarar los hechos e identificar los responsables.

En Roma, durante la megamarcha de este #17M para los bienes comunes, la democracia, el derecho a la vivienda y contra “las grandes obras”, la cual a su vez se insertó en una serie de jornadas de acción llevadas a cabo en toda Europa, también hubo muestras de solidaridad hacia los zapatistas, pues a la altura de calle Cavour se desplegó una pancarta de apoyo para Galeano y el EZLN, se gritaron consignas y se dieron pláticas sobre los acontecimientos del dos de mayo y las agresiones de tipo paramilitar en La Realidad.

En México, las actividades para recordar a José Luis Solís culminarán este fin de semana, pues el 24 de mayo se hará un homenaje a Galeano en La Realidad y otros caracoles, precedido por eventos, protestas y conmemoraciones en todo el país y en el resto del mundo.

[Fabrizio Lorusso de VariopintoAlDía] 

Otro caso de impunidad contra zapatistas – Variopinto link

El ataque del 2 de mayo contra las bases de apoyo del EZLN (BAEZLN) en el caracol de La Realidad, dentro del Municipio de Las Margaritas, perpetrado por integrantes de la CIOAC-H (Confederación Independiente de Obreros Agrícolas y Campesinos-Histórica), del PVEM y PAN, según denunciaron el Centro Fray Bartolomé de las Casas para la defensa de los derechos humanos y varios testigos de los hechos, dejó muerto al votán, maestro de la Escuelita, José Luis Solís López, conocido también comoGaleano, y a 15 personas más.

Galeano fue linchado, luego ultimado con tiro de gracia y la agresión, llevada a cabo por al menos 140 personas armadas a la manera paramilitar, fue planeada, como lo declara también el Comunicado firmado por el Subcomandante Marcos del 8 de mayo. Mientras tanto, los agresores cortaron el suministro de agua a los zapatistas del caracol, destruyeron las instalaciones de la escuela, la clínica y los huertos comunitarios, lo cual nos habla claramente de una intención destructiva, dirigida contra el mismo proyecto de autonomía de las BAEZLN.

Los hechos ya están documentados, aunque en un primer momento circulaban versiones parciales, cercanas a visiones “oficiales” y de la CIOAC, según las cuales se habría tratado de un conflicto intracomunitario “por la grava” o la arena de uso común en el lugar: es una manera de relatar los conflictos chiapanecos, incluyendo las matanzas como la de Acteal de 1997, como fueran simplemente “cuestiones de recursos” o “entre indígenas” y comunidades.

En el último año ya hubo otros dos atentados mortales contra los zapatistas, en los que fueron emboscados y asesinados el tzetzal Carlos Gómez Silvano y Juán Vázquez Gómez, pero en el caso de Galeano no fue una “simple” emboscada sino un ataque más grande, en el corazón de la comunidad, justo durante unas negociaciones pacíficas entre las BAEZLN y la CIOAC, bajo la intermediación del Frayba. Más allá de los acontecimientos de esos días, caben algunas consideraciones sobre los motivos y el contexto de la agresión.

No se trata de un conflicto intracomunitario o de “fútiles motivos”, ni de un enfrentamiento, sino de un ataque contra personas desarmadas. Los medios independientes han tardado en dar una versión más cercana a los hechos reales, lo cual ha dejado espacio al mainstream para dar paso a dudas sobre la naturaleza del asesinato y de la agresión que fue llevada a cabo a pesar de la presencia de observadores de derechos humanos.

En este sentido, la táctica utilizada se puede definir como paramilitar, y ha caracterizado la actuación de la CIOAC-H y de la su corriente “Independiente” o “Democrática”, resultado de una escisión, siendo la primera ligada al PRD y la segunda al Verde. El 30 de enero pasado, por ejemplo, el mismo Frayba documentó un ataque contra las BAEZLN perpetrado por 300 personas, según una modalidad parecida, en el caracol de Morelia, Municipio Autónomo XVII de Noviembre, cuyo balance fue de entre 6 y 9 heridos, dos de ellos muy graves.

Además de atentar contra el proyecto de la autonomía zapatista, también se vislumbra la intención de sabotear los eventos que están previstos para finales de mayo y principios de junio: uno, del 2 al 8 de junio en San Cristóbal de las Casas, organizado por CIDECI-UNITIERRA-Chiapas y colectivos de alumnos de las escuelitas, es un tributo a Luis Villoro Toranzo y un seminario internacional, titulado “Etica frente al despojo”, y otro es el encuentro, del 26 al 31 de mayo, de los zapatistas con los pueblos indígenas de México y el mundo, en el ámbito del Congreso Nacional Indígena. El EZLN canceló éste y anulo su participación en el seminario de junio.

La provocación del ataque también tiene que ver con el contexto nacional e internacional de las reformas estructurales aperturistas, sobre todo la energética, siendo Chiapas uno de los estados más “inexplorados” y ricos de recursos naturales, minerales, turísticos y de biodiversidad, y con el intento de empujar a reacciones o acontecimientos de tipo violento que justifiquen la intervención del estado, de los paramilitares, de los grupos de choques y demás.

El EZ está bajo fuego desde siempre, ha sabido construir alternativas económicas y sociales incluyentes, y por tanto es objeto de hostigamiento, hace décadas, por parte de grupos cuyos intereses se ligan a los partidistas y las prebendas políticas que les pueden brindar, denuncia el comunicado del EZLN.

Pese a lo anterior, los mensajes de apoyo de colectivos, organizaciones, intelectuales y activistas de todo el mundo, que están llegando en estos días y que han contribuido a la difusión de la información, son un testimonio de la solidaridad de las redes nacionales y globales que el EZLN, sus bases, su comandancia, sus mujeres, sus nuevas generaciones y simpatizantes han sabido construir en el tiempo.

 @FabrizioLorusso

Haiti e Santa Muerte a Roma: due libri alla Casetta Rossa

Haiti e Santa insieme

Finalmente a Roma! L’America Latina, la cooperazione internazionale,  Haiti e la sua gente prima e dopo il terremoto e l’emergenza del colera. Il Messico di oggi e di ieri, tra religiosità popolare e narco-guerra, raccontato attraverso il culto alla Santissima Muerte (link evento FaceBook!).

Evento casetta rossa

Ne parliamo alla Casetta Rossa, mercoledì 24 giugno dalle 18.30 con la presentazione dei due libri:

Santa Muerte Patrona dell’Umanità (Fabrizio Lorusso, Stampa Alternativa, 2013) e…

Le macerie di Haiti (Romina Vinci – Fabrizio Lorusso, L’Erudita, 2012).

Insieme a Fabrizio Lorusso e Romina Vinci ci sarà anche la giornalista Nadia Angelucci di Bucanero/Radio Popolare Roma. Letture di Enrico Pittari.

QUANDO?  Mercoledì 24 luglio dalle 18.30 

DOVE?  ROMA. Alla CASETTA ROSSA – GARBATELLA (VIA MAGNAGHI 14) – Mappa (link al sito):

Casetta rossa mappa

casettarossapersitoLINK:

Blog di Fabrizio Lorusso https://lamericalatina.net/

Blog di Romina Vinci http://rominavinci.wordpress.com/

Bucanero http://www.radiopopolareroma.it/bucanero

Casetta Rossa http://www.casettarossa.org

Evento Facebook https://www.facebook.com/events/508244919244521/

Blog Santa Muerte http://santamuertepatrona.wordpress.com/

I LIBRI:

HAITI

STORIE A CUI NESSUNO DARÀ MAI VOCE, PERCHÈ FORSE UNA VOCE NON L’HANNO MAI AVUTA. UN MUCCHIO DI MACERIE FATTE DI UOMINI.
Scavare tra le macerie. Raccontare il terremoto. Descrivere la tragedia. Osservare e ascoltare l’ingiustizia, la speranza, la dignità. Specchiarsi nel riflesso della prima isola scoperta da Colombo, ai margini dell’estremo Occidente. Sentire che Haiti è molto più che una crepa aperta nella terra. Haiti è Dafney che ogni sera prega cantando e scrive su un foglio bianco tutto quello che ricorda di se stessa, nella speranza di trovare un lavoro qualunque. È la domenica dei bambini in attesa del gelato di Padre Rick. È la tragedia dei corpi senza volto e senza nome ammassati nel Morgue. Fabrizio è arrivato a Porto Principe nel febbraio duemiladieci, subito dopo il terremoto che ha fatto oltre duecentocinquantamila vittime e un milione e mezzo di senza tetto. Romina nell’ottobre duemilaundici, nel pieno dell’emergenza per il colera e della ricostruzione mai cominciata, della capitale. I loro racconti si alternano, spesso parlano degli stessi luoghi e delle stesse persone conosciute in situazioni e tempi diversi. Le narrazioni diventano a volte dei reportage, dei diari di bordo, altre volte sono dei flussi di coscienza, vividi e pungenti. Per spiegare che Le macerie di Haiti non sono soltanto quelle lasciate dal terremoto.

SANTA MUERTE

La morte santificata, tramutata in oggetto di culto, in una sorta di Madonna dei diseredati, dei carcerati e dei “banditi”: è il culto per la Santa Muerte, fenomeno religioso molto diffuso in Messico, ma anche in Argentina e Stati Uniti, con 10 milioni di seguaci.
L’autore di questo saggio ci accompagna alla scoperta della Santa Muerte, il culto che unisce tradizioni antiche dell’America latina, folclore afro-cubano e il cattolicesimo imposto dai conquistatori spagnoli. Andando oltre i luoghi comuni che considerano la devozione per la Santa Muerte alla stregua di una setta satanica o di una religione per narcotrafficanti, si comprendono così aspetti più vasti della situazione latinoamericana, al di là dei pregiudizi.

Libri in Onda a Roma il 22-23 Marzo

LibriInOnda

Le macerie di Haiti (di Romina Vinci e Fabrizio Lorusso, Ed. L’Erudita 2013) a Libri in onda, Roma. Alle ore 16 di sabato 23 marzo Romina Vinci partecipa ad un reading sul tema del viaggio, organizzato all’interno della manifestazione “Libri in onda” presso la Libreria Argonauta, una due giorni per l’editoria indipendente. Verranno letti brani de “Le Macerie di Haiti” e di altri romanzi pubblicati da L’Erudita.

Cos’è libri in onda?

Intento di Libri in onda (link evento su Facebook) -e della Libreria L’Argonauta- è la promozione alla lettura e la conoscenza di quegli editori indipendenti, per lo più del panorama editoriale romano, che a volte, purtroppo, sono penalizzati nella visibilità dalle politiche commerciali.

Pertanto, per le giornate di Venerdì 22 e Sabato 23 i sei editori partecipanti alla manifestazione esporranno il loro catalogo editoriale, offrendo al pubblico uno sconto del 10% sui propri titoli e promuovendo reading, incontri con gli autori, coffee-break e firma copie.

Ad aderire alla manifestazione di questa piccola ed indipendente libreria, sei case editrici dalla varia offerta di pubblicazioni.

Innanzitutto editori romani da tempo apprezzati per i loro libri, come la Giulio Perrone Editore -fondata nel 2005 da Giulio Perrone e Mariacarmela Leto-, minimum fax -fondata nel 1993 con ad oggi circa 400 titoli pubblicati, fra letteratura italiana e straniera, saggistica, scrittura creativa, musica e cinema- e Voland, nata nel 1995 con una spiccata attenzione per il mondo letterario slavo.
Insieme a loro, anche le Edizioni Ensemble, di recente nascita, che mirano a promuovere esordienti ed eccellenze nascoste e Sur, nata dall’esperienza di minimum fax, casa editrice dedicata alla letteratura latinoamericana di qualità, con autori di oggi e classici contemporanei da riscoprire. Ed infine L’Erudita, nata dalla volontà di creare una realtà “a misura d’esordiente”, ponendosi come valida alternativa al selfpublishing e all’editoria a pagamento.

Micro presentazioni dei libri e dei cataloghi editoriali si alterneranno lungo l’intera manifestazione, offrendo al pubblico la possibilità di interagire con l’intera filiera editoriale, dall’autore all’editore al libraio, al fine di recuperare non solo un rapporto più sano e genuino con la lettura, ma anche per relazionarsi e conoscere meglio realtà la cui dimensione non equivale alla pochezza di spessore e qualità.

Ad arricchire ulteriormente il week-end editoriale, infine, un aperitivo itinerante e colazioni, con prodotti tipici laziali e toscani, che verranno offerti nel corso della manifestazione.

Santa, Haiti e Sorci alla Libreria Morgana di Città del Messico!

Libri_Mex_DF 017

Con grande regocijo y emoción finalmente podemos anunciar el desembarque intercontinental de mis libros a la Libreria Morgana de la Gran Cd. de México!

¿De qué estoy hablando? La Librería Morgana está en Colima # 143-A
Col. Roma Norte C.P. 06700 – México, D.F. (Tel./Fax: +52-55-52075843).

Y aquí están los libros en las fotos. La botellita de tequila no está incluida, pero seimpre puede haber alguna sorpresa por allí. Los libros son: 

Libri_Mex_DF 010

Santa Muerte Patrona dell’Umanità, Fabrizio Lorusso, Stampa Alternativa/Nuovi Equilibri, 2013.  Foto, un viaggio, un diario, un saggio. Alla scoperta della Santa proibita. Guarda il Book Trailer qui.

Libri_Mex_DF 006

Le Macerie di HaitiFabrizio Lorusso / Romina Vinci, Edizioni l’Erudita, 2012. Haiti 2010-2012. STORIE A CUI NESSUNO DARÀ MAI VOCE, PERCHE’ FORSE UNA VOCE NON L’HANNO MAI AVUTA. UN MUCCHIO DI MACERIE FATTE DI UOMINI. Leggi la recensione su ValigiaBlu. 

Gli introiti del libro destinati agli autori saranno devoluti all’associazione haitiana Auhmod (avvocati per i diritti umani).

Libri_Mex_DF 021

sorciSorci Verdi. Storie di ordinario leghismo, AA.VV., Ed. Alegre, 2011. Una bella banda di scrittori e giornalisti raccontano il fenomeno politico e sociale della Lega Nord in Italia e nella “Padania” usando l’arma della narrativa contro ogni censura.

Autori:
Giulia Blasi, Annalisa Bruni, Giuseppe Ciarallo, Giovanna Cracco, Alessandra Daniele, Girolamo De Michele, Valerio Evangelisti, Angelo Ferracuti, Fabrizio Lorusso, Davide Malesi, Stefania Nardini, Valeria Parrella, Walter G. Pozzi, Alberto Prunetti, Stefano Tassinari, Massimo Vaggi, Lello Voce.

Gli autori e le autrici di questo libro non hanno voluto alcun compenso. Gli eventuali utili di questo lavoro saranno destinati a sostenere la biblioteca del carcere di Padova.

Choque

Choque de civilizaciones por un ascensor en Piazza Vittorio, Amara Lakhous, Ed. Elephas México, 2012. Traduzione alla spagnolo di Fabrizio Lorusso. Titolo originale: Scontro di civilità per un ascensore a Piazza Vittorio.

Las lentes de un sinfín de culturas convergen en un solo punto: el ascensor de un pequeño edificio en Piazza Vittorio. Interminables conflictos entre los vecinos, extranjeros la mayor parte, crean un gran escenario en el que se revela la naturaleza oculta de cada uno de ellos. Nadie puede huir de las críticas y de los prejuicios de los otros. Se trata de una novela satírica, llena de polifonías que pone al descubierto el choque de civilizaciones.

Un ascensor, un asesinato ¿cuál de los vecinos de Piazza Vittorio ha sido? ¿Acaso Amedeo?

Autor: Amara Lakhous
Traducción: Fabrizio Lorusso
Género: Novela
Colección: Nómada
Tamaño: 13.5 x 21 cm
Páginas: 160
ISBN: 978-607956674-6
eBook ISBN: 978-607956675-3
Precio: $199.00 MXN

Presentazione de Le Macerie di Haiti – Venerdì 14 dicembre – Roma (Radio Wuonz Live Club)

 

Macerie di Haiti presentazione2

  • Presentazione del libro

    LE MACERIE DI HAITI
    di Fabrizio Lorusso e Romina Vinci

    ne discutono con l‘autrice

    il giornalista Pierluigi Grimaldi
    e Gabriella Pierre Louis, membro dell’Associazione Fraternità Haitiana

    Letture di Carmen Maffione,
    Enrico Pittari e Simona Lacapruccia

    VENERDI’ 14 DICEMBRE 2012, ore 21

    presso il locale Radio Wuonz Live Club
    Via Nemorense 145, Roma.

Evento Facebook.

 

Haiti, gli aiuti internazionali e le macerie

Video (link) intervento alla presentazione del libro Le macerie di Haiti di Romina Vinci e Fabrizio Lorusso – Presentazione 4 dic 2012 Circolo stampa Roma. L’intervento vuole sottolineare come la “repubblica delle ONG”, come è stata chiamata Haiti da giornalisti e osservatori, sia frutto di un processo storico che va oltre le continue catastrofi naturali e istituzionali che coinvolgono l’isola. Gli aiuti selettivi e le multinazionali della solidarietà si uniscono alla presenza asfissiante, ma anche a volte necessaria, osteggiata e cercata allo stesso tempo, delle potenze straniere (Francia, USA e Canada in primis). L’Aumohd, associazione di avvocati il cui presidente è Evel Fanfan, ha lavorato bene negli ultimi anni sul territorio e nei quartieri disagiati della capitale Porto Principe per aiutare la popolazione, tutelare i diritti umani, lottare per i diritti dei lavoratori e delle persone incarcerate ingiustamente. Ecco il link al video (se non riuscite a vederlo qui).

Link utili

Prologo del libro:

lamericalatina.net/2012/12/03/le-macerie-di-haiti-prologo-e-presentazione/

Cronaca della presentazione:

rominavinci.wordpress.com/2012/12/04/le-macerie-di-haiti-buona-la-prima/

HaitiNeverDies

Le macerie di Haiti – Prima presentazione del libro a Roma!

L’Erudita è lieta di invitarvi

Martedì 4 dicembre 2012 alle ore 11

presso la sala “Paola Angelici” – Associazione Stampa Romana

Piazza della Torretta 36, Roma

alla presentazione del libro

Le macerie di Haiti

Fabrizio Lorusso e Romina Vinci

Intervengono:

Enzo Iacopino, Presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti

Nadia Angelucci, giornalista, curatrice della trasmissione “Bucanero. Tracce e paesaggi dal continente latinoamericano” di Radio Popolare Roma

Beatrice Curci, direttore dell’Associazione Stampa Romana

Sarà presente uno gli autori, Romina Vinci

In collegamento da Città del Messico, Fabrizio Lorusso

 Saranno letti brani del libro da  Enrico Pittari e Carmen Maffione.

(Link Libro Qui)

 DUE DIARI DAL CENTRO DELLA CATASTROFE, 

PER SPIEGARE CHE LE MACERIE DI HAITI

NON SONO SOLTANTO QUELLE LASCIATE DAL TERREMOTO

Storie a cui nessuno darà mai voce, perché forse una voce non l’hanno mai avuta.

Un mucchio di macerie fatte di uomini.

Haiti, 12 gennaio 2010: il terremoto accende una luce sulla tragedia di un popolo abbandonato. A quasi tre anni dalla catastrofe, Fabrizio Lorusso e Romina Vinci ci regalano i loro diari-reportage e i loro scatti dal centro del disastro. Per non lasciare che quella luce si spenga. Fabrizio è arrivato a Porto Principe nel febbraio 2010, subito dopo il terremoto che ha fatto oltre 250.000 vittime e un milione e mezzo di senza tetto. Romina nell’ottobre 2011, nel pieno dell’emergenza per il colera e della ricostruzione, mai cominciata, della capitale.

I loro racconti si alternano, spesso parlano degli stessi luoghi e delle stesse persone conosciute in situazioni e tempi diversi. Le narrazioni diventano a volte dei reportage, dei diari di bordo, altre volte sono dei flussi di coscienza, vividi e pungenti. Per spiegare che Haiti è molto più che una crepa aperta nella terra. È il silenzio di un’isola incatenata alla contraddizione portata dall’ingerenza militare e culturale occidentale. È il volto di una povertà che non lascia scampo, aggravata dall’inerzia di un popolo che ormai si è arreso allo stato di emergenza perenne. È la dignità dei volontari cui viene data voce in queste pagine, per non lasciare che le loro storie cadano nell’indifferenza.

La pubblicazione di questo testo non è altro che uno strumento degli autori per aiutare Haiti: raccontare le esperienze che hanno direttamente vissuto e devolvere i diritti d’autore all’associazione Aumohd, che opera sul territorio.

Fabrizio Lorusso vive in Messico da 11 anni. È giornalista, scrittore e accademico, dottorando in Studi Latino Americani alla Universidad Nacional Autónoma de México. Si dedica all’insegnamento dellalinguacultura italiana, della storia e politica latino americane e alla traduzione.

Romina Vinci è una giornalista nata nel 1983. Laureata in Scienze Umanistiche, ha viaggiato – e scritto – negli Stati Uniti, in Libano, in Kosovo, in Afghanistan e ad Haiti.

La visita del Papa in Messico e il Corriere della Sera

La lettura di alcuni articoli del Corriere della Sera sulla visita del Papa in Messico del 24-26 marzo mi ha spinto a scrivere questo pezzo per mostrare e chiarire alcuni elementi tralasciati, del tutto o in parte, dai media italiani. Il tour papale, una visita di stato oltre che pastorale, ha avuto solo due tappe, le città di León e Guanajuato nello stato centro-settentrionale e cattolicissimo di Guanajuato. Quanto visto e sentito in televisione o su alcuni giornali in Italia riflette poco il dibattito in corso qui, oltreoceano, dove molte controversie sulla Chiesa messicana e sul Vaticano hanno avuto una rilevanza mediatica e pubblica fondamentale. Questo viaggio di Ratzinger è stato presentato in Italia con poche e vaghe sfumature, quasi si trattasse semplicemente di una visita apostolica, una gita disinteressata e amorevole coronata dal solito bagno di folla. Alcuni, primo tra tutti il poeta messicano e attivista Javier Sicilia del Movimento per la Pace, avevano immaginato un Papa che va a Ciudad Juarez a trovare le vittime del femminicidio (il correttore di word sottolinea ancora questa parola col rosso, un errore, una cosa che non esiste…), un pontefice che parla ai narcos e ai corrotti nelle istituzioni, un padre che apre ai poveri e alla società reale, ai migranti e ai loro carnefici quotidiani, al di là delle etichette e delle demagogie, insomma un Papa che spiega come mai per 50 anni la Chiesa ha coperto i crimini dei pedofili e che, anche in America Latina, propone una riconciliazione e un dialogo. Sono stati delusi.

Gli articoli del Corriere cui mi riferirò sono un buon esempio, un campione dei media italiani, dei pezzi che non “sentono l’altra campana” e riproducono la versione ufficiale della presidenza messicana e delle gerarchie vaticane quasi per filo e per segno, acriticamente. Il Messico sta vivendo uno dei periodi più difficili della sua storia e merita uno sforzo di comprensione in più.

I preliminari. Il 23 marzo la redazione firma un articolo che è una cronaca dettagliata della partenza del Papa: in aeroporto “tra gli altri erano presenti il presidente di Alitalia Roberto Colaninno e l’Amministratore Delegato di Aeroporti di Roma, Lorenzo Lo Presti”. Utilissimo e fondamentale sottolineare l’uso del bastone in pubblico da parte del santo padre, i messaggi e auguri di Napolitano, il fatto che Ratzinger sappia scendere da solo la scaletta del Boing (“senza impacci”) e il suo pensiero sul marxismo.

“È evidente che al giorno d’oggi l’ideologia marxista come era concepita non corrisponde più alla realtà e così non può costituire una società -ha detto- devono trovarsi nuovi modelli con pazienza e in modo costruttivo. Questo processo richiede pazienza e decisione e vogliamo aiutarlo con spirito di dialogo per evitare traumi”. Oltre un secolo di dibattiti risolti in una frase, questa sì che è capacità di sintesi. Ad ogni modo col Messico c’entrava poco, si nota da subito che il vero campo da gioco sarà Cuba e la terra azteca sarà solo un bel trampolino di lancio mediatico, uno scalo tecnico in cui le forme prevaricano i contenuti, molto più del solito.

Climax. Il 24 marzo il tema centrale di un altro redazionale è la sicurezza per l’arrivo di Benedetto XVI, “Papamovil e 13 mila uomini armati fino ai denti per accogliere il Pontefice. Sono le misure di sicurezza predisposte per la tappa messicana del viaggio apostolico di Benedetto XVI”. E ancora, sempre più interessante (!), le caratteristiche tecniche della “Bestia”, l’auto papale blindata.

COME LA BESTIA – Il mezzo blindato scelto per gli spostamenti è dotato di un sistema di blindaggio simile a quello dalla limousine chiamata la bestia e utilizzata nell’ultima visita nel paese dal presidente Usa Barack Obama. Il Papamovil pesa cinque tonnellate e viaggia a circa 20 chilometri orari per permettere alla folla presente di scattare fotografie”, e così via per un paragrafo intero, senza tregua e senza informazione.

A chi vive in Messico viene subito in mente qualcosa di meno tecnico e avveniristico, la bestia: così si chiama il treno dei migranti che carica speranze e umanità su dal Chiapas al nord del Messico, il treno dei centroamericani che vengono rapinati, stuprati, mutilati e deportati su quei binari di abusi e dolore, violentati dalle autorità messicane, la famosa polizia migratoria e vari corpi di agenti federali e locali, e dalle gang di narcos e di mara salvatrucha, anch’essi centroamericani passati alla delinquenza organizzata, che lucrano sulla disperazione e su questa vera e propria tratta degli schiavi postmoderna.

Dall’articolo dell’inviato Gian Guido Vecchi del 25 marzo leggiamo: “Il Papa in Messico: «Proteggete i bambini». Benedetto XVI a Guanajuato: «Miei piccoli amici, non siete soli». E agli adulti: «Non spegnete il loro sorriso». «Miei piccoli amici», li chiama. «Cari bambini, sono felice, molto felice di potervi incontrare e di vedere i vostri volti allegri che riempiono questa bella piazza. Voi occupate un posto molto importante nel cuore del Papa». Perché se già gli adulti sono calorosi, da queste parti, i bambini e i ragazzini che affollano a migliaia Plaza de la Paz, a Guanajuato, gli riservano un’accoglienza fantastica, tra bandierine e coriandoli e grida a squarciagola, a un certo punto tutti quanti intonano «Cielito lindo» e in omaggio a Ratzinger la banda abbozza pure una (spaventosa, va detto) versione della Quinta di Beethoven, alla fine pure la Nona”. L’accoglienza da star nel cuore cattolico del Messico e la riscoperta del folclore locale erano un elemento scontato, ma forse il tempo disponibile poteva essere utilizzato meglio, magari aprendo spazi di dialogo con le vittime messicane della pedofilia e della narcoviolenza.

Forse ad alcuni suona un po’ populista dirlo, ma chi ha spento molti sorrisi dei bambini messicani è stata proprio la Chiesa di Roma. Durante i tre giorni di visita in Messico Benedetto XVI non ha incontrato, come invece ha fatto in altri paesi, le vittime di pedofilia, in particolare quelle del celebre padre Marcial Maciel, noto pedofilo e fondatore della potente congregazione dei Legionari di Cristo.

Riporto da L’Unità del 24 marzo 2012 una parte di un mio articolo: “Proprio in questi giorni è uscito il libro “La volontà di non sapere”, dei ricercatori messicani Barba, Athié e González che ripercorrono la vicenda di Marcial Maciel, fondatore a Città del Messico della congregazione dei Legionari di Cristo e colpevole di pedofilia. A sei anni dalla presa di distanza del Vaticano e a quattro dalla sua morte, gli studiosi mostrano ora i documenti che spiegano come a Roma già dagli anni quaranta fossero noti i comportamenti deviati del sacerdote”. Ecco la differenza tra i bei discorsi sui bambini e la realtà, un gap che si chiama populismo papale, cioè sapere, coprire e tacere. Il problema non è circoscritto ai crimini di Maciel, ma si è allargato a molti altri membri del clero messicano tra cardinali e alti prelati che tentano di “lavare i panni sporchi in famiglia” salvo poi fare carriera ed essere invitati dal Papa alle sue cerimonie.

La rivista messicana Proceso, numero 1848, approfondisce vari casi di abusi sessuali e coperture citando, tra queste, quelle del cardinale Norberto Rivera, arcivescovo di Città del Messico, e di José Guadalupe Martín Rábago, arcivescovo di León e anfitrione di questa visita. Mi chiedo anche come sia possibile non menzionare il fatto che Guanajuato è uno degli stati più conservatori, nel senso di retrogradi, del paese e che qui le donne che interrompono la gravidanza per qualunque motivo vanno incontro a processi penali. Come reazione alla legalizzazione dell’aborto a Città del Messico, governata da una coalizione progressista dal 1997, diciassette stati del Messico hanno deciso di applicare questo tipo di sanzione (penale) nei loro territori e la candidata presidenziale Josefina Vazquez Mota, del Partido Accion Nacional, la formazione politica dell’attuale presidente Felipe Calderon, aspira a uniformare in senso restrittivo i diritti delle donne a livello nazionale e, quindi, a fare vari passi indietro rispetto al tanto ammirato “primo mondo”.

Anche per colpa di scandali come quello di Maciel, un sacerdote con sei figli sparsi per il mondo, impune per oltre 50 anni e fino alla morte, la Chiesa cattolica ha perso nettamente terreno rispetto alle altre fedi. Cito di nuovo il mio pezzo, non me ne abbiate, i dati son questi: “L’arrivo del Papa assume una rilevanza speciale per il momento politico del Messico e per la stessa Chiesa che qui affronta una costante emorragia di fedeli. “Il Papa viene a saldare un debito”, sostiene il cardinale di Guadalajara, Juan Sandoval, alludendo all’abbandono dell’America Latina che ha favorito l’espansione di protestanti, evangelici e pentecostali: in Brasile la percentuale di cattolici è scesa al 68%, in El Salvador e Nicaragua è al 50%, in Messico è al minimo storico, l’82,7%. Su 7688 associazioni religiose, oltre 4000 non sono cattoliche e hanno ben 41.000 sacerdoti su un totale di 70.000. Il fenomeno è fortissimo nel sud del paese, dal Chiapas allo Yucatan, mentre nel centro il cattolicesimo ha mantenuto percentuali superiori al 90%”. Un altro problema sottolineato dai media messicani e ignorato all’estero sono le spese della visita per l’erario: oltre 100 milioni di dollari. Ci starebbe forse per una visita di stato, ma non si era dihiarato che era una visita pastorale e basta?

Anticlimax. Dall’inviato Vecchi, il 25 marzo: Il Papa: «La Chiesa smascheri il male». L’incontro con i parenti dei desaparecidos. «È una grande responsabilità quella di educare le coscienze». Vediamo: “Il pontefice ha parlato con la madre di un poliziotto desaparecido, un’altra madre che ha visto sparire i suoi quattro figli, la sorella di un sequestrato, il fratello di una studentessa uccisa per caso durante una sparatoria, e ancora tra gli altri la madre di una delle 15 persone, compresi donne e bambini, massacrate dai narcos nella strage di Villas de Salvarcar, il 30 gennaio”. Il resto dell’articolo, e anche dei precedenti, riporta quasi interamente le dichiarazioni del pontefice con un contesto ridotto a folclore e poche nozioni. Qual è il problema? Il Papa non ha ricevuto né ha dialogato con le vittime del narcotraffico o coi parenti dei desaparecidos, ma li ha incontrati di sfuggita, salutandoli, in uno strascico di tempo rubato all’agenda.

Non ha dato risposte concrete al Movimento per la Pace, uno degli interlocutori sociali più importanti del paese in questo momento che da un anno a questa parte rende visibili quelle vittime che il governo cercava di occultare e considerava “collaterali”, cioè i 16mila desaparecidos (in genere fatti sparire dai narcos e/o dalle autorità colluse con gli stessi criminali) e i 60mila morti della guerra al narcotraffico cominciata dal presidente Calderón.

Mentre Benedetto XVI si divertiva coi mariachi e i canti, nei pochi tempi morti della sua “intensa agenda”, le vittime di Maciel denunciavano l’assenza totale di risposte alle loro richieste d’incontro con il santo padre che negli USA nel 2008, a Malta e in Gran Bretagna nel 2010 e in Germania nel 2011 aveva tenuto dei dialoghi più o meno lunghi con le vittime. L’incontro con i parenti dei desaparecidos, sbandierato dal titolo dell’articolo, è stato brevissimo, un saluto fulmineo programmato all’ultimo minuto proprio per poterne parlare un po’ e sviare l’attenzione dalla mancanza di proposte e contenuti del massimo rappresentante dei cattolici, un incontro che ha un senso solo per la propaganda e la forma.

O meglio, i contenuti c’erano, ma poco avevano a che vedere con la gente. I tre candidati alla presidenza Repubblica (Josefina Vazquez Mota, destra, Enrique Peña Nieto, dell’ex partito egemonico e trasformista, PRI, e Andres Manuel Lopez Obrador del Partido Revolucion Democratica) sono stati invitati e hanno partecipato alla messa (non a un incontro politico o di stato) del Papa, indipendentemente dalla loro fede (uno, quello delle sinistre, Andrès Manuel Lòpez Obrador, non è nemmeno cattolico romano) e hanno cercato così di accattivarsi l’elettorato cattolico e partecipare a un atto di pre-campagna elettorale. E’ anche probabile che Lopez Obrador abbia voluto fare atto di presenza (sempre per opportunità politica, come gli altri due) per non distanziarsi molto dai rivali, infatti la visita papale in un bastione del conservatorismo messicano è stata interpretata da molti opinionisti sin dall’inizio come una mossa dal sapore elettorale orchestrata dai partiti di governo.

La campagna è cominciata il 1 aprile, ufficialmente, e un’apparizione mediatica di massa come questa non poteva essere ignorata dai tre moschettieri. Ma la visita è arrivata anche quando era in fase di approvazione una riforma importante della Costituzione messicana che è stata modificata più volte perché se, da una parte, voleva ribadire e precisare il concetto di libertà religiosa e quello di Stato laico, dall’altra, cercava anche (su proposta del partito PAN di Felipe Calderòn) di concedere radio e Tv alla Chiesa e di aprire all’insegnamento della religione nelle scuole pubbliche, cosa che in Messico, diversamente da quanto succede in Italia, è proibita. La riforma non è stata approvata prima della visita di Ratzinger, ma le speculazioni mediatiche parlavano di un eventuale regalo della politica per il Papa che, però, non è stato consegnato in tempo. Il tema è stato comunque oggetto dei dialoghi tra il presidente e il capo dello stato vaticano e viene visto come un primo passo verso aperture successive contro la laicità dello stato dai critici della riforma.

La giornalista Lydia Cacho a Roma per la mostra “Testimoni dell’Oblio”

Riprendo volentieri la segnalazione del blog Diario Latino e vi segnalo per martedì 13 dicembre alle ore 18.30 l’arrivo della giornalista messicana Lydia Cacho, vincitrice nel 2008 del premio mondiale Unesco per la libertà di stampa, a Roma per una presentazione all’Istituto Cervantes nell’ambito delle attività culturali della mostra “Testigos del olvido”, Testimoni dell’oblio. Ecco come la presenta l’Istituto Cervantes (link info): nel 2005 Lydia Cacho pubblica in Messico “Los Demonios del Eden” e la sua vita cambia inesorabilmente. Jean Succar Kuri, noto proprietario di alberghi, uno degli imprenditori messicani più facoltosi è accusato di essere coinvolto in un giro di pornografia infantile e prostituzioneinsieme a importanti esponenti politici e loschi uomini d’affari. Per questa inchiesta, supportata dalle dichiarazioni delle vittime e da prove filmate con videocamera nascosta, Lydia Cacho viene citata per diffamazione e arrestata illegalmente da un gruppo di poliziotti, picchiata e rinchiusa nel lontano carcere di Puebla. Qui sotto il video dell’ultima intervista (in spagnolo) a Lydia di Reporte Indigo.

Nel suo ultimo libro, Memorias de una infamia (Grijalbo), (Memorie di un’infamia) la giornalista racconta le sue origini come attivista sociale per i diritti umani e il suo sequestro-arresto che ha sofferto per ordine di potenti politici denunciati nel suo libro. “Lydia Cacho è un modello per chiunque voglia fare giornalismo. È una donna di grande coraggio che ha sopportato la prigione e la tortura per difendere una minoranza che nessuno ascolta, per attirare l’attenzione sugli abusi che bambine e donne devono subire in Messico e nelle parti più povere del mondo. Ha raccolto informazioni mai venute alla luce prima, ha rischiato in prima persona facendo i nomi di politici e imprenditori.” Roberto Saviano.

Guarda la presentazione che fa di Lydia Cacho la giornalista Carmen Aristegui

Sorci Verdi. Presentazione in anteprima a Roma

Dal 19 ottobre sarà in libreria Sorci verdi. Storie di ordinario leghismo (Ed. Alegre), raccolta di racconti di 17 brillanti scrittori. Domenica 9 ottobre presentazione in anteprima a Roma. Si tratta di diciassette racconti per sprofondare negli abissi padani  di: Giulia Blasi, Annalisa Bruni, Giuseppe Ciarallo, Giovanna Cracco, Alessandra Daniele, Girolamo De Michele, Valerio Evangelisti, Angelo Ferracuti, Fabrizio Lorusso, Davide Malesi, Stefania Nardini, Valeria Parrella, Walter G. Pozzi, Alberto Prunetti, Stefano Tassinari, Massimo Vaggi, Lello Voce.

Nel 1936, la 205° squadriglia della Regia aeronautica adottò come stemma tre sorci verdi. “Ti faccio vedere i sorci verdi” da allora significa dare filo da torcere, sconfiggere, umiliare. Negli ultimi venti anni la Lega Nord ha certamente fatto vedere “i sorci verdi” all’Italia. Le sue campagne, i suoi motti, la sua propaganda hanno permeato il sentire popolare affermando una vera e propria egemonia culturale.

Questo libro, attraverso diciassette racconti, rappresenta una narrazione collettiva di umori, pensieri profondi, desideri e speranze di una parte del nostro paese che ha coltivato ansie xenofobe, sogni di secessione ma che si è anche radicata nel potere politico locale e nazionale.

Gli autori e le autrici, firme importanti della narrativa contemporanea, si sono ritrovati insieme quando le amministrazioni leghiste del Nordest hanno cercato di mettere al bando i libri di diversi autori italiani. Nacque allora “Scrittori contro il rogo”, all’interno del quale è scaturita l’idea di questo libro.
Un’impresa collettiva e “militante” che, nonostante i personaggi di fantasia, racconta un’Italia vera.

Gli autori e le autrici non hanno voluto alcun compenso. Gli eventuali utili di questo lavoro saranno destinati a sostenere la biblioteca del carcere di Padova.

Il libro sarà presentato in anteprima a Roma domenica 9 ottobre alle ore 19.00 al Festival “Mal di Libri”, presso il Circolo Arci Forte Fanfulla, a via Fanfulla 5 (Pigneto).

Interverranno: Giulia Blasi, Davide Malesi, Stefania Nardini e Massimo Vaggi.   

Guarda la scheda del libro